HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Quel sottile filo conduttore che lega Neymar al PSG, il sogno più lontano dell'Inter e quello di CR7 al Milan. La Juventus intanto è pronta al colpo in mediana e c'è un ritorno di fiamma delle ultime ore

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
30.07.2017 14:00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 102292 volte
© foto di Image Sport

Manca un mese e un giorno alla fine del mercato estivo e, signori, è il più bello degli ultimi anni. A livello internazionale. Rischia di essere anche il più bello di sempre a breve giro di posta. Perché Neymar è sempre più diretto verso il Paris Saint-Germain, in una scelta tutta personale ed economica. La realtà è che il brasiliano si è stufato di essere la seconda stella, vuole brillare di luce propria e non godere solo della scia di Lionel Messi. Poi ha nostalgia del suo 'clan' brasiliano e il richiamo di Dani Alves, Marquinhos, Thiago Silva, Thiago Motta & co è troppo forte per dire di no.

La strada sembra tracciata con il Barcellona che adesso rischia di complicare fortemente i piani all'Inter. Sì, perché Walter Sabatini sta lavorando da lungo tempo all'arrivo in nerazzurro di Angel Di Maria. I contatti col nuovo agente del Flaco, Sabbag, erano costanti e c'era grande fiducia. Poi il caso Neymar ha spaccato tutti gli orizzonti e Messi può aver presto con sè, in una storia molto simile a quella di Ney, il suo amico argentino di Rosario. Neymar avrebbe voluto con sè pure Philippe Coutinho dal Liverpool e non si arrenderà ad averlo anche a Parigi ma i Blaugrana, dopo lo smacco dell'addio nonostante l'affare che si prospetta più costoso della storia del calcio, è pronto a soffiarglielo e a portarlo a disposizione di Valverde. E il Real Madrid? No, non può stare a guardare. Ha pronta la risposta Kylian Mbappè, coi contatti col Monaco avanti da un pezzo. C'era anche il PSG, poi l'affare Neymar ha portato Al-Khelaifi ad andare all-in sul brasiliano e il Monaco a trattare più che volentieri con Florentino Perez.

C'è un sottile e profondo filo conduttore che lega i grandi nomi del mercato di cui stiamo parlando in questi giorni. Neymar ha fatto insorgere tutti, per cifre e numeri, in quanto a rispetto del fair play finanziario. Il PSG ha fatturato 542 milioni nell'ultima stagione. L'ingaggio di Neymar, al lordo, porterebbe la percentuale dei salari rispetto ai ricavi al 65% circa e la Uefa prevede che questa quota non sfori il 70%. Il tutto a fatturato attuale ma la previsione dei qatarioti è che l'arrivo del brasiliano faccia impennare i ricavi in quanto a merchandising e introiti.

Ecco, perché, il Milan targato cinese con Fassone e Mirabelli alla guida del mercato ha chiesto informazioni a Jorge Mendes su Cristiano Ronaldo. Andiamo con ordine per spiegare il progetto del club, chiarito anche dal dg nella risposta a James Pallotta degli scorsi giorni. La società di Via Aldo Rossi è la prima in assoluto, da quando è entrato in vigore il FFP, ad essere andata dalla Uefa a spiegare la propria volontà di 'sforare'. Di spendere e spandere, avendo disponibilità economiche garantite dalla proprietà. Si tratta di un Voluntary Agreement, accordo che la Uefa concede al club che cambia proprietà che prevede un piano di rientro per rientrare all'interno dei paletti del FFP che prevedono perdite dopo il triennio non superiori ai 30 milioni. Il primo, però, è 'anno franco'. Dopo il cambio proprietà viene concesso alla società di investire a patto che venga presentata l'intenzione di rientrare secondo un piano prestabilito.

Il Milan, come spiegato dallo stesso Fassone, è certo che gli investimenti siano pienamente sostenibili nel prossimo quadriennio. Il piano di rientro prevede incremento degli introiti dal marketing soprattutto sui mercati orientali. Incremento del merchandising attraverso l'acquisizione di grandi calciatori e allo studio c'è anche la quotazione in borsa, probabilmente quella di Hong Kong, dell'AC Milan. Chiaro che l'occhio lungo sul Milan non sia solo quello della Uefa ma anche di Elliott Management Corporation e pare anche di Blue Skye, società londinese che si sarebbe occupata dell'operazione. Anche a loro, che insieme avrebbero dunque creato Project RedBlack, Fassone e Li hanno presentato il piano di rientro. Nel messaggio a Pallotta, Fassone ha citato il "bond a Vienna". Il Milan ne ha emessi due: Titoli Serie 1, per un totale di 71 milioni, con cui il club vuole reperire risorse per estinguere il finanziamento. Titoli Serie 2 per il finanziamento della campagna acquisti. Il secondo è un bond da 55 milioni, nelle intenzioni della proprietà destinato a crescere, "e siamo ampiamente al di sotto del suo consumo", ha detto Fassone.

