HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Sarri, quattro milioni dal Napoli per restare. Via la clausola, contratto lungo alla Ferguson. In arrivo Keita, Torreira, Grimaldo e Leno. Milan, Elliott ottimista. I compratori ci sono

16.03.2018 07:37 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38238 volte
© foto di Federico De Luca

Lo scudetto è ancora possibile, a dieci gare dalla fine del campionato quattro punti di svantaggio sono recuperabili anche a questa mostruosa Juve, c’è lo scontro diretto e il Napoli ci crede. Nel frattempo, però, De Laurentiis sta gettando le basi per il futuro che in sintesi sono queste: chiavi della società a Sarri con completa responsabilità tecnica, ringiovanimento e rafforzamento della rosa, attenzione al settore giovanile.
Tutto parte, naturalmente, dal contratto dell’allenatore. 
La proposta irrinunciabile è stata fatta in questi giorni e Sarri ci sta pensando. L’allenatore del Napoli attualmente guadagna molto meno dei suoi colleghi delle squadre top, circa 1,4 milioni netti, e sul contratto ha una clausola rescissoria da otto milioni. Il presidente ha proposto di stracciare i vecchi accordi e di firmare un nuovo tipo di intesa. 
La proposta, articolata, vorrebbe far diventare Sarri il responsabile tecnico del Napoli per i prossimi dieci anni con un contratto sul tipo di quello che Ferguson aveva con il Manchester, rinnovabile anno dopo anno.
De Laurentiis è contento di Sarri per molte ragioni, per il gioco che il Napoli esprime che diverte la tifoseria, ma è anche applaudito in tutta Europa, per la qualità che esprime, ma anche per la capacità comunque di essere competitivo ad alto livello. Inoltre il merito di Sarri è anche quello di valorizzare i giocatori che hanno fatto lievitare tantissimo il livello economico della rosa.
Per tutte queste ed altre ragioni, De Laurentiis ha offerto addirittura un contratto decennale, a quattro milioni di euro netti l’anno. Quaranta milioni netti, un investimento lungo e oneroso.
Sarri si è sentito inorgoglito da tanta fiducia e ha trovato basi importanti per portare avanti il suo lavoro e le sue idee. Il suo ruolo diventerebbe più ampio, anche le squadre del settore giovanile dovranno rispondere a lui, soprattutto la Primavera che infatti è stata affidata a Loris Beoni, aretino, amico di Sarri e allenatore con le stesse idee calcistiche. Naturalmente nel nuovo accordo non ci saranno clausole rescissorie di alcun tipo. 
In sostanza Sarri sta pensando seriamente a questa opportunità di diventare napoletano a vita. Manca ancora nero su bianco, se la firma ci sarà sarà solo a fine stagione, andranno studiati altri dettagli, ma le possibilità sono molte. Come sappiamo è già stato fissato il ritiro ancora a Dimaro e questo per volontà di Sarri, per dare continuità. Un altro tassello per pensare che si andrà avanti assieme.
Paradossalmente potrebbe spostare qualcosa la vittoria dello scudetto. A quel punto Sarri potrebbe anche considerare il lavoro a Napoli già completato, ma non è detto, è soltanto una ipotesi remota.
Oltre al rapporto con l’allenatore, sono state gettate le basi anche per il Napoli del futuro. Sarri ha chiesto giocatori tecnici, ovvio, per innalzare ancora di più il livello qualitativo della squadra. 
Una operazione già impostata con Mendes è il passaggio di Ghoulam al Manchester United con l’arrivo a Napoli dell’ex Lazio Keita Balde. Praticamente fatto anche l’acquisto di Grimaldo del Benfica destinato a prendere il posto di Ghoulam. Dell’addio di Reina per il Milan i lettori di questo giornale online ricorderanno che abbiamo parlato qualche mese fa. Tutto fatto, ma per il Napoli Reina non è mai stato un problema. Il divorzio consensuale è stato consumato l’estate scorsa. Il portiere destinato a prenderne il posto è Leno e non Perin. Anche qui la scelta è di Sarri che vuole un portiere bravissimo anche con i piedi, capace di far partire l’azione. Leno lo sa fare alla grande, Perin molto meno. Fra i nomi in entrata anche quello di Torreira che piace molto, c’è da chiudere con la Sampdoria. Il centrocampista prenderebbe il posto di Diawara anche lui destinato alla Premier League. Altre operazioni da fare, trovare un sostituto per Maggio e valutare la posizione di Albiol.
Ma il nome sul quale Sarri ha puntato tutti gli obiettivi è Felipe Anderson. La Lazio è disponibile alla trattativa, il lavoro è iniziato. Sappiamo benissimo che non è mai facile trattare con Lotito, ma il Napoli farà di tutto per trovare un’intesa e una soluzione.
C’è poi De Laurentiis che proverà un’altra volta a convincere il suo amico Diego Della Valle a vendergli Chiesa. Nella sua formazione del Napoli del futuro de Laurentiis vede Chiesa come nuovo Callejon che ha già superato i trent’anni. Anche questa è un’operazione complicata, la Fiorentina vorrebbe trattenere il ragazzo almeno per un’altra stagione, ha rinnovato da poco.
Comunque le linee sono state tracciate con largo anticipo per la serenità di tutti e per evitare assalti di fine stagione alla clausola rescissoria di Sarri.
Sta già pensando al futuro anche il Milan che, come già ampiamente scritto da mesi, farà partite Donnarumma verso il Psg. Ma se non cambieranno procuratore saranno venduti anche Bonaventura e Abate. Mirabelli non vuole più avere a che fare con Raiola.
Nel frattempo, però, sono più importanti le scadenze economiche. Mister Li ha intanto versato io tre milioni che mancavano per completare l’aumento di capitale. Ora tutta l’attenzione è concentrata verso il debito con il fondo Elliott. Sappiamo che entro ottobre vanno restituiti quasi 400 milioni e che Merrill Lynch sta cercando di rifinanziare il debito. Come abbiamo sempre sostenuto, negli ambienti finanziari non c’è preoccupazione e non devono preoccuparsi neppure i tifosi del Milan. Se le operazioni che Li Yonghong ha in essere non dovessero andare in porto, comunque dietro le quinte ci sono già potenziali compratori che spaziano da sceicchi a magnati russi. Il Milan è un brand che fa gola, caso mai i problemi sarebbero per Mister Li che se non dovesse riuscire a rimborsare Elliott perderebbe il Milan e quello che ha già investito. Per quanto riguarda il fair play finanziario, ‪il 20 aprile‬ all’Uefa ci sarà l’audizione per il Settlement Agreement e il fondo Elliott potrebbe affiancare Fassone per garantire la solidità del Milan.   


