VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Roma capitale della tristezza, in attesa di mercoledì. La Juventus ride (e ringrazia) ma Morata rischia di essere una bomba a orologeria. Mourinho piange lacrime amare ma lo stipendio è dolcissimo

06.12.2015 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 29669 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Inter e Napoli hanno dato una bella risposta al calcio italiano. Perché se Sarri può sorridere - e oggi ha una bellissima opportunità di farsi un'altra settimana in testa - del risultato, Mancini ha dimostrato che i nerazzurri possono anche giocare bene. Una prova di maturità passata da entrambe, a prescindere dal sabato sera con il Genoa. Chi, invece, dà ragione ai giornalisti è la Roma: il gol di Pjanic è stato un momento estemporaneo di una partita che il Toro avrebbe pure potuto far suo, mentre l'occasione di Dzeko sono state amnesie della retroguardia granata, insolitamente disattenta. Non si può prescindere però dall'ultima azione della partita: il rigore non c'era (doppio errore, sarebbe stato rosso) ma poteva esserne fischiato uno poco prima. Arbitro insufficiente, Roma di più. Perché quest'anno i giallorossi, lo hanno dimostrato alla seconda di campionato, erano i favoriti d'obbligo, soprattutto con una Juventus così deludente in avvio. Il punto che divide i due club è destinato a essere rosicchiato, ma la realtà è che mercoledì Rudi Garcia si giocherà la panchina. Serve solo una vittoria, altrimenti sarà eliminazione (dalla Champions e del tecnico francese). Mai come ora, in ogni caso, un esonero sarebbe un toccasana.

Massimiliano Allegri invece ha rinsaldato il proprio posto di comando con una vittoria con la Lazio. Si può scrivere, e molto, dei bianconeri, resuscitati dopo un inizio claudicante. Occhio al caso Morata: di fatto è una terza scelta, e per chi è inseguito dal Real Madrid può non essere un grande risultato. Bisognerà capire quanto durerà senza sbottare. Meglio concentrarsi sulla Lazio: perché se Atene piange Sparta mica ride, anzi. Quella biancoceleste è una squadra costruita male se non malissimo, i campioni avrebbero voluto dire addio in estate. Emblematico il caso di Biglia, che diventa capitano a metà agosto e non sa se rimarrà nella Capitale al termine, oltre a quello di Candreva, oramai un oggetto estraneo. Vendere per fare cassa, ma non solo: i grossi blocchi di calciatori non possono rimanere tali per più di qualche anno. Invece quella biancoceleste è la solita squadra da parecchio tempo, con qualche ragazzo di belle speranze (Kishna, Milinkovic Savic) che difficilmente potranno fare la differenza in un ambiente in difficoltà. Difesa ai limiti dell'imbarazzo, tre attaccanti con caratteristiche uguali. Klose ha un'età da ritiro, Matri giovane non è, Djordjevic ha grossi problemi fisici. Keita, pur giovanissimo, rischia di perdersi e dovere cambiare aria. Pioli ha colpe minime rispetto a una società che crede di non sbagliare quasi mai. Il terzo posto in classifica della scorsa annata è stato mirabolante quanto estemporaneo. Più o meno alla pari dello Scudetto del Verona del 1985. Mai come ora, in ogni caso, un esonero non cambierebbe una beata ceppa.

La chiosa finale, è per il Chelsea. Notte di pensieri, forse da incubi, perché la zona retrocessione è sempre più vicina e la storia racconta di retrocessioni incredibili. Sarebbe troppo per i Blues, quasi certamente il secondo girone sarà come il Borussia Dortmund dell'anno scorso. Lì Klopp sarebbe stato confermato anche per questa annata, con un ritorno da applausi fino all'Europa League, mentre qui i dirigenti del club londinese avrebbero già salutato il portoghese se non fosse per uno stipendio dolcissimo, da quattordici milioni l'anno fino al 2019. Purtroppo non è possibile concedere contratti così lunghi per poi non pensare che sia il caso di andare avanti così. D'altro canto il Chelsea continua a essere in corsa per la qualificazione agli ottavi: basterà non perdere, ed è già un passo avanti rispetto alla Roma. Da lì in poi la storia insegna che si chiude un ciclo e ritorna un altro. Il Chelsea e Mourinho non si separeranno a meno di un disastro, più o meno come Rudi Garcia. Il problema è anche nelle panchine della prossima stagione: City già praticamente affidato a Guardiola, Bayern Monaco ad Ancelotti, in Italia solo l'Inter potrebbe permetterselo, in Spagna praticamente nessuno. Forse il Portogallo, ma gli emolumenti non sarebbero gli stessi. Certo, perdere a Stamford Bridge contro il Bournemouth neopromosso - e quasi sconosciuto negli elementi anche a chi si intende di Premier League - e tornare ad affidarsi a Diego Costa, per disperazione, saprebbe di addio anticipato. Se non fosse che il Chelsea dovrebbe comprare un top player per sbarazzarsi di un top coach. Troppi top, pochi flop. Anzi, il contrario. Mai come ora, in ogni caso, un esonero sarebbe economicamente sconveniente.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.