Ecco perché, Cristiano Ronaldo. Ecco perché idee del genere, almeno. Il Milan è nel suo 'anno franco', in quello in cui potrà investire più che nel prossimo triennio dove (a proposito: il club farà probabilmente bilanci semestrali cambiando il periodo proprio per maggior trasparenza con la Uefa) l'occhio lungo e la morsa del Fair Play Finanziario si farà sentire. E' l'estate (anche l'inverno, sì, ma colpi del genere a gennaio non si fanno) del Grande Sogno. Maiuscolo. Del grande investimento. Esattamente come per Neymar al PSG, il Milan ha intenzione di prendere un suo grande uomo simbolo per far impennare il marketing, le vendite, gli introiti. Per estinguere il debito e mettere in piedi altrettanto un progetto vincente. E' un rischio che la proprietà considera calcolato, sebbene arrivare a giocatori di quel calibro sia praticamente quasi impossibile per tutti. Però l'idea c'è ed è qui, in queste righe spiegata e non è un caso se Fassone ha chiesto a Mendes informazioni sul futuro del portoghese, se ne ha parlato in Cina con la proprietà e se anche il giocatore è stato informato.

Il filo conduttore che passa dal fair play finanziario ha toccato la Roma, costretta a vendere due big come Rudiger e Salah, ha bloccato il mercato dell'Inter che adesso un colpo a effetto vuole comunque farlo. Di Maria rischia di allontanarsi, Sabatini non si arrende per Vidal ma è chiaro che Ancelotti è stato categorico a riguardo. Sicché occhio ai cavalli, per il ds, di ritorno, come Lamela del Tottenham.

E la Juventus? Intanto ha preso due grandi calciatori nella batteria offensiva. Douglas Costa è tatticamente e tecnicamente quello che mancava. Bernardeschi, due giorni fa, ha fatto una conferenza stampa degna d'un veterano, nei modi e nei contenuti. Manca il mediano e se Kroos è destinato forse a restare un sogno nonostante i tentativi, se il Liverpool non libera Can, ecco che torna con forza l'ipotesi N'Zonzi. Il Siviglia non demorde, non abbassa le richieste, ma Paratici e Marotta vogliono chiudere il colpo a breve. Lui o Matuidi, in seconda posizione, sono le alternative di un mercato bianconero che potrebbe vedere in partenza anche Lichtsteiner e solo allora arriverà nel caso un terzino destro, che ha tante richieste per Cuadrado, che vedrà fino in fondo la sfida con l'Inter per Schick e i tentativi che ci saranno ancora con l'Atalanta per Spinazzola. La Juve, comunque, resta avanti, nello scacchiere del campionato. Anche se da un mercato così, è lecito aspettarsi di tutto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

“Un giorno all’improvviso…”CR7-Juve, mille vantaggi e un solo svantaggio. Paratici, dal colpo del secolo al bluff del millennio. Raduno Milan: squadra da sostenere, proprietà da contestare. Meret-Napoli, a Pastorello non prendeva il telefono 09.07 - C’è un popolo in attesa. Bambini impazziti che sognano il loro idolo con la maglia della propria squadra del cuore. Il popolo si divide in due: quelli che non vedono l’ora di abbracciarlo e quelli che non vogliono neanche sentire nominare Cristiano Ronaldo, per profonda scaramanzia....

EditorialeDI: Marco Conterio

Lunga ricostruzione della trattativa del secolo: Cristiano Ronaldo alla Juventus. La partita a poker Real-Mendes e il rischio boomerang. Poi i messaggi nascosti, l'orgoglio di Perez, lo United e la strategia economica per raggiungere il sogno 08.07 - Scordata e dimenticata, relegata al ruolo di recettrice di grandi talenti o di campioni in cerca di riscatto, l'Italia è tornata nella cartina geografica mondiale del calcio che conta. Perché Cristiano Ronaldo alla Juventus è trattativa e suggestione che rinverdisce fasti antichi,...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Cristiano Ronaldo sempre più Juve, Higuain verso il Chelsea, l’Inter insiste per Malcom. Milan: obiettivo cessioni 07.07 - Cristiano Ronaldo si avvicina sempre più. La Juventus è a pochi passi dal traguardo, vede insomma l’arrivo. Se Florentino Perez accetta l’offerta di 120 milioni di euro, Cr7 è bianconero. Ci vorrà ancora un pò di pazienza ma l’ottimismo in casa Juventus non manca. E’ chiaro che il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ronaldo ha deciso: vuole solo la Juve. Ok del Real, ma prima Perez vuole riprovare con Neymar, prendere Kane o Mbappè. Tutti i retroscena della trattativa del secolo. 350 milioni per vincere la Champions. Higuain e Rugani al Chelsea per 100 milioni 06.07 - Ronaldo ha deciso: vuole soltanto la Juventus. La leggenda narra che tutto è cominciato la sera del tre aprile scorso quando quarantamila spettatori dello Juventus Stadium si sono alzati in piedi e per più di un minuto lo hanno applaudito per il gol segnato in rovesciata. Da quella...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy