VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Sarri e Mihajlovic, storie di "straordinaria normalità" per rilanciare le ambizioni di Napoli e Milan in chiave Champions League

14.06.2015 07.45 di Raffaele Auriemma   articolo letto 62402 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si potrebbe fare il verso ad un best seller di Charles Bukovski, l'autore di cui da sempre si nutre Maurizio Sarri. "Storie di straordinaria normalità", come quelle che è tornato a vivere il Napoli dopo il disastroso e altezzoso biennio a guida Benitez. Sembrava che tutti avessero perso la testa nel seguire le teorie illuministiche di un allenatore che voleva costringere Napoli a vivere al di sopra delle sue possibilità, con la spocchia insostenibile anche al cospetto dei tanti insuccessi, diventata poi ragione di scherno verso quel Napoli guidato da chi non vedeva l'ora di andarsene. La fuga di Benitez a distanza di poche ore dalla sconfitta che aveva sancito la dolorosa e dannosa esclusione del Napoli dalla prossima Champions League, aveva schiarito le idee a quanti idealmente si erano legati alla figura di questo allenatore, un hidalgo che voleva assurgere al ruolo di portabandiera di un popolo che solo Diego Maradona aveva sempre saputo difendere, da calciatore e pure dopo. Non era così, quella di Benitez non era affiliazione ad un popolo, bensì strategia per accattivarsi la tifoseria e mettere alla gogna chi ne evidenziava le lacune, ancor più delle poche qualità espresse dal suo Napoli moscio e saccente. Voglia di normalità, di "straordinaria normalità" è ciò che reclama si reclama adesso per tornare a procedere uniti, senza la profonda spaccatura creata dalla precedente gestione. Il collante si chiama Sarri, un uomo mite, studioso di calcio e stratega al punto da aver umiliato il Napoli per due volte nell'ultimo campionato. Umiliato Benitez e stregato De Laurentiis che ha visto in lui la guida per tornare ad una normalità gestionale, senza gente da pregare per indossare la maglia del Napoli ed ai quali corrispondere stipendi d'oro senza che nemmeno ti si dica "grazie" e che poi vada pure a raccontare in giro il gran numero di lacune strutturali presenti all'interno del Napoli. "A Castelvolturno c'è tutto quanto occorre per lavorare bene": finalmente un allenatore che apprezza ciò che gli viene messo a disposizione. Sarri non utilizzerà mai come alibi il mancato arrivo di Mascherano per non aver battuto il Dnipro in semifinale di Europa League e per essere stato superato in semifinale di Coppa Italia, e poi nella finalissima al San Paolo per l'accesso ai preliminari di Champions, dalla Lazio che valeva 10 volte di meno in quanto a patrimonio tecnico. Sarri non chiederà Mascherano ma lo formerà a Castelvolturno, con il suo lavoro 24 ore su 24, senza settimane di vacanza da concedere alla squadra per raggiungere la famiglia chissà dove, e andando a pescare il prodotto buono anche nel settore giovanile. Da dove, nella stagione appena conclusa, non è stato permesso ad alcun giovane di belle speranze di farsi strada in prima squadra. Il "basso profilo" del curriculum di Sarri potrà diventare la leva sulla quale rilanciare il Napoli, questo Napoli ancora composto da diversi calciatori che farebbero grandi i club di mezza Europa. Una squadra che può tornare ad essere protagonista in campionato, il prossimo, che vedrà nuovamente la Juve in pole position, pur se dovesse perdere Pirlo e Tevez in un solo colpo. Il Napoli può tornare ad essere una realtà intrigante, al pari del Milan, tanto da tener testa alla Vecchia Signora, per la presenza in panchina di due allenatori che fanno del sacrificio il loro credo vincente. Sinisa Mihajlovic può risistemare un Milan che ha bisogno di organizzazione, prima ancora che di rinforzi. Quelli, poi, potrebbero prendere le forme di Jackson Martinez, Kondgobia e addirittura Ibrahimovic: in tal caso sarebbe doveroso ricollocare la formazione rossonera nelle posizioni immediatamente a ridosso della prima fila. Sarri e Mihajlovic, il Napoli ed il Milan che De Laurentiis e Berlusconi hanno deciso di restituire al sano realismo di un calcio che necessita di trascinatori più che imbonitori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.