VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Quando andate al mercato state attenti al bidone:

06.07.2014 00.00 di Italo Cucci   articolo letto 31605 volte
© foto di Federico De Luca

Lo scrisse Socrate, lo confermò Platone: "Quando andate al mercato-state attenti al bidone". Ce n'è in giro millanta-e qualcun li decanta". Vabbè, basta con le rime baciate. E' solo un innocente tentativo di aggiungere qualcosa allo sciocchezzaio imperante; naturalmente distinguendo le balle cinesi dalle verità. Soprattutto in pieno Mondiale, proprio quando i valori sono sul punto di rivelarsi nelle partite decisive. Ho sempre sostenuto, infatti, fin da maggio, che le sentenze mondiali avrebbero dato un forte contributo alle operazioni di acquisti e cessioni, ovviamente legate al rendimento dei candidati a un trasferimento. Lasciando fuori Brasile, Germania, Argentina e Olanda - ora semifinaliste - ho preso nota dei contraccolpi dovuti alle bocciature. Escludendo subito - morsi a parte - Luis Suarez, il cui valore non è stato messo a rischio dalla bocciatura dell'Uruguay, salvo un piccolo ridimensionamento legato ai quattro mesi di squalifica e alle nove partite che dovrà saltare: paradossalmente, la condanna disciplinare non ha peso tecnico e l'operazione Barcellona potrà andare in porto, sempre che il mite Luis Henrique accetti la conversione del suo grande club che un tempo indossava la gloriosa maglia azulgrana con la scritta "UNICEF" e adesso potrebbe adottare lo slogan cinematografico (autore Roman Polanski) "PER FAVORE NON MORDERMI SUL COLLO". Prendo nota - non con disappunto ma con senso dell'umorismo - che l'unico calciatore declassato dalla sconfitta mondiale è Mario Balotelli. Dicono che prima del flop azzurro valesse 35 milioni; e che stesse per acquistarlo l'Arsenal; dico che mi sembra una cifra gonfiata (il capocannoniere Immobile al Borussia per 18 milioni...) e che forse insieme all'acquisto dell'ex Supermario il club inglese avesse in animo anche di esonerare Arsene Wenger - colui che Mourinho ha definito il Re dei Perdenti - noto gentleman estimatore di giocatori corretti e professionali. Il ragazzaccio Balo - parola di Berlusconi - ha fatto perdere al Milan un'occasione d'oro; non ho notizie dei nuovi valori degli Eroi di Spagna, di Cristiano Ronaldo, di Rooney, di Sanchez; ma restiamo a casa: e ditemi perché Cuadrado, Zuniga, Guarin e Pogba e Mertens (forse i peggiori in campo nei Quarti) dovrebbero ancora valere cifre iperboliche (50 Cuadrado, 80 Pogba) e pretendere ingaggi da nababbi. Se penso che Boniperti si limitò ad aumentare di poche migliaia di lire l'ingaggio dei bianconeri campioni del mondo reduci da Spagna (e quelli che non accettarono furono subito sbolognati) azzardo l'ipotesi che gli sconfitti d'oggi dovrebbero addirittura restituire pacchi di euro. Ma non si fa. Non si può fare. Al massimo si può tentare di farlo con Mario Balotelli detto "il Mostro", per far contenti i suoi numerosi detrattori, abitualmente a caccia di capri espiatori, e il Cav.Dott. che lo considera da sempre un rovina famiglie, anzi: una mela marcia. In fondo, la versione addomesticata delle cronache mondiali dice che in Brasile non è stata sconfitta la Nazionale di Prandelli ma l'Italia di Balotelli. Appassionato di colori, i suoi nemici Mario prima li ha fatti neri. Poi s'è fatto biondo e ha mormorato "c'è chi può e chi non può: Io può".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.