VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Quel sottile filo conduttore che lega Neymar al PSG, il sogno più lontano dell'Inter e quello di CR7 al Milan. La Juventus intanto è pronta al colpo in mediana e c'è un ritorno di fiamma delle ultime ore

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
30.07.2017 14:00 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 101849 volte
© foto di Image Sport

Manca un mese e un giorno alla fine del mercato estivo e, signori, è il più bello degli ultimi anni. A livello internazionale. Rischia di essere anche il più bello di sempre a breve giro di posta. Perché Neymar è sempre più diretto verso il Paris Saint-Germain, in una scelta tutta personale ed economica. La realtà è che il brasiliano si è stufato di essere la seconda stella, vuole brillare di luce propria e non godere solo della scia di Lionel Messi. Poi ha nostalgia del suo 'clan' brasiliano e il richiamo di Dani Alves, Marquinhos, Thiago Silva, Thiago Motta & co è troppo forte per dire di no.

La strada sembra tracciata con il Barcellona che adesso rischia di complicare fortemente i piani all'Inter. Sì, perché Walter Sabatini sta lavorando da lungo tempo all'arrivo in nerazzurro di Angel Di Maria. I contatti col nuovo agente del Flaco, Sabbag, erano costanti e c'era grande fiducia. Poi il caso Neymar ha spaccato tutti gli orizzonti e Messi può aver presto con sè, in una storia molto simile a quella di Ney, il suo amico argentino di Rosario. Neymar avrebbe voluto con sè pure Philippe Coutinho dal Liverpool e non si arrenderà ad averlo anche a Parigi ma i Blaugrana, dopo lo smacco dell'addio nonostante l'affare che si prospetta più costoso della storia del calcio, è pronto a soffiarglielo e a portarlo a disposizione di Valverde. E il Real Madrid? No, non può stare a guardare. Ha pronta la risposta Kylian Mbappè, coi contatti col Monaco avanti da un pezzo. C'era anche il PSG, poi l'affare Neymar ha portato Al-Khelaifi ad andare all-in sul brasiliano e il Monaco a trattare più che volentieri con Florentino Perez.

C'è un sottile e profondo filo conduttore che lega i grandi nomi del mercato di cui stiamo parlando in questi giorni. Neymar ha fatto insorgere tutti, per cifre e numeri, in quanto a rispetto del fair play finanziario. Il PSG ha fatturato 542 milioni nell'ultima stagione. L'ingaggio di Neymar, al lordo, porterebbe la percentuale dei salari rispetto ai ricavi al 65% circa e la Uefa prevede che questa quota non sfori il 70%. Il tutto a fatturato attuale ma la previsione dei qatarioti è che l'arrivo del brasiliano faccia impennare i ricavi in quanto a merchandising e introiti.

Ecco, perché, il Milan targato cinese con Fassone e Mirabelli alla guida del mercato ha chiesto informazioni a Jorge Mendes su Cristiano Ronaldo. Andiamo con ordine per spiegare il progetto del club, chiarito anche dal dg nella risposta a James Pallotta degli scorsi giorni. La società di Via Aldo Rossi è la prima in assoluto, da quando è entrato in vigore il FFP, ad essere andata dalla Uefa a spiegare la propria volontà di 'sforare'. Di spendere e spandere, avendo disponibilità economiche garantite dalla proprietà. Si tratta di un Voluntary Agreement, accordo che la Uefa concede al club che cambia proprietà che prevede un piano di rientro per rientrare all'interno dei paletti del FFP che prevedono perdite dopo il triennio non superiori ai 30 milioni. Il primo, però, è 'anno franco'. Dopo il cambio proprietà viene concesso alla società di investire a patto che venga presentata l'intenzione di rientrare secondo un piano prestabilito.

Il Milan, come spiegato dallo stesso Fassone, è certo che gli investimenti siano pienamente sostenibili nel prossimo quadriennio. Il piano di rientro prevede incremento degli introiti dal marketing soprattutto sui mercati orientali. Incremento del merchandising attraverso l'acquisizione di grandi calciatori e allo studio c'è anche la quotazione in borsa, probabilmente quella di Hong Kong, dell'AC Milan. Chiaro che l'occhio lungo sul Milan non sia solo quello della Uefa ma anche di Elliott Management Corporation e pare anche di Blue Skye, società londinese che si sarebbe occupata dell'operazione. Anche a loro, che insieme avrebbero dunque creato Project RedBlack, Fassone e Li hanno presentato il piano di rientro. Nel messaggio a Pallotta, Fassone ha citato il "bond a Vienna". Il Milan ne ha emessi due: Titoli Serie 1, per un totale di 71 milioni, con cui il club vuole reperire risorse per estinguere il finanziamento. Titoli Serie 2 per il finanziamento della campagna acquisti. Il secondo è un bond da 55 milioni, nelle intenzioni della proprietà destinato a crescere, "e siamo ampiamente al di sotto del suo consumo", ha detto Fassone.

Ecco perché, Cristiano Ronaldo. Ecco perché idee del genere, almeno. Il Milan è nel suo 'anno franco', in quello in cui potrà investire più che nel prossimo triennio dove (a proposito: il club farà probabilmente bilanci semestrali cambiando il periodo proprio per maggior trasparenza con la Uefa) l'occhio lungo e la morsa del Fair Play Finanziario si farà sentire. E' l'estate (anche l'inverno, sì, ma colpi del genere a gennaio non si fanno) del Grande Sogno. Maiuscolo. Del grande investimento. Esattamente come per Neymar al PSG, il Milan ha intenzione di prendere un suo grande uomo simbolo per far impennare il marketing, le vendite, gli introiti. Per estinguere il debito e mettere in piedi altrettanto un progetto vincente. E' un rischio che la proprietà considera calcolato, sebbene arrivare a giocatori di quel calibro sia praticamente quasi impossibile per tutti. Però l'idea c'è ed è qui, in queste righe spiegata e non è un caso se Fassone ha chiesto a Mendes informazioni sul futuro del portoghese, se ne ha parlato in Cina con la proprietà e se anche il giocatore è stato informato.

Il filo conduttore che passa dal fair play finanziario ha toccato la Roma, costretta a vendere due big come Rudiger e Salah, ha bloccato il mercato dell'Inter che adesso un colpo a effetto vuole comunque farlo. Di Maria rischia di allontanarsi, Sabatini non si arrende per Vidal ma è chiaro che Ancelotti è stato categorico a riguardo. Sicché occhio ai cavalli, per il ds, di ritorno, come Lamela del Tottenham.

E la Juventus? Intanto ha preso due grandi calciatori nella batteria offensiva. Douglas Costa è tatticamente e tecnicamente quello che mancava. Bernardeschi, due giorni fa, ha fatto una conferenza stampa degna d'un veterano, nei modi e nei contenuti. Manca il mediano e se Kroos è destinato forse a restare un sogno nonostante i tentativi, se il Liverpool non libera Can, ecco che torna con forza l'ipotesi N'Zonzi. Il Siviglia non demorde, non abbassa le richieste, ma Paratici e Marotta vogliono chiudere il colpo a breve. Lui o Matuidi, in seconda posizione, sono le alternative di un mercato bianconero che potrebbe vedere in partenza anche Lichtsteiner e solo allora arriverà nel caso un terzino destro, che ha tante richieste per Cuadrado, che vedrà fino in fondo la sfida con l'Inter per Schick e i tentativi che ci saranno ancora con l'Atalanta per Spinazzola. La Juve, comunque, resta avanti, nello scacchiere del campionato. Anche se da un mercato così, è lecito aspettarsi di tutto.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.