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Cancelo alla Juve, lunedì è il giorno. Rugani-Chelsea si può fare. Napoli tra Areola e Meret. Inter: Malcom può arrivare 23.06 - Ancora qualche giorno e Cancelo sarà un giocatore della Juventus. Con il Valencia è già stato raggiunto in linea di massima un accordo sulla base di 38 milioni di euro. Per l’esterno portoghese è pronto un contratto di 5 anni a 3 milioni di euro a stagione. Acquisto a titolo definitivo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco come finirà il Milan: oggi la resa dei conti. Mancano 32 milioni. Elliott in agguato. Ma ecco il socio americano, è il proprietario dei Chicago Cubs. L’esclusione dall’Europa inaccettabile giudizio politico 22.06 - Oggi si può decidere il futuro del Milan. E’ lo snodo cruciale, quattordici mesi dopo il passaggio della società da Berlusconi a Yonghong Li, si potrebbe cominciare a capire davvero qualcosa di più e di diverso. E’ il d-day per tutti. Cerchiamo di ricapitolare. Entro le diciassette...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Inter fa sul serio, la Juve saluta Emre Can, Roma e Napoli non solo portieri. Il Milan in attesa: è un mercato mondiale 21.06 - Sono i giorni dell’Inter. Fra le cessioni per rientrare nei paletti del FFP e gli acquisti per dare a Spalletti una rosa di primo livello non si può non partire dai nerazzurri. Di Nainngolan sappiamo ormai quasi tutto. Non diciamo che bisogna solo scrivere ma quasi. La Roma ha individuato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy