VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Sacchi-Dybala: juventini distratti. Bacca: nessuna grazia ricevuta. 200 milioni Closing e 200 milioni Guardiola. I derby estremi di Roma e Genova

18.03.2017 07:37 di Mauro Suma   articolo letto 33524 volte

Era appena finita Juventus-Porto e dopo partite del genere, dove tutto va per filo e per segno, le tv devono cercare di ravvivare e movimentare. E' accaduto anche su Premium, dove Arrigo Sacchi ha stimolato Dybala: "Sei un modello per i giovani, sei un grandissimo giocatore, perchè protesti sempre?". Il giovane bianconero non ha preso cappello, non ha fatto il permaloso e ha risposto alla domanda: "Verò, cercherò di trattenermi". Non sappiamo se ne sia stato informato Buffon che, nelle settimane successive a Milan-Juventus dell'andata, aveva teorizzato che protestare significa aver fame e voglia di vincere, tanto è vero che aveva fatto notare il portierone come sulla punizione di Pjanic di San Siro il Milan avesse protestato di più mentre i suoi compagni si erano "colpevolmente" allontanati da arbitro e addizionali. Ma al di là di questo, pensavamo che le torme di juventini urlanti e insultati sui social non si fossero lasciate scappare l'impasto "micidiale" della domanda "oltraggiosa" all'intoccabile, e spesso per terra, Dybala da parte del milanista Sacchi su uno dei canali, udite udite, dell'anticristo Mediaset. E invece i più rozzi fra i vari Angelini di turno hanno iniziato tutta una serata a inveire sulle sette Champions League della storia rossonera vinte, abbiamo appreso, non lo avevamo capito, dal 1963 al 2007, solo perchè Silvio Berlusconi era presidente del Consiglio, fatto notoriamente influente sulle dinamiche UEFA...soprattutto negli anni Sessanta e Ottanta...Lo stesso è accaduto dopo il sorteggio fra Juventus e Barcellona, gara che tutti gli italiani, anche interisti, milanisti, napoletani e giallorossi seguiranno certamente con amore per il calcio quando si saranno depurati dalle scorie del "modo" che ancor offende tutti e indistintamente. Proprio su JTV, il canale tematico della Juventus, oggetto nei giorni scorsi di una richiesta di scuse da parte dell'Unione Stampa Sportiva Italiana (USSI), apparivano in onda quasi più messaggi ironici dei tifosi sulle inesistenti avversarie di Milan, Inter e Napoli nel prossimo turno europeo che di commento effettivo dell'abbinamento nei Quarti fra bianconeri e catalani. Del resto, non ci sono dubbi, Juventus-Barcellona è il presente della Champions League, ma non sarebbe un presente così mediatico e così importante se non avesse una Storia. E i numeri della Storia sono quelli, da lì non ci sono vie di fuga, non c'è mal di pancia che tenga: 7 - 3 - 2.

Abbiamo letto che Bacca è stato graziato. Più che graziato, è stato miracolato da Montella e Galliani che l'hanno trattenuto, altrimenti chissà cosa sarebbe accaduto. Male, come ha sottolineato Vincenzo Montella nell'immediato post-partita e anche lo stesso Pier Silvio Berlusconi qualche giorno più tardi. Pensavamo che Bacca meritasse almeno la stessa sanzione di Icardi dopo Juventus-Inter, partita nella quale, nonostante l'espulsione di Perisic avvenuta durante il recupero, Rizzoli ha chiuso la gara 10 secondi prima, al 93'50". Invece la discrezionalità riveduta e corretta di Massa (quanto poteva essere sereno dopo il gol di Pjanic dell'andata a San Siro? Perchè è stato messo in quella condizione?) e l'atteggiamento di sfida di Doveri probabilmente non sfuggito ai vertici arbitrali viste le ultime designazioni nei confronti delle proteste dei giocatori rossoneri, rimaste nella norma prima del fischio finale, potrebbero aver attutito il tasso di severità post-gara anche se non disponiamo della benchè minima controprova. Ma attenzione a parlare di Milan graziato: da Torino, i rossoneri sono comunque tornati, in vista di Milan-Genoa di questa sera, con 3 giocatori squalificati. A Bacca è andata bene, ma non a Sosa (il suo primo fallo non era assolutamente da ammonizione) e nemmeno a Romagnoli che dopo la marcatura vocale, stretta e sistematica, praticata per larga parte della gara dai giocatori avversari su arbitro ed assistenti, pensava di potersi almeno avvicinare all'arbitro per rivendicare un rinvio dal fondo al posto del calcio d'angolo erroneamente concesso alla Juventus dopo l'ultima deviazione di Bonucci nell'area di rigore del Milan. E invece no, ecco Romagnoli ammonito ancor prima di aprire bocca. A lui, almeno a lui, non era concesso.

