HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Pogba: “Torino è casa mia”. Juve, ritorno di fiamma per Barella per stoppare l’Inter. Oltre a James Rodriguez proposto anche De Gea. Galaxy fuori: Ibra-Milan giorni decisivi. Cavani e Napoli, storia non finita

02.11.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 21910 volte
© foto di Federico De Luca

Barella sta scatenando un derby di mercato fra Inter e Milan, per molte ragioni entrambe le società lo vorrebbero da gennaio e lo sappiamo. L’Inter lo ha nel mirino da tempo, un jolly così, in grado di portare energia, qualità e quantità, di sicuro sarebbe l’ideale in un reparto con qualche problema numerico dove Spalletti è stato costretto a rimettere in pista Joao Mario e Borja valero.

Il Milan ne ha bisogno perchè Kessie non ha alternative, Bakayoko fatica a inserirsi, Bonaventura e Biglia sono alle prese con infortuni, i centrocampisti sono pochi numericamente al di là dell’apporto qualitativo che il giovane cagliaritano potrebbe dare.

Il Cagliari non tratta sotto i quaranta milioni, e l’obiettivo sarebbe anche più alto. Giulini non vuole contropartite tecniche, sarà difficilissimo portarlo via a gennaio.

Nel frattempo però è tornata all’attacco anche la Juventus che su Barella era andata prima di tutti, già due anni fa. I bianconeri poi avevano optato per giocatori pronti come Matuidi anche perché avevano già chiuso con l’uruguagio Bentancur, altro ’97, e su Barella sembrava affievolito l’interesse. In questi giorni però, vuoi per evitare che il ragazzo vada ad altre italiane (c’è anche il Napoli) vuoi perché nel frattempo è cresciuto molto, la Juve si è mossa di nuovo.

Intanto per ribadire che anche senza Marotta deve restare saldo il rapporto fra le due società. E su questo la Juve vuole fare leva. Proprio in vista dell’affare Barella la Juve due anni fa aveva mandato in Sardegna il difensore Romagna, poi riscattato dal Cagliari. Ma prima anche Padoin, Tello e Isla, ancora Caligiuri e ultimo l’attaccante Cerri in prestito per un milione. Un rapporto solido che deve essere rinsaldato e questo potrebbe agevolare l’operazione a favore della Signora.

La Juve, al contrario di Inter e Milan, fra l’altro non ha urgenza, non vuole Barella a gennaio ma a giugno. E, soprattutto vuole far stare la questione in stand by per capire come finirà la vicenda Pogba. E’ chiaro che se il Manchester decidesse di mettere in vendita il francese, la Juve con Raiola c’è e ci vorrà essere. Non a caso anche ieri il giocatore ha detto e sottolineato: Torino è casa mia. Quindi, di sicuro i bianconeri spingeranno perché Giulini non prenda alcuna decisione prima di giugno e vogliono tornare ad essere interlocutore privilegiato. Rimanendo in tema Juve, continuano segnali su James Rodriguez come vi avevamo scritto settimane fa. Il suo procuratore Mendes, quello di Ronaldo per capirci, vuole ricostruire a Torino la coppia che si intendeva benissimo al Real e si sta muovendo come solo lui sa fare. Anzi, la Juve sta diventando (ovvio) una società di riferimento per Mendes tanto che avrebbe anche proposto di prendere il portiere De Gea in scadenza l’anno prossimo con il Manchester. Guarda caso non vuole rinnovare. E’ chiaro che le commissioni sarebbero altissime, ma vendendo Szczesny la Juve ci potrebbe pure guadagnare e avere un portiere ancora più forte.

Sono giorni decisivi anche per il grande ritorno di Ibra al Milan. Il giocatore aveva chiesto una pausa, voleva concentrarsi sui Galaxy per centrare l’obiettivo dei play off della Mls che purtroppo domenica scorsa è saltato. Lo svedese è deluso, fatica a smaltire la rabbia, ci teneva parecchio, lui vuole sempre vincere. Ora però avrà un mese di tempo, entro novembre dovrà esaminare la situazione e il ventaglio di ipotesi che gli sottoporrà Raiola per chiudere la carriera. Sei mesi al Milan restano un’idea molto intrigante, Raiola ne ha parlato anche la settimana scorsa con Leonardo. E’ chiaro che a 37 anni Ibra deve avere motivazioni forti, vuole capire se può essere ancora un protagonista, altrimenti opterà per altre soluzioni. Il Milan ci spera, un attacco con Higuain-Ibra anche a mezzo servizio, potrebbe ancora dare tanto. Come già detto, Ibra potrebbe essere importante anche nello spogliatoio, per far crescere la mentalità. Storia da scrivere.

Un’altra storia che aspetta il finale è quella di Cavani con il Napoli. Come avete letto e sentito, i messaggi e i segnali continuano. L’idea del Gran Ritorno partita l’estate scorsa non è ancora tramontata. Gli emissari ci hanno lavorato, speravano di convincere il Matador a abbassarsi l’ingaggio per mettere a posto le caselle, ma non ce l’hanno fatta. De Laurentiis aspetta un nuovo segnale, il giocatore ci pensa, ma non decide. E’ chiaro che stiamo parlando per l’estate prossima , è altrettanto chiaro che un giocatore difficilmente accetta di guadagnare di meno, ma l’ennesima porta aperta lasciata da Cavani “Vedremo cosa succederà”, durante il Golden Foot ci fa capire che l’idea è viva. E Cavani è uno di quelli ancora in grado di infiammare i tifosi napoletani.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Marotta c'è: le date, il contratto, la sfida alla Juve e il mercato (già a gennaio). Milan: la iella, l'orgoglio, la resa dei conti con l'Uefa... e Ibra. Italia: un azzurro mai visto. Ma attenti alla mer... 20.11 - La menata della sosta ci impedisce di essere brillanti ma, al contrario, molto diretti e avvelenati (la verità è che c’è Cantù-Pesaro di basket e stiamo volando a Desio per sostenere Cantù, glorioserrima società a rischio fallimento per questioni – che caso – legate a patron che se...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy