VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Raiola, Casa Milan non è più casa tua! Pisa in cerca di gloria su Gattuso. Inter show: Suning prepara il bottino. Cittadella-Marchetti: vi avevamo detto tutto...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
29.05.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 60718 volte
© foto di Federico De Luca

Neanche una riga su Totti? Sarebbe la ripetizione delle ripetizioni di quanto hanno già scritto tutti. Totti e il suo addio è da libro cuore, nell'era dei social viene tutto ingigantito e siamo sicuri che, se non siamo romani e romanisti, non possiamo capire fino in fondo cosa provano a salutare il loro idolo. Sappiamo quello che abbiamo provato da italiani: un grande orgoglio per un uomo che non ha mai tradito la sua maglia e che ha vinto il 2% di quello che avrebbe meritato. Lo ha fatto per la sua gente. Nella vita non esiste riconoscenza. Bene, ieri Roma ha dimostrato che a volte nel calcio si è anche riconoscenti. Ha salutato un calciatore che ha vinto, con un club, solo uno scudetto, due Coppe Italia e due Supercoppe italiane ma la sua fedeltà ha fatto in modo che tutto il mondo del calcio lo reputasse un vero uomo oltre che fuoriclasse.
Speriamo che Donnarumma e Raiola abbiano registrato Roma-Genoa. L'invito è a Gigio che è un ragazzo, giovane ma intelligente. Sei del 1999 e hai una dote innata. Il Milan ti ha consentito di sfruttarla e il Milan ha puntato su di te affidandoti la porta da bambino nonostante gli anni duri del club. Probabilmente ci sarà un giorno in cui potrai andare e le offerte non mancheranno, ma quel giorno non è arrivato. Non potrebbe arrivare così presto. Gigio, ragiona anche che il Milan sta cambiando e potrai vincere come neanche Totti ha fatto nella sua amata Roma. Raiola deve capire, lo scriviamo senza polemica ma con educazione, che al Milan sono cambiate un po' di cose. Casa Milan ha trovato altri inquilini e non per forza tutti devono dire "Sì Mino, facciamo come dici tu". Fassone e Mirabelli offriranno un contratto degno della classe di Gigio ma anche pari all'età del ragazzo. Offrire più di 4 milioni a stagione per 5 anni sarebbe immorale. Allora, caro Mino, farebbe bene il Milan a dire a Gigio di andare altrove perché più di 4 milioni netti all'anno ad un ragazzo del 1999 non si devono offrire. Crediamo che Donnarumma possa campare bene, e con lui tutta la famiglia, con un ingaggio base già a cifre folli. Poi, con il tempo, guadagnerà anche di più ma con i bonus, i risultati e il rendimento. Il vero guaio, Mino, l'ha combinato qualcuno che oggi a Casa Milan non c'è più che oltre a tante cattive abitudini ha lasciato anche tante vedovelle smarrite. Oltre a 71 milioni di euro di debiti, questo Milan ha ereditato anche un contratto pessimo e una gestione scellerata di Donnarumma. Se è vero che non aveva l'età per blindarlo, il Milan avrebbe dovuto cautelarsi meglio al momento del suo esordio, conoscendone le potenzialità. E' il primo, forse unico, caso dove gli italiani danno il "pacco" ai cinesi e non viceversa.
Restando sul Milan, troviamo geniale la scelta di Fassone e Mirabelli di affidare la panchina della Primavera del Milan a Gennaro Gattuso. Geniale per, almeno, tre motivi. 1) Il Milan ai milanisti, così anche le vedovelle non si lamentano più dell'assenza di una bandiera inutile sul sagrato. 2) Rino è un grande allenatore e sa lavorare con i giovani 3) La Primavera va rifondata perché con questi risultati non si andava da nessuna parte. Gattuso ha anche un grande vice, Luigi Riccio, che del campionato Primavera sa tutto. Non ci è piaciuto il comunicato di ieri del Pisa, col quale ha attaccato il Milan per aver fatto firmare un preliminare a Gattuso e per averlo presentato alla stampa prima del canonico 30 giugno. Il Pisa, seppur con una proprietà diversa, non dovrebbe neanche parlare dopo lo scempio dell'ultimo campionato; un club che neanche doveva essere iscritto e neanche avrebbe dovuto partecipare al campionato di serie B. Fare la morale al Milan è sembrato un tantino eccessivo dopo i disastri economici di un club, gestione precedente, e i disastri tecnici della gestione attuale. Cosa avrebbe dovuto fare, secondo il Pisa, il Milan? Aspettare il primo luglio e rischiare di perdere Gattuso? La nuova Proprietà del Pisa vive ancora nel mondo della favole e si è capito anche dai risultati del girone di ritorno.
L'Inter prepara i botti, quelli veri. Sabatini ha avuto mandato da Zhang Jindong di sparare alto. Via 3-4 calciatori importanti per fare cassa ma che hanno deluso le aspettative, aggiungiamo un 200 milioni e facciamo 4-5 colpi da vera Inter. Suning ha allacciato rapporti diretti con Florentino Perez e la telefonata della scorsa settimana ha aperto scenari impensabili. Come vi abbiamo già raccontato, l'Inter ha in pugno Pepe (in scadenza e firmerà un biennale) e James Rodriguez, un uomo da 31 milioni di followers (tutta l'Inter ne ha 1,2, Icardi il top ne ha 1,4). Perché parliamo di followers? Perché questi sono i colpi che piacciono a Zhang. Forti sul campo ma devono essere anche colpi mediatici. Non c'è nulla di male, è una strategia che al giorno d'oggi ci può stare. Sabatini ha un patrimonio in mano e dovrà spenderlo con cura. Il Real sarà un alleato per ricostruire questa Inter e dopo Cardiff ci saranno novità. Ovviamente sul prezzo finale bisogna fare ancora uno sforzo ma la base e, soprattutto il budget, c'è.
Avete visto che indoviniamo con mesi di anticipo anche il mercato dei direttori sportivi? Tutti convinti che Marchetti lasciasse Cittadella per andare al Chievo e noi vi avevamo anticipato che non sarebbe andato da nessuna parte. Siamo dei maghi? No, bisogna conoscere il sistema. Perché un Direttore così bravo come Marchetti non ha mai lasciato l'isola felice di Cittadella? Perché Gabrielli e Marchetti hanno deciso di restare insieme per tutta la vita? Solitamente un Direttore giovane che, a volte, fa bene viene chiamato da qualche club e anche le proposte non dovrebbero mancare. Invece Marchetti è il Cittadella ma nessuno ci dà delle risposte. Non rispondeteci con superficialità perché il calcio è una materia strana. Come mai Marchetti ad alcuni colloqui di lavoro, in passato, diceva di guadagnare una cifra e poi risulta un compenso molto più basso? Purtroppo il calcio è terra di nessuno e il Cittadella non fa notizia ma fare giornalismo significa anche porsi delle domande. Sicuramente non abbiamo noi il titolo per darci delle risposte ma siamo curiosi e vogliamo, una volta per tutte, delle risposte dalle sedi e dalle persone competenti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.