HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…)

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
18.07.2018 14:08 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 55896 volte

Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo le nostre vite con i Mondiali di calcio.
Se ne va tutto, ma non si perde niente. Di questi 40 giorni da testimone privilegiato del mondo che torna alla sua natura primordiale di unicità e fratellanza, rimane tutto.
Rimane come la vita dovrebbe essere: non tanto per la festa per le partite di calcio, che alla fine quelle sono soltanto contorno, chi se ne frega alla fine se vince la Francia o la Croazia (beh ovvio, se in mezzo c’è l’Italia hai voglia che ci frega).
Rimane come la vita dovrebbe essere, comunque: ovvero questo entusiastico spontaneo slancio verso gli altri che tutti, davvero tutti, sentono quando c’è il Mondiale. Che ti nasce naturale se sei sul luogo in cui si disputa, ma che in verità sentite anche voi dovunque siate, che dà un patrimonio comune, condiviso, a ognuno di noi, giovani e vecchi, uomini e donne, qualsiasi nazionalità, gente sconosciuta tra loro che però sente un senso di appartenenza e una gioia nel condividere con gente che non conosce e di cui non parla nemmeno la stessa lingua.
E quello che è successo in Russia è questo, ma accelerato dai battiti dell’emozione. Non tanto quella negli stadi.
Ma quella in Piazza Rossa ad esempio: dopo aver finito i collegamenti all’una di notte in diretta per la mia televisione, varie volte mi è capitato di buttarmi in mezzo agli altri - che giocavano al torello.
Ve lo ripeto, cosicché possiate immaginarlo bene: decine di persone da tutto il mondo, a notte fonda, in un cerchio gigante, che facevano torello ridendo e gridando, davanti alla polizia russa, davanti al Cremlino, davanti al mausoleo con la salma di Lenin. Tifosi davvero di tutto il mondo: russi, tedeschi, arabi, palestinesi, israeliani, cinesi, tutto il Latinoamerica unito, inglesi, e questo italiano qua che vi parla.
Ho chiesto ai russi, che sulla stessa Piazza Rossa si sedevano per terra a ciacolare o fare picnic con un po’ di alcol manco fosse un concerto rock, gli ho chiesto se fosse la normalità questa, se d’estate con il bel tempo fosse usuale che i moscoviti si appropriassero della Piazza Rossa. Mi hanno risposto che non l’avevano mai visto.
L’emozione di San Pietroburgo, energia eterna che ti ridisegna e ti rigenera, nelle notti bianche di giugno senza notte nera, dove per coincidenza si sono trovati assieme i brasiliani che erano in città i giorni dopo Brasile-Costa Rica del 22 giugno, e gli argentini che venivano a vedere Argentina-Nigeria del 26 giugno. Entrambi avevano deciso di allungare in un senso o nell’altro il loro soggiorno per potere vedere la immaginifica festa delle Vele Scarlatte del 23 giugno che riversa due milioni di sanpietroburghesi in strada, e praticamente è finita che si sono presi la città in maniera surreale ed esilarante, argentini su un marciapiede, brasiliani sull’altro, a cantarsi cori di scherno su Messi o sul 7-1, con la polizia in mezzo a stare attenta che non si degenerasse, ma in verità c’erano solo risate e salti.
Ma soprattutto l’emozione di un popolo, quello russo, che finalmente ha potuto accogliere il mondo a casa sua, non solo turisti, e il mondo che finalmente è andato a conoscerli questi russi, non solo i monumenti, e da entrambe le parti c’era l’innocenza tenera e infantile dello scoprire qualcosa così grande e così sconosciuto.
E questo nonostante il livello di inglese in Russia rasenti lo zero - e santo chi ha inventato la app di Google Translate che permette di tradurre un audio in tempo reale, vero The Best del Mondiale - eppure anche così si è arrivati l’uno all’altro, con un sentimento che è innato dentro di noi, basta solo avere la possibilità di farlo uscire.
Si dirà: non è la vita vera, è utopia. Ma a questo serve l’utopia: è l’orizzonte verso cui cammini e che non riesci mai a raggiungere. Tu cammini e non lo raggiungi. Ma il concetto non è raggiungerlo: l’utopia serve a farti camminare avanti.
Siamo tutti diversi dopo questo Mondiale in Russia, perfino chi vi scrive, a cui una notte a Mosca si è parata di fronte una bambina che non avrà avuto più di 6 anni, per chiedere l’elemosina. Un evento raro in questo mese, perché è evidente come Putin abbia accuratamente asportato fuori città i senza tetto e il mondo sommerso.
Non aveva senso che quella bambina alle 3 di notte fosse in centro a Mosca a chiedere l’elemosina, dunque le ho chiesto (si fa per dire: mi sono fatto capire, diciamo) dove fosse la sua mamma. Era a una ventina di metri più in là, a osservarci seduta in un’aiuola. E con la presunzione di fare del bene, dopo aver fatto contenta la bambina, sono andato dalla madre a darle il mio stupido rilievo per quello a cui stava sottoponendo la bambina: “Non dovresti farle fare l’elemosina a quest’ora” ha detto in russo Google Translate in mia rappresentanza. Che Dio mi possa perdonare.
E mentre stavo per andarmene, la giovane madre mi ha afferrato il braccio per poter parlare al Traduttore, raccontandomi che era stata abbandonata da una settimana dal marito con cui era venuta dal Tagikistan, e che era stata all’ambasciata ma le servivano molti soldi per poter comprare il biglietto di ritorno, e che da 7 giorni dormivano con la bambina nel parco più centrale, ma solo di giorno, perché di notte la polizia veniva a fare sgomberare.
Non ho ancora nei miei 37 anni trovato le parole per descrivere il sorriso della bambina quando guardava questa app che traduceva immediatamente quello che dicevamo, la sua emozione nel poter partecipare.
Siamo rimasti un’ora assieme, in cui mi ha raccontato la sua storia, e poi prima di andare via mi ha chiesto: “Ma tu non hai bambini?”. E alla mia risposta negativa, lei, disperata tra i disperati, rinnegata e in pericolo, mi dice: “E perché mai? Guarda quante cose belle da vivere ci sono intorno”.
Lei, a me.
Amina e Zadara, o almeno così ho capito si chiamassero, di 6 e 31 anni.
Il Mondiale forse serve anche a questo, a ricordarci quanto c’è di bello attorno.
Qui Radio Mosca, sul treno per San Pietroburgo, per l’ultima volta passo e chiudo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la miglior risposta al sorteggio è quella meno scontata, parola di Allegri. Inter: la cifra sul rinnovo di Icardi, le voci (esagerate) su Spalletti. Milan: la "resistenza" di Gattuso in attesa del mercato. Var: basta ostruzionismo 18.12 - Ciao. Siamo entrati nei clamorosi sette giorni del “tanti auguri a te e ai tuoi cari” che alcuni temerari trasformano da subito in “buon Natale, ma anche buon anno nuovo, a te e ai tuoi cari”. La maggior parte della gente che ti dice “a te e ai tuoi cari” odia te e anche i tuoi cari,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Disfatta europea figlia di un campionato inutile e di un sistema morto. Spalletti-Gattuso: due pesi e due misure. Gravina, servono fatti. Anche in Kosovo il mercato chiude il 31. Lega Pro, la Capotondi e il paracadute... 17.12 - Inutile girarci intorno. Possiamo dire che il PSV è diventato il Barcellona o che ad Atene il rigore non c'era ma la verità è una sola: non possiamo ridurci a tifare il Barcellona o ad attaccare l'arbitro per passare il turno in Champions League ed Europa League in situazioni di estrema...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->