VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Rivoluzione Thohir: Mazza andrà via, già sondati due nomi (uno ha detto no, l'altro...). Seedorf ha preso una decisione sul Balo "rissoso". Questione rigori: un toscano fa risorgere la supercazzola

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
25.02.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 39851 volte
© foto di Federico De Luca

Questa settimana italica passerà alla storia per quattro immagini che - almeno per chi scrive - resteranno fisse nella mente da qui all'eternità.

No, lo sgambetto di Pirlo su El Kaddouri non c'entra un fico. Neanche il rigore negato a Icardi c'entra un fico. Ecco le istantanee succulente che contano davvero: 1) La barba spaziale del maestro Peppe Vessicchio. 2) La mega balconata fiorita dell'Arisa nazionale. 3) Rachida che si leva dai maroni a Masterchef. 4) Il lato B della Boschi, immortalata da sapiente fotografo mentre firma il ministeriato alle riforme e al quanto bbbona sei.

Ma purtroppo vengo spesso rimproverato per il mio continuo divagare su fatti e fatterelli che poco c'entrano con l'unica cosa che conta davvero in Italia: la fiction "Braccialetti Rossi". Scherzo: il maledetto calcio. E allora mi approprio senza permesso dell'espressione "fare una cosa di giorno" (sta per "muoviamoci", "spicciamoci", "non perdiamo tempo") cosicché voialtri possiate arrivare in fondo a codesta articolessa.

Procediamo. Tanto per iniziare abbiamo saputo che - zitto zitto cacchio cacchio - il buon Thohir domenica sera si è fatto quattro salti nella movida milanese, giusto per dimenticare gli incubi di San Siro. Il presidentissimo non ha preso benissimo lo straziante primo tempo contro il Cagliari, né il risultato finale. Soprattutto si sta interrogando su un fatto inquietante: "Come mai la gente quando mi vede si dà una grattata?". Ecco, insomma, nel Paese del scaramanzia "sempre e comunque" c'è chi sostiene che l'indonesiano porti una iella micidiale. Trattasi di cattiverie della peggior specie, ovviamente. La verità - e qui non scherziamo più - è che il sciur Erick pare abbia preso delle decisioni succulente ben prima dell'1-1 di domenica. I beninformati sostengono che a prescindere da come vada a finire il campionato, Walter Mazzarri verrà fatto accomodare all'uscita della Pinetina (con lautissima liquidazione ovviamente). Per sostituirlo sono già partiti i sondaggi: Frank de Boer, attuale tecnico dell'Ajax, avrebbe rifiutato l'offerta come neanche ai bei tempi dei pacchi di Bonolis. Altro discorso per un monumento del calcio mondiale, ingolosito dalla possibilità di un'esperienza in Italia. Per garantire l'anonimato alla nostra fonte non vi diremo il nome del tecnico in questione, ma ci limiteremo a una descrizione sommaria e a prova di luminol: è praticamente brizzolato (più che altro "giallo Arbore"), alto quasi due metri, parla molto bene l'inglese e benissimo il francese, ha di recente avuto un battibecco con Sua Santità Josè, inizia per "Ar" e finisce per "senewenger". Ci rendiamo conto che gli indizi sono pochi e raffazzonati, ma di più proprio non possiamo dire. Sappiate però che la pista è piuttosto calda.

Non che Thohir ce l'abbia con Mazzarri, per carità, semplicemente non condivide il suo modo di intendere il calcio (in particolare non apprezza come il toscano gestisce le rotazioni in rosa). Insomma: è d'accordo con la gran parte dei tifosi nerazzurri, infastiditi da due aspetti della filosofia mazzariana. 1) La scelta dei titolari secondo la legge del "vanno bene anche bolliti purché siano affidabili". 2) Le dichiarazioni post partita in puro stile "qualunque cosa sia successa io non ho responsabilità, a meno che non si sia vinto, allora credo francamente che sia tutto merito mio". Per carità, Walter segue i ragazzi tutta la settimana e ha il diritto di dire "dopo dieci minuti Icardi non ce la fa più" (vedi post Fiorentina) o "adesso magari Maurito partirà dall'inizio ma al massimo regge 45 minuti" (vedi post Cagliari), solo che certe cose dovrebbe tenerle all'interno dello spogliatoio, mica sbandierarle a questo o quel giornalista in sala stampa. E poi: basta con la storia della "sfortuna incredibile", o quella dell'Inter "che è un cantiere in costruzione", o quell'altra sul "miracolo che faremmo in caso di quinto posto". Piuttosto ci parli di WhatsApp che sabato sera è andato a donnacce lasciando il mondo intero nel panico e con l'inquietante interrogativo: "E ora? Non dovremo mica parlare con la gente per davvero!! Nooooo!!".

Tra i più disperati per la faccenda "uozzap" c'era sicuramente Marione Balotelli, che giusto sabato è finito in un nuovo casino discotecaro dalle parti di Santa Margherita. Del fatto in questione sapete già tutto e sapete anche che domenica, i compagni impegnati a Genova hanno sbriciolato la Samp disputando un partitone in puro stile "vecchio Milan". Al posto di Mario c'era l'umile Pazzini, uno che sta sempre al suo posto e quando viene chiamato in causa fa tanto lavoro sporco, di quello che piace agli allenatori. La sensazione è che Seedorf con una vera prima punta in campo possa far rendere al meglio il Diavolo per come ce l'ha in testa lui. Certo, è difficile immaginare SuperMario in panchina come l'ultimo dei bambocci, ma a lungo termine (leggi: "fine della stagione") la possibilità "Mario fa fagotto" non è assolutamente da scartare.

Da ultimo un paio di noiosissime faccende da bar sport (ma neanche troppo). Sulla questione "rigori dati e non dati" eviteremo (come si conviene ad ogni gran visir dei paraculi) di prendere una posizione precisa. O meglio, tutti sappiamo che: il rigore su Llorente era netto, quello su El Kaddouri anche di più, quello su Icardi un po' meno, ma se dai quello per fallo di mano di Juan Jesus allora, figliolo mio (inteso come arbitro di turno), mettiti una mano sulla coscienza e fischia pure quello sull'argentino. Di sicuro fanno impressione le dichiarazioni del buon Braschi: "La tv può aiutare solo in occasione del gol-no gol oppure quando un fallo è commesso fuori o dentro area. Poi, sul campo, in tutte le altre occasioni, decide l'arbitro. Vogliamo che il calcio sia degli uomini o della tv?". Beh, francamente, se si tratta di garantire la regolarità delle partite, allora viva le tv e la tecnologia. Oppure no, amico Braschi?

Due righe finali a proposito dei maledetti striscioni su Superga (o quelli sull'Heysel, quelli su Facchetti ecc ecc). Pensare che un non meglio precisato pirlacchione decida di prendere un lenzuolo, acquisti spendendo qualche euro una bomboletta spray, si metta in un qualche angolo di casa sua o dello stadio, pensi a una troiata da scrivere e la traduca in cattiveria gratuita contro i cari estinti del tifo opposto, mi fa pensare che con codesto tizio la natura sia stata già tanto, tanto, tanto crudele.

Ps. "Zigzag tra le automobili, semaforo rosso non rispettato, limite di velocità umiliato, schianto contro un albero". Per cotanta impresa, Mbaye Niang, attaccante del Milan attualmente in prestito al Montpellier, si è beccato 18 mesi con la condizionale. Da oggi gli vogliamo tutti un po' di bene in più.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.