Duecento milioni di euro. E' la cifra all'ordine del giorno. Sono le prime due caparre versate da Sino-Europe Sports per l'acquisizione del Milan, non ancora seguite dalla terza. Su questa trattativa, sulla sequela di date, sulle varie tappe e il codazzo di illazioni, sospetti, sfottò che questa vicenda porta con sè da parte dei critici, degli avversari, ma anche degli stessi tifosi rossoneri, ci si è soffermati più volte. Eppure, se dall'interno di una vicenda così incandescente e così controversa, Fininvest ha ancora la determinazione di proseguire e la strepitosa capacità di incassare ogni tipo di spinta contraria, una ragione vera, consistente, effettiva, ci sarà. Restiamo però sui 200 milioni, anche se cambiamo completamente fronte. Duecento milioni, ovvero la montagna di euro fatta spendere al Manchester City da Pep Guardiola nel corso della scorsa estate di calciomercato. Eppure, niente Champions. Eppure, Campionato nella scia di un Antonio Conte e di un Chelsea che hanno speso infinitamente meno. E' la definitiva involuzione di Guardiola?

A Roma, il derby ha cambiato tutto. Prima della gara di andata di Coppa Italia, la stagione sembrava ormai definita per il calcio romano: Roma in grande spolvero dopo la vittoria di San Siro e pienamente in corsa per vincere almeno uno dei tre trofei per i quali era in corsa, Lazio alle prese con una stagione buona ma non esaltante. Le reti di Milinkovic e Immobile nel derby di andata delle Semifinali di Coppa Italia hanno letteralmente sradicato i rapporti di forza. Oggi la Roma è mezza e mezza, in cerca d'identità. La Lazio lanciata verso obiettivi impensabili a inizio stagione. Nel mezzo la campagna di Sky per la remuntada della Roma contro il Lione che ha fatto imbizzarrire i tifosi laziali. sul fronte Genova, invece, il derby di Marassi è stato il peggiore possibile per il Genoa. Dopo aver perso 2-1 all'andata giocando comunque una grande gara, i grifoni di Juric pensavano di prendersi la rivincita al ritorno in casa, dopo il recupero di Pavoletti. Invece sia Pavoletti che Rincon non ci sono più e il Genoa, che aveva cambiato Mister proprio per evitare di arrivare al derby da pulcino bagnato, ha subìto il gol di Muriel con la Samp che ha fatto come il gatto con il topo. Derby grigio, derby anonimo, ma tanto prima o poi segno. Così è stato per la Samp, così è salito in cattedra Muriel, con la stessa perentorietà con cui si era preso questo derby Milito, anni fa, dalla parte opposta della città. Il derby rilancia in chiave mercato le casse blucerchiate desiderose di fare cassa o con Muriel, o con Schick o con tutti e due, mentre il pulmann genono partito in anticipo verso Milano per dribblare la rabbiosa contestazione dei propri tifosi, è l'amara istantanea dell'altra parte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.