HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Sarri e il rinnovo, c'è un prezzo per il tempo? Alisson prolunga con la Roma, ma infiamma il mercato. Ecco chi ha fatto il balzo in avanti nella sua valutazione. E finalmente abbiamo dei baby d'oro, anche in Nazionale

22.03.2018 07:32 di Luca Marchetti   articolo letto 19740 volte
© foto di Federico De Luca

Tutto ora sembra ruotare intorno al Napoli. Perché la questione sul tavolo è delicata: il rinnovo di Sarri. Se l'allenatore del Napoli, almeno pubblicamente, non ritiene che il suo contratto sia una priorità, probabilmente De Laurentiis la pensa diversamente. In queste ore il presidente del Napoli è in città: affari extracalcio ma nulla vieta di pensare che magari una chiacchierata, probabilmente non decisiva, con il suo allenatore voglia farla. Il fattore tempo sembra giocare una parte da protagonista. Da una parte aspettare non comporterebbe rischi eccessivi, ma è evidente che si lascerebbe spazio a eventuali manovre di club che in questo momento a Sarri potrebbero pensare eccome. Ecco: De Laurentiis vorrebbe stopparli in anticipo. Blindando chi sta facendo parlare della propria squadra tutta Europa.
E allora il tempo ha un prezzo? Tempo significa avere la calma di programmare con certezze: sapere di avere ancora a lungo Sarri significa magari gestire il post di questo campionato (comunque vada) con delle prospettive diverse. Anche perché un minimo di turnover nella rosa bisognerà comunque pensarlo.
Tempo significa insidie, come abbiamo detto. Insidie di altri club che potrebbero tentare l'allenatore a provare altre esperienze. Dovesse arrivare una proposta contrattuale da 4 milioni di euro sarebbe "rifiutabile"? Questo tipo di proposta De Laurentiis l'ha già fatta (più o meno sullo stesso tenore) a Benitez e Mazzarri, quindi non ci sarebbero ostacoli da questo punto di vista. Quello che bisognerebbe capire è come ha intenzione di condurre la danza il presidente e che tipo di ritmo invece ha in testa l'allenatore. Con una consapevolezza di fondo: al di là di tutte le considerazioni che abbiamo fatto e che faremo non c'è l'intenzione di doversi separare a tutti i cosi, anzi. Al massimo si potrebbe parlare di opportunità. Che vale in tutti e due i sensi. Tanto più (e questo va riconosciuto a De Laurentiis) che chi ha fatto molto bene a Napoli poi non ha avuto la stessa fortuna altrove.
I rinnovi tengono banco. Si parlerà molto di quello di Icardi, lo ha praticamente fatto Cutrone con il Milan, così come Alisson con la Roma. E questa, visto che non ci sarà alcuna clausola di rescissione per il portiere brasiliano, è sicuramente una notizia confortante. Non tanto perché è certo che il giocatore rimarrà in giallorosso anche per la prossima stagione, quanto perché ora chi vuole il portiere brasiliano deve per forza parlare con la Roma, che quindi farà il prezzo a seconda del mercato.
E a proposito di prezzi e di Alisson: il Cies nei giorni scorsi ha pubblicato gli aggiornamenti delle proprie valutazioni dei giocatori. E - come saprete - quello che ha avuto il balzo in avanti più importante è stato Momo Salah, del Liverpool passato dai quasi 114 a 188 milioni. Più 74 in mezza stagione, praticamente. E la Premier domina assolutamente le prime posizioni di questa particolare classifica visto che ci sono Moraes, Sané e Gabriel Jesus, intervallati soltanti da Mbappé... Evidentemente esplodere in Premier porta benefici anche da questo punto di vista. E in Italia? Chi siano i giocatori che hanno fatto un balzo in avanti decisivo forse è anche intuitivo. La curiosità è che i primi cinque italiani sono delle prime cinque squadre della nostra classifica. Quello che si è "apprezzato" di più è Milinkovic Savic, passato da 30 a 70, grazie alla sua strepitosa stagione. Secondo è proprio Alisson (da 7,7 a 45,2). Poi Koulibaly (da 43.6 a 76.2). Quarto Skriniar (24,5 fino 46,3) e "ultimo" Bentancur passato da 16.4 a 36 milioni di valutazione. 5 giocatori, nessun attaccante, due centrocampisti e due difensori centrali. Forse anche questo è un po' il termometro del nostro campionato ora: forse meno spettacolare, meno colpi a disposizione per i talenti emergenti (è evidente che Dybala o Icardi hanno avuto meno margine di crescita partendo da valutazioni all'inizio dell'anno comunque alte) ma comunque anche in Italia la continuità e il talento viene allevato. Non è un caso neanche che questi giocatori siano al centro comunque di voci di mercato (forse Bentancur escluso): probabilmente parleremo di loro spesso, da qui ai prossimi mesi.
L'ultima considerazione da fare è sui talenti giovani italiani. Cutrone, Chiesa e Donnarumma sono le facce giovani di questa Nazionale che proverà a ripartire proprio in questi giorni. E' confortante vedere che in assoluto sono dei talenti considerati a livello internazionale e che ognuno nel proprio anno di nascita sono al top nelle valutazioni di mercato. Donnarumma è ancora nettamente il primo fra i 99 (nonostante sia un portiere), Chiesa è quarto fra i 97. Cutrone ancora non ha avuto modo di imporsi fra i 98 ma nei numeri sul campo è secondo in Europa soltanto a Mbappé... Ecco queste sono le basi... Da qui bisogna ripartire. Con chi nei prossimi anni sarà un senatore e che ancora ha il futuro davanti. Una volta visto il fondo bisogna risalire...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->