VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Retroscena Conte: il primo addio ci fu a maggio. Milan, primi segnali. Armero, utile se... Inter, Ausilio il vero Presidente: ecco perché! Il giorno di Tavecchio. La Federazione diventa una seconda Lega

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
11.08.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53803 volte
© foto di Federico De Luca

A distanza di più di un mese ancora nessuno ha saputo il vero motivo dell'addio, improvviso, di Antonio Conte alla Juventus. O lo stesso Conte, o la Juventus avrebbero dovuto spiegare i motivi del divorzio; i tifosi bianconeri meritano una risposta. Il mister si sta godendo le vacanze e ha riscoperto il gusto della giornata tipo con famiglia e senza stress. Quanto durerà questa pacchia, però, non si sa. In molti hanno abbozzato alcune spiegazioni, dalle più farlocche (ha un accordo con il Psg; ha già detto sì alla Nazionale con una Federazione senza Presidente) alle più veritiere (ha rotto i rapporti con Marotta; non se la sentiva più di andare avanti con questa squadra). Quello che riportiamo, ovviamente, non è vangelo e neanche la parola della Bibbia ma ci sarebbe da aggiungere un particolare. Conte, a fine stagione, nel primo incontro tenutosi con Marotta e Paratici aveva chiesto delle garanzie. Le ha ricevute, a metà, ma ha deciso di accettare l'ennesima sfida. Agnelli lo ha sempre tutelato e coccolato. A maggio, il Mister aveva già deciso di lasciare la Juventus ed era convinto che gli sarebbe arrivata qualche chiamata diversa dallo 0039. Il telefono, invece, non squillava ed è partito per il ritiro con poca convinzione e meno grinta. Quando i suoi mal di pancia non trovavano più cura nella farmacia Agnelli ha iniziato a perdere potere agli occhi della proprietà. Conte sa benissimo che questa squadra, grazie a lui, è andata oltre le più rosee previsioni. Perchè se fai 102 punti con Chiellini, Bonucci e Barzagli in difesa sei un fenomeno. Conte ha sbattuto la porta quando Andrea Agnelli lo ha scaricato. Marotta non aspettava altro e cercava un allenatore più aziendalista e meno protagonista. Il profilo di Allegri è perfetto per un Direttore come Marotta che, non a caso, viene dalla scuola Galliani. Adesso Conte il "grande" dovrebbe avere la professionalità di non intralciare con la sua assenza i piani di Allegri, storico rivale. La squadra è sempre stata unita con il mister ma oggi si volta pagina e il nuovo allenatore ha, almeno, il diritto di potersela giocare. Sarà il campo a dire se è stato un flop, oppure, riuscirà a proseguire in un progetto vincente. Le concorrenti non stanno facendo a cazzotti per avvicinarsi alla Juve, diciamola tutta. La Roma è la più vicina, il Napoli dorme sonni profondi e le milanesi hanno problemi seri.
Primi segnali di risveglio da parte del Milan, a dire la verità, ci sono. Stona, però, che le buone notizie riguardino più le cessioni di Robinho e Costant che gli arrivi di Lopez dal Real Madrid e Armero da Udine. E' come tifare per una sconfitta della nemica Inter che per una vittoria rossonera. Comunque ben vengano Lopez e Armero. Il colombiano, però, va gestito. Due consigli per il Milan. Il primo tattico: se Armero gioca a sinistra, come quinto di centrocampo è devastante. Forte nell'uno contro uno e bravissimo a saltare l'uomo. Arriva sotto porta ma poi deve darla, se va al tiro spesso non conclude nulla. Ad Udine lo sanno bene in quel maledetto ritorno del preliminare di Champions, al Friuli, contro il Braga. Quel suo gol sarebbe valsa la Champions, invece, c'è ancora il buco nel terreno. Se Armero lo metti terzino sinistro hai fatto un danno sia alla fase difensiva che alla fase offensiva. In poche parole, il colombiano non deve essere bloccato sulla sua fascia da compagni di squadra. Secondo consiglio: non fate unire Armero e Balotelli! Legateli, metteteli in due spogliatoi diversi ma fate in modo che non si rivolgano nemmeno la parola. Se Mario e Pablo fanno comunella fuori dal campo, Inzaghi li perde in un colpo solo tutti e due. L'Inter torna dalla Germania ridimensionata ma le amichevoli estive non sono un termometro attendibile. I segnali possono essere preoccupanti, come nel caso del Milan negli States, ma spesso non sono affidabili. Mazzarri partirà bene, anche perché ha svolto una preparazione molto più blanda. I carichi di lavoro non sono stati eccessivi proprio per consentire alla squadra una partenza lanciata. Il rischio è di perdere lucidità a novembre-dicembre ma lo staff ha pronto il piano natalizio con una seconda preparazione. Ausilio è stato chiaro: siamo e saremo questi, anche se dovesse restare Guarin. Il Direttore Sportivo dei nerazzurri si è preso responsabilità anche non sue. L'Inter è stata abbandonata al proprio destino. Moratti si vuole dimettere, Thohir si vede poco e si sente meno e in cassa non ci sono soldi. Portare a casa M'Vila, Osvaldo e Medel è stato un vero miracolo. Ausilio sta andando ben oltre i suoi compiti. Mazzarri deve essere un alleato del Direttore e non un ostacolo. In chiusura, la FIGC. E' arrivato il giorno che tutti aspettavamo, dopo l'eliminazione dal Mondiale. Volevamo un calcio diverso, le riforme, gente nuova e un cambio di tendenza. Attenzione: in questo articolo non ci sono commenti o prese di posizione. Lo faremo quando avremo un quadro chiaro. Quindi, lunedì prossimo. Oggi ci limitiamo ad osservare e fare cronaca. L'unica presa di posizione che abbiamo avuto è stata semplice: bocciamo Tavecchio per le sue idee, per le sue scelte e per i suoi non programmi ma non bocciamolo per una banana strumentalizzata. Passiamo alla cronaca: vincerà Tavecchio! Lo abbiamo sempre detto e non ci saranno colpi di scena. La serie A si è allineata. Cosa importante: mentre tutti erano distratti nel prendere le distanze mediatiche da Tavecchio, il buon Carlo ha chiuso il cerchio e completato l'opera sotto la Regia di Claudio Lotito. Da oggi la Federazione passerà nelle mani della Lega Calcio. Tavecchio è un'operazione politica voluta da Galliani, Lotito, Preziosi e Cairo (quest'ultimo poi uscito di scena). Via Rosellini sarà padrona di via Allegri, Roma diventerà la succursale di Milano. Insomma, dal naufragio di Prandelli ci hanno guadagnato i club. Giri di poltrone, promesse e accordi tra le 4 leghe. Il patto è di quelli forti. Il calcio italiano, per la prima volta, dopo Moggi, Carraro e Mazzini torna ad essere un blocco unico. Non sappiamo dirvi, ad oggi, se è un bene o un male. Abbiamo fatto cronaca, senza giudicare. Dalla prossima settimana entreremo nel dettaglio...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.