VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Sarri e Mihajlovic, storie di "straordinaria normalità" per rilanciare le ambizioni di Napoli e Milan in chiave Champions League

14.06.2015 07:45 di Raffaele Auriemma   articolo letto 62404 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si potrebbe fare il verso ad un best seller di Charles Bukovski, l'autore di cui da sempre si nutre Maurizio Sarri. "Storie di straordinaria normalità", come quelle che è tornato a vivere il Napoli dopo il disastroso e altezzoso biennio a guida Benitez. Sembrava che tutti avessero perso la testa nel seguire le teorie illuministiche di un allenatore che voleva costringere Napoli a vivere al di sopra delle sue possibilità, con la spocchia insostenibile anche al cospetto dei tanti insuccessi, diventata poi ragione di scherno verso quel Napoli guidato da chi non vedeva l'ora di andarsene. La fuga di Benitez a distanza di poche ore dalla sconfitta che aveva sancito la dolorosa e dannosa esclusione del Napoli dalla prossima Champions League, aveva schiarito le idee a quanti idealmente si erano legati alla figura di questo allenatore, un hidalgo che voleva assurgere al ruolo di portabandiera di un popolo che solo Diego Maradona aveva sempre saputo difendere, da calciatore e pure dopo. Non era così, quella di Benitez non era affiliazione ad un popolo, bensì strategia per accattivarsi la tifoseria e mettere alla gogna chi ne evidenziava le lacune, ancor più delle poche qualità espresse dal suo Napoli moscio e saccente. Voglia di normalità, di "straordinaria normalità" è ciò che reclama si reclama adesso per tornare a procedere uniti, senza la profonda spaccatura creata dalla precedente gestione. Il collante si chiama Sarri, un uomo mite, studioso di calcio e stratega al punto da aver umiliato il Napoli per due volte nell'ultimo campionato. Umiliato Benitez e stregato De Laurentiis che ha visto in lui la guida per tornare ad una normalità gestionale, senza gente da pregare per indossare la maglia del Napoli ed ai quali corrispondere stipendi d'oro senza che nemmeno ti si dica "grazie" e che poi vada pure a raccontare in giro il gran numero di lacune strutturali presenti all'interno del Napoli. "A Castelvolturno c'è tutto quanto occorre per lavorare bene": finalmente un allenatore che apprezza ciò che gli viene messo a disposizione. Sarri non utilizzerà mai come alibi il mancato arrivo di Mascherano per non aver battuto il Dnipro in semifinale di Europa League e per essere stato superato in semifinale di Coppa Italia, e poi nella finalissima al San Paolo per l'accesso ai preliminari di Champions, dalla Lazio che valeva 10 volte di meno in quanto a patrimonio tecnico. Sarri non chiederà Mascherano ma lo formerà a Castelvolturno, con il suo lavoro 24 ore su 24, senza settimane di vacanza da concedere alla squadra per raggiungere la famiglia chissà dove, e andando a pescare il prodotto buono anche nel settore giovanile. Da dove, nella stagione appena conclusa, non è stato permesso ad alcun giovane di belle speranze di farsi strada in prima squadra. Il "basso profilo" del curriculum di Sarri potrà diventare la leva sulla quale rilanciare il Napoli, questo Napoli ancora composto da diversi calciatori che farebbero grandi i club di mezza Europa. Una squadra che può tornare ad essere protagonista in campionato, il prossimo, che vedrà nuovamente la Juve in pole position, pur se dovesse perdere Pirlo e Tevez in un solo colpo. Il Napoli può tornare ad essere una realtà intrigante, al pari del Milan, tanto da tener testa alla Vecchia Signora, per la presenza in panchina di due allenatori che fanno del sacrificio il loro credo vincente. Sinisa Mihajlovic può risistemare un Milan che ha bisogno di organizzazione, prima ancora che di rinforzi. Quelli, poi, potrebbero prendere le forme di Jackson Martinez, Kondgobia e addirittura Ibrahimovic: in tal caso sarebbe doveroso ricollocare la formazione rossonera nelle posizioni immediatamente a ridosso della prima fila. Sarri e Mihajlovic, il Napoli ed il Milan che De Laurentiis e Berlusconi hanno deciso di restituire al sano realismo di un calcio che necessita di trascinatori più che imbonitori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.