VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Sacchi divide il Milan: Berlusconi vuole il grande vecchio, Inzaghi ne farebbe a meno. Seedorf con gli avvocati, Balotelli parte. Mazzarri vuole solo Luiz Gustavo. Thiago Silva al Barça può liberare Mascherano

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
30.05.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 42042 volte
© foto di Federico De Luca

Seedorf aspetta che qualcuno gli dica cosa deve fare da grande e intanto ha già messo in preallarme una squadra di avvocati che ha tenuto sotto controllo tutti gli eventi delle ultime settimane e le dichiarazioni di diversi tesserati del Milan. Che succede? L'ormai ex allenatore rossonero ha già ben chiaro in mente la strategia da adottare. Ha ancora due anni di contratto a due milioni e mezzo l'anno, pretenderà dal Milan tutto quello che gli spetta con la sola possibilità di concedere dilazioni nel pagamento. Sembra esclusa una transazione e se il Milan dovesse scegliere la linea dura, i legali sarebbero pronti a partire con una serie di rivendicazioni per danno d'immagine e quant'altro. Il materiale non manca. E' anche per questo se l'annuncio dell'ingaggio di Inzaghi non è ancora stato fatto ufficialmente. Una mossa del genere potrebbe arricchire il dossier di Seedorf, quindi il Milan sta cercando di risolvere prima il rapporto con l'olandese per poi passare alla firma con Inzaghi.
Superpippo è sostanzialmente d'accordo sulla cifra proposta (modesta, si parla di 400 mila euro) con un contratto a rendimento con incentivo. L'ex attaccante la considera una grande occasione, è il sogno della sua vita e sull'aspetto economico non ha fatto problemi. In questi giorni si è preoccupato invece delle questioni organizzative dello staff, un passaggio fondamentale. In zaghi ha incassato il no di Galli, probabilmente invece resterà Tassotti che è un po' il grande vecchio: fa il secondo da dodici anni.
Il discorso, però, si è incagliato sul ritorno di Arrigo Sacchi. Davanti alla inesperienza di Inzaghi e alle possibili soluzioni, è stato Berlusconi a pensare al grande ritorno di Arrigo che ha il contratto in scadenza con la Federcalcio. Galliani ha detto sì, un personaggio con il carisma e l'esperienza di Sacchi potrebbe davvero essere una sorta di parafulmine o di ombrello per Inzaghi, un po' come fece con il giovane Prandelli a Parma.
La soluzione, però, ha mostraro subito diverse controindicazioni. Sacchi non è perso entusiasta, vorrebbe un ruolo operativo e non quello di . Lo stesso Inzaghi preferisce far da solo con la sua testa, con le sue idee senza sentire l'influsso del Profeta che fra l'altro predica un calcio diverso da quello che piace a Inzaghi. Siccome Sacchi è comunque un personaggio che Berlusconi vuol riportare a casa, si sta cercando di convincerlo ad accettare la rifondazione e la supervisione dell'intero settore giovanile riattivando anche una vasta operatività di scouting per cercare talenti. Vedremo.
Poi si passerà alla fase del mercato e qui cominciano i problemi. Inzaghi sa che dovrà allenare molti giovani e poche stelle. I soldi non ci sono, ma Pippo non ha chiesto niente. Anzi, ha dato il suo ok alla cessione di Balotelli. Uno tra Supermario e De Sciglio sicuramente partirà. Si spera in un grande mondiale da parte di entrambi, ma il maggior indiziato è Balotelli che ha mercato in Inghilterra. Radiomercato parla di una telefonata del suo ex allenatore Mourinho con il quale non ha avuto un gran rapporto. Ora lo ritiene maturato e funzionale al progetto Chelsea, soprattutto conosce la Premier e può far esplodere la sua grande voglia di giocare la Champions League. Una operazione che si può fare anche se in coda ci sono anche il Liverpool e l'Arsenal.
Mazzarri, invece, vuol pescare in Germania. Sta cercando di coinvincere Ausilio a prendere a tutti i costi il centrocampista del Wolfsburg Luiz Gustavo con il quale è convinto di risolvere tutti i problemi dell'Inter in mezzo al campo. I tedeschi vogliono soltanto cash e allora il problema è far cassa con due giocatori importanti, ma non più incedibili vale a dire Guarin e Alvarez. Guarin è stato offerto alla Juventus, ma i bianconeri offrono contropartire tecniche e la pista è stata abbandonata. Per Alvarez si pensa persino a un ritorno in Argentina, ma non sarà facile trovare le risorse se Thohir non deciderà di tirare fuori denaro.
Intanto in Francia sta scoppiando il caso Thiago Silva che non ha gradito l'acquisto di David Luiz consigliato da Ibrahimovic. Il brasiliano ha chiesto di essere ceduto e l'offerta del Barcellona diventa intrigante. L'operazione può interessare anche il Napoli perchè se Thiago va la Barca, automaticamente si potrebbe dar via libera a Mascherano. Se Luis Enrique preferisce un reparto arretrato più coperto, Thiago Silva ha comunque piedi buoni per far ripartire l'azione e i due assieme faticherebbero a giocare.
E allora ecco che la corte di Benitez potrebbe indurre l'argentino ad accettare il trasferimento a Napoli dove potrebbe giocare in difesa, ma anche a centrocampo con meccanismi diversi da quelli attuali. Certo, un giocatopre di grande carisma, ma anche di grande stipendio. Guadagna 5 milioni, il Napoli può pagarli? Si cercano soluzioni per lui come per Insigne che vuole maggiori certezze. Si è adattato a fare il lavoro sulla fascia e l'ha fatto bene, sacrificandosi, ma vuol giocare di più. E poi non è coinvinto che quello sia il suo ruolo, si sente più seconda punta. Un piccolo caso che potrebbe portare anche al divorzio. La decisione dopo il mondiale se Insigne (come sembra) ci andrà.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.