VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Quale avversario preferite per l'Italia allo spareggio play-off?
  Grecia
  Irlanda
  Irlanda del Nord
  Svezia

TMW Mob
Editoriale

Roma e il caso Nainggolan... Inter, quante grane! Totti con la 10 di Pelè? La Cina cattura anche l'Apache

21.12.2016 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 31146 volte
© foto di Federico De Luca

Nella settimana che ci porta direttamente al giorno di Natale, tanti gli argomenti che meritano attenzione… Lo dico da sempre. L’unico giocatore insostituibile in casa Roma si chiama Nainggolan. Il belga è un fenomeno. Se gira lui, gira l’intera Roma. Bene, Nainggolan, con grande eleganza, ha sottolineato come, dopo tanti sacrifici in campo, stia aspettando un regaluccio da parte della società. Parliamo di soldi, ovviamente. L’accordo, in realtà, è stato trovato da tempo, ora, però, è arrivato il momento di mettere nero su bianco. Per il bene della Roma, meglio arrivare alla classica fumata bianca il prima possibile. Uno come Nainggolan non avrebbe problemi a trovare una sistemazione in qualche altro top club (Chelsea, Manchester United, Juventus…). Quindi, meglio blindarlo subito. E Spalletti? “Se non vinco, me ne vado”, le sue parole a France Football. Non la prima volta che un tecnico si lascia andare ad un ultimatum… Personalmente avrei evitato. Spalletti sta facendo benissimo a Roma, questo è l’unico dato che conta per davvero… Meglio non mettere altra carne al fuoco…
Ci sarebbe anche la questione Totti. Il Santos ci sta provando: “Vieni da noi, ti diamo la 10 di Pelé”. Beh, non sarebbe affatto male vedere il Capitano con la casacca del Santos. Sarebbe una di quelle immagini da consegnare immediatamente alla storia. Onestamente non credo sia fattibile ma resta affascinante il pensiero di un Francesco in stile Pelè…
Chi, invece, sta facendo incetta di campioni è la Chinese Super League. La lista di giocatori dal nome altisonante che ha scelto la Cina aumenta di giorno in giorno. Dopo i vari Guarin, Hulk, Pellé, Gervinho, Lavezzi, ecco Oscar (che peccato, speravo di vederlo in Italia) e, soprattutto, Tevez. Il “sì” dell’Apache è un duro colpo. Ricordo quando, all’inizio dell’estate del 2015, mi disperavo per la sua decisione di tornare al Boca. “Basta Juventus, voglio tornare a casa”, aveva confidato al mondo. In fin dei conti, al cuor non si comanda… Bene, circa un anno e mezzo più tardi, lo stesso Tevez saluta la Bombonera e se ne va in Cina. Il motivo? 40 milioni di euro a stagione di buoni motivi. Un mercenario? Non più di tanti altro ma, soprattutto, la conferma che in Cina fanno sul serio… Il prossimo passo? Puntare ad un big di primissima fascia, uno alla CR7 per intenderci… Quella potrebbe essere la vera svolta…
Chiudo, nella settimana che porta al Natale, con l’Inter. Comunque vada, si parla sempre dell’Inter. Il buon Pioli, bisogna dargliene atto, ci sta provando in tutte le maniere a fare ordine in casa nerazzurra. Finalmente qualche parola ufficiale anche sui casi Gabigol e Jovetic. Sul primo, il brasiliano triste, una mezza sentenza: “Deve entrare nel mondo italiano ancora meglio, dimostrarmi di essere più forte della concorrenza. Nessuna preclusione, io faccio giocare chi mi fa vincere”. Sul secondo, il montenegrino arrabbiato, una sentenza bella e buona: “Ha manifestato un certo malumore per alcune scelte. Io convoco i giocatori pronti, in ogni senso”. Bravo Pioli, almeno una presa di posizione ufficiale. E’ già qualcosa…
Nel frattempo gustiamoci l’antipasto natalizio, la finale di Supercoppa Italiana a Doha… La Juve ha fame, il Milan pure… Qualcuno resterà a bocca asciutta ma almeno ci sarà da divertirsi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011 07.10 - Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.