HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli)

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
20.05.2018 14:24 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 61906 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è diventata, di fatto, un duopolio. La Juventus piace, sia in patria che fuori, tranne a quella metà di Italia che non la tifa. Facile intuire il perché, non dovuto solo a una storia di vittorie, né di dichiarazioni forti su quel che è importante o meno. Allegri, dicevamo, che è come muovere la pietra angolare di tutto il nostro calcio. Perché nella prossima settimana incontrerà la dirigenza juventina, cambierà le carte nel proprio mazzo - troverà Emre Can, Mattia Caldara e Leonardo Spinazzola, anche se quest'ultimo in convalescenza per sei mesi dopo operazione al crociato - e darà il via a un nuovo domino. Quello dei calciatori. Tutti cedibili, nessuno escluso. No Dybala, no Mandzukic, nemmeno Higuain. La Juventus è entrata nel futuro, forse avrà bisogno di un anno di rodaggio, ma arriveranno grandi giocatori a sostituire chi andrà via. L'idea Griezmann sarebbe quella corretta, ma forse è arrivata in ritardo di un paio di anni (e con un Barcellona che ci punta forte è difficile). Nessuno guarda in faccia nessuno, in bianconero. Nemmeno la storia, impersonificata in Gianluigi Buffon, può far saltare i piani. Il club prima delle persone, in tutti i casi, anche per l'allenatore.

D'altro canto Allegri, finché vincerà, potrà essere il termine di riferimento per tutti. Se dovesse liberarsi (con una probabilità del 5%, destinata a ridursi ulteriormente) la panchina della Juventus, allora un grande valzer delle panchine potrebbe partire. Ancelotti, Sarri, Giampaolo, Inzaghi, Gasperini, tutti quanti si aspettavano un piccolo terremoto che, alla fine, probabilmente non ci sarà. Poi bisognerà vedere per quel che riguarda il tecnico napoletano, rimasto con il cerino in mano e senza una vera alternativa al rimanere (chissà se controvoglia) in azzurro, quando già pregustava ingaggi milionari e fatturato da grande club. Nell'anno successivo a quello in cui De Laurentiis porta a casa 66 milioni di utile, Sarri non ha avuto un acquisto vero, uno che scompigli i piani. È comunque andato vicino allo Scudetto, "perso in albergo a Firenze". Questa è la vera differenza di mentalità fra la Juve e il Napoli, anche tra Allegri (che nel suo recente passato si è aggrappato agli errori arbitrali, come per il gol di Muntari) e Sarri. L'espulsione di Pjanic era lapalissiana, enorme, gigantesca, così come era difficile da digerire il colpo inferto dai gol di Cuadrado e Higuain. Ma arrendersi così è stato delittuoso. Solo con i grandi campioni (e il carisma) si possono vincere gli Scudetti in certe situazioni. Anche stavolta non c'è stata differenza.

La Juventus comunque era forte su Simone Inzaghi, della Lazio, così come i biancocelesti lo erano su Gasperini, dell'Atalanta. Il Napoli voleva Giampaolo ma sondava anche Emery (Ancelotti ha rifiutato cortesemente), così le prime sette non cambieranno il proprio condottiero. Anzi, nove se consideriamo Fiorentina e Sampdoria. Anzi, non è vero. Perché per Gattuso c'è stato un rinnovo contrattuale degno di questo nome - 3 anni e mezzo a 2 milioni e passa - ma rischia di pagare la gestione Mirabelli. Il dirigente è sempre più sulla graticola, l'Europa è assicurata ma il sesto posto no, bisognerà capire se farà la differenza, sia in positivo che in negativo. La ridda di voci sul suo futuro non accenna a smettere, sicuramente il risultato in campo non sarà migliorato rispetto all'anno passato, nonostante i 230 milioni di euro. Il Milan ha gettato alle ortiche una stagione, strano che i giudizi siano, almeno da una parte della stampa, ancora così positivi. Qualche cosa di buono è stato fatto, da Calhanoglu a Bonucci, passando per Kessie e mantenendo il punto su Andrea Conti. Per il resto bisognerebbe rifondare, un'altra volta, a meno che non si creda che Gattuso sia come il Conte degli anni alla Juventus, che arrivava dal settimo posto di Delneri. Ecco, appunto, chissà che non sia Conte il prescelto per la panchina, dopo praticamente tutte le vecchie glorie che si sono avvicendate (Leonardo, Filippo Inzaghi, Seedorf, Brocchi e, in ultimo, proprio Gattuso) finalmente un allenatore affermato e che ha vinto qualcosa, diversamente dai Mihajlovic o dai Montella.

Bello il giro dei portieri, con Gianluigi Buffon che si è preso dieci giorni per pensare alle prossime mosse, magari accettare la corte del Paris Saint Germain, forse sperare in quella del Real Madrid o del Manchester United (dovesse andare via de Gea, direzione Castilla, appunto), oppure in quella, affascinante, del Boca Juniors, che però ha Marchesin nel mirino. L'altro Gianluigi, Donnarumma, potrebbe andare a Liverpool, dove Karius e Mignolet non rappresentano una certezza per Jurgen Klopp. Il tedesco ha ottimi uffici con Raiola, vorrebbe anche Kluivert jr - che è già ai ferri cortissimi con l'Ajax, come il portiere del Milan, appunto - e lo ha già incontrato negli scorsi giorni per capire le basi dell'operazione. Quanto vale Donnarumma? Difficile dirlo, perché il più costoso è stato Ederson, del Manchester City, per 40 milioni di euro, almeno per il dopo Buffon, 53. Una cifra vicina probabilmente lo sbloccherebbe, con una grossa commissione per Raiola da corrispondere almeno da parte dei Reds. E Perin? Il portiere del Genoa è stato individuato come l'erede di Buffon, ma né in Nazionale né alla Juventus potrà esserlo. In azzurro c'è Donnarumma. Nel club partirebbe come secondo di Szczesny, nonostante che le quotazioni possano presto avvicinarsi.

Infine la questione Scudetti, stucchevole come non mai. Buffon e i giocatori lo hanno sempre detto: loro hanno vinto il Tricolore con il lavoro che facevano sul campo. Quelle due Juventus erano davvero straordinarie, quasi al livello stratosferico di questa, è anche giusto credere che i giocatori credano tutt'ora di essere i più forti. Ma c'è una sentenza e andrebbe rispettata. O andrebbe fatta rispettare, perché i 36 tricolori all'Allianz Stadium sono qualcosa di anacronistico, è voler scrivere la storia senza fare i conti con la giustizia. Non è una cosa che può passare in cavalleria, è paragonabile al Napoli di De Laurentiis che si attribuisce 8 punti in più perché rubati dagli arbitri, dal Var, dal Fantasma Formaggino. Gli scudetti sono 34 e non è una scusante tirare in ballo le posizioni di Inter o della Roma di quei tempi perché "così facevan tutte", e c'è chi è andato in prescrizione e chi no. Certamente quei vessilli non andavano ri-assegnati, invece che dati al terzo classifica (dall'altra parte succede così in altri sport), né le altre coinvolte dovevano rimanere impunite. Poi si potrebbe discutere sulla congruità delle pene in base a quel che è accaduto, ma si finirebbe in un ginepraio. E già così potrei essermi attirato più di un'antipatia, ma, per bilanciare tutto ciò che ho scritto, vorrei sottolineare come non tifi nessuna squadra della Serie A che andrà in archivio stasera, vinta dalla più forte. Complimenti alla Juventus.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->