VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Sarri e il rinnovo, c'è un prezzo per il tempo? Alisson prolunga con la Roma, ma infiamma il mercato. Ecco chi ha fatto il balzo in avanti nella sua valutazione. E finalmente abbiamo dei baby d'oro, anche in Nazionale

22.03.2018 07:32 di Luca Marchetti   articolo letto 19688 volte
© foto di Federico De Luca

Tutto ora sembra ruotare intorno al Napoli. Perché la questione sul tavolo è delicata: il rinnovo di Sarri. Se l'allenatore del Napoli, almeno pubblicamente, non ritiene che il suo contratto sia una priorità, probabilmente De Laurentiis la pensa diversamente. In queste ore il presidente del Napoli è in città: affari extracalcio ma nulla vieta di pensare che magari una chiacchierata, probabilmente non decisiva, con il suo allenatore voglia farla. Il fattore tempo sembra giocare una parte da protagonista. Da una parte aspettare non comporterebbe rischi eccessivi, ma è evidente che si lascerebbe spazio a eventuali manovre di club che in questo momento a Sarri potrebbero pensare eccome. Ecco: De Laurentiis vorrebbe stopparli in anticipo. Blindando chi sta facendo parlare della propria squadra tutta Europa.
E allora il tempo ha un prezzo? Tempo significa avere la calma di programmare con certezze: sapere di avere ancora a lungo Sarri significa magari gestire il post di questo campionato (comunque vada) con delle prospettive diverse. Anche perché un minimo di turnover nella rosa bisognerà comunque pensarlo.
Tempo significa insidie, come abbiamo detto. Insidie di altri club che potrebbero tentare l'allenatore a provare altre esperienze. Dovesse arrivare una proposta contrattuale da 4 milioni di euro sarebbe "rifiutabile"? Questo tipo di proposta De Laurentiis l'ha già fatta (più o meno sullo stesso tenore) a Benitez e Mazzarri, quindi non ci sarebbero ostacoli da questo punto di vista. Quello che bisognerebbe capire è come ha intenzione di condurre la danza il presidente e che tipo di ritmo invece ha in testa l'allenatore. Con una consapevolezza di fondo: al di là di tutte le considerazioni che abbiamo fatto e che faremo non c'è l'intenzione di doversi separare a tutti i cosi, anzi. Al massimo si potrebbe parlare di opportunità. Che vale in tutti e due i sensi. Tanto più (e questo va riconosciuto a De Laurentiis) che chi ha fatto molto bene a Napoli poi non ha avuto la stessa fortuna altrove.
I rinnovi tengono banco. Si parlerà molto di quello di Icardi, lo ha praticamente fatto Cutrone con il Milan, così come Alisson con la Roma. E questa, visto che non ci sarà alcuna clausola di rescissione per il portiere brasiliano, è sicuramente una notizia confortante. Non tanto perché è certo che il giocatore rimarrà in giallorosso anche per la prossima stagione, quanto perché ora chi vuole il portiere brasiliano deve per forza parlare con la Roma, che quindi farà il prezzo a seconda del mercato.
E a proposito di prezzi e di Alisson: il Cies nei giorni scorsi ha pubblicato gli aggiornamenti delle proprie valutazioni dei giocatori. E - come saprete - quello che ha avuto il balzo in avanti più importante è stato Momo Salah, del Liverpool passato dai quasi 114 a 188 milioni. Più 74 in mezza stagione, praticamente. E la Premier domina assolutamente le prime posizioni di questa particolare classifica visto che ci sono Moraes, Sané e Gabriel Jesus, intervallati soltanti da Mbappé... Evidentemente esplodere in Premier porta benefici anche da questo punto di vista. E in Italia? Chi siano i giocatori che hanno fatto un balzo in avanti decisivo forse è anche intuitivo. La curiosità è che i primi cinque italiani sono delle prime cinque squadre della nostra classifica. Quello che si è "apprezzato" di più è Milinkovic Savic, passato da 30 a 70, grazie alla sua strepitosa stagione. Secondo è proprio Alisson (da 7,7 a 45,2). Poi Koulibaly (da 43.6 a 76.2). Quarto Skriniar (24,5 fino 46,3) e "ultimo" Bentancur passato da 16.4 a 36 milioni di valutazione. 5 giocatori, nessun attaccante, due centrocampisti e due difensori centrali. Forse anche questo è un po' il termometro del nostro campionato ora: forse meno spettacolare, meno colpi a disposizione per i talenti emergenti (è evidente che Dybala o Icardi hanno avuto meno margine di crescita partendo da valutazioni all'inizio dell'anno comunque alte) ma comunque anche in Italia la continuità e il talento viene allevato. Non è un caso neanche che questi giocatori siano al centro comunque di voci di mercato (forse Bentancur escluso): probabilmente parleremo di loro spesso, da qui ai prossimi mesi.
L'ultima considerazione da fare è sui talenti giovani italiani. Cutrone, Chiesa e Donnarumma sono le facce giovani di questa Nazionale che proverà a ripartire proprio in questi giorni. E' confortante vedere che in assoluto sono dei talenti considerati a livello internazionale e che ognuno nel proprio anno di nascita sono al top nelle valutazioni di mercato. Donnarumma è ancora nettamente il primo fra i 99 (nonostante sia un portiere), Chiesa è quarto fra i 97. Cutrone ancora non ha avuto modo di imporsi fra i 98 ma nei numeri sul campo è secondo in Europa soltanto a Mbappé... Ecco queste sono le basi... Da qui bisogna ripartire. Con chi nei prossimi anni sarà un senatore e che ancora ha il futuro davanti. Una volta visto il fondo bisogna risalire...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Quanto vale ora Salah? I cambi rossoneri e i dream team in Nazionale 26.04 - Tutti ora a dire perché la Roma ha venduto Salah. Anzi perché l’ha venduto a così poco. Qualcuno aggiungendo, malignamente, che allo stesso prezzo la Roma ha praticamente preso Schick. Prima risposta: è il mercato, bellezza. La seconda l’ha data Monchi in giornata: “se fosse dipeso...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI 25.04 - Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.