VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

San Lorenzo, dalla retrocessione al tetto del Sudamerica. Correa il simbolo della rinascita

15.08.2014 00:00 di Stefano Borghi   articolo letto 35941 volte
© foto di Stefano Borghi

La Mano de Dios nel calcio argentino ha un'applicazione concreta e comprovata. Ora sappiamo che è anche ripetuta, perchè dalla notte del 13 Agosto non è più solo un'esclusiva di Maradona, ma anche il motivo della svolta, l'ennesima, nella storia ultracentenaria del San Lorenzo de Almagro. Una storia che in Argentina è molto conosciuta e rispettata, quella di un club passato attraverso un secolo di imprese e disastri, di tantissimi fatti ai limiti del romanzesco. Una storia che ha conquistato i cuori di milioni in tutto il Mondo, persino quello di un Papa che non solo ha portato il nome del San Lorenzo su bocche molto poco abituate a masticare di calcio argentino, ma la cui ascesa è anche coincisa con il picco più alto nell'epopea del "Ciclón". Per farla breve, il San Lorenzo due anni fa era a mezz'ora dalla retrocessione e oggi è sul tetto del Sudamerica. Con un mix fatto di sforzi, convinzione, visioni illuminate e immancabile fortuna, la "squadra del Papa" ha saputo rialzarsi in tempi miracolosi e da quando Jorge Bergoglio è diventato Papa Francesco ha preso a vincere senza soluzione di continuità: in otto mesi, da Dicembre ad Agosto, non solo il San Lorenzo è tornato a vincere il campionato dopo sei anni di attesa ma è riuscito anche a conquistare quella che era diventata una vera e propria ossessione ovvero la Copa Libertadores, la Champions League del Sudamerica. Superando gli aspetti mistici, a livello tecnico la chiave dei nuovi successi (ma anche di quelli vecchi) di questo club c'è il lancio di talenti, fatti in casa o pescati in giro per il Paese. Il simbolo della rinascita è stato l'attaccante classe '95 Ángel Correa, anche lui toccato dalla "mano divina" visto che ad impartirgli la Cresima fu proprio l'allora Arcivescovo di Buenos Aires Bergoglio e che il suo debutto è avvenuto appena dopo l'inizio del papato di Francesco. Una storia, la sua, che per il momento non ha ancora il lieto fine, visto che dopo essere stato acquistato dall'Atlético Madrid ha dovuto fermarsi a causa di un problema cardiaco che sta mettendo in pericolo la continuità della sua carriera. Storie invece ancora da scrivere sono quelle di chi, parlando in termini di mercato, si è segnalato maggiormente negli ultimi tempi: sono tutti esterni e sono tutti molto interessanti. Partendo dai terzini, che per i canoni sudamericani sono considerati laterali di difesa ma che in ottica europea, e italiana in particolare, sembrano poter essere opzioni piuttosto calzanti per la nouvelle vague del 3-5-2, visto che entrambi hanno come peculiarità primaria le ottime capacità in fase offensiva. Si chiamano Emmanuel Mas e Julio Buffarini, sono piuttosto diversi fra loro e per questo adatti a target differenti: il primo ha venticinque anni ed è un laterale sinistro che sembra viaggiare su di un binario, che sa dare sostanza difensiva grazie ad un fisico decisamente robusto ma anche eleganza e continuità in termini di spinta. Buffarini invece è un profilo molto più working class, ha iniziato la carriera come magazziniere, è arrivato al San Lorenzo facendosi notare più che altro per un'acconciatura folle ed ora, a ventisei anni, è un vero e proprio idolo della gente per lo spirito indomito con cui contrasta, corre, spinge, tira e mena su ogni ciuffo d'erba della fascia destra. Ma se parliamo di talento, il gioiellino principale della squadra attuale è il "Tito" Villalba, vent'anni di esuberanza tecnica che si esprimono in un'ala destra che non ha più solo un piede devastante, ma anche una continuità atletica che lo inquadra come sempre più adatto al calcio del Vecchio Continente. Un continente che è costantemente molto attirato dai profili più giovani, e allora navigando nello sconfinato oceano del calcio giovanile sudamericano troviamo prospetti ancora verdi ma di sicuro avvenire: in Argentina c'è da scommettere sull'esplosione di Sebastián Driussi, attaccante classe '96 del River che ha appena mosso i primi passi nel calcio dei grandi ma che ricorda - anche a chi i paragoni tende a detestarli - Francesco Totti, e in tema di centravanti rampanti riverplatensi occhio anche al figlio d'arte Giovanni Simeone, diciannovenne che dal padre Diego ha ereditato la convinzione nei propri mezzi, supportata oltretutto da piedi piuttosto fini. In Brasile è più difficile fare affari, perchè i prezzi sono molto più alti e perchè anche giocatori estremamente giovani (su tutti "Gabigol" del Santos) vengono lanciati presto con la conseguenza di una valutazione che lievita repentinamente, però si possono provare operazioni riguardanti elementi dall'età solo leggermente più alta ma per questo forse ancora più pronti per realtà di media fascia della serie A. In questo senso stanno catturando l'occhio Petros del Corinthians, mezzala sinistra classe '89 dalla combattività impressionante, Marquinhos del Cruzeiro, venticinquenne attaccante esterno dalla forma affusolata e dai piedi assai taglienti, e sempre fra i blu di Belo Horizonte si trova anche il regista Lucas Silva, che di anni ne ha ventuno e che riesce ad abbinare qualità massima e intensità molto promettente. Ma il Sudamerica non è solo Argentina e Brasile visto che i movimenti considerati minori fino a qualche anno fa ora stanno avvicinandosi al livello dei colossi, con la differenza di avere vetrine molto meno costose: se si cercano affari vero e propri, con annesso anche un grado di rischio superiore, allora conviene guardare al Venezuela, la nazione di tradizione minore nel panorama latinoamericano che però negli ultimi anni ha esponenzialmente aumentato il proprio livello di preparazione e che quest'anno ha "spedito" in Italia due giocatori da osservare come il genoano Rincon e soprattutto il granata Josef Martinez, due delle novità esotiche di una serie A che avrebbe tanto bisogno di un tocco divino, e giustamente lo cerca in Sudamerica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.