VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Sarri, tre partite per cambiare idea. A Benitez non sono bastati due anni. Lazio 2015 come il Napoli 2014: che senso ha? In Serie B c'è il regista del futuro

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
27.09.2015 00:00 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 49049 volte
© foto di TuttoMercatoWeb.com

La sfida al San Paolo è finita da poco più di un'ora ed è giusto partire da lì. La Juventus continua a collezionare record negativi, il Napoli fa cantare i suoi tifosi nella serata in cui il fattore stadio è tornato a fare la differenza. Un successo meritato, un 2-1 per denotare un ulteriore passo avanti della squadra partenopea che anche contro i campioni d'Italia ha dimostrato di dover migliorare, e parecchio, nella gestione della partita, ma nel frattempo continua a fare grandi passi in avanti. Innanzitutto in fase difensiva: dai sei gol subiti nelle prime tre partite alla sola rete di Lemina incassata nelle successive quattro.
C'è da registrare un dato: a Maurizio Sarri sono bastate tre gare per cambiare idea. Il tecnico campano dopo il pareggio a Empoli ha capito che il 4-3-1-2 non era lo schieramento adatto per esaltare i giocatori a disposizione. Un modulo che celava le qualità di Hamsik e Allan e, soprattutto, non era in grado di dare alcuna protezione alla difesa. E allora spazio al 4-3-3 già a metà settembre: lo schieramento agli occhi di tutti più congeniale da tre stagioni a questa parte.
Sarri è tecnico da pane al pane e vino al vino. Sa quando un complimento è fatto per ruffianeria e quando, invece, ha come fondamento ragioni valide. Sa quando una critica è costruttiva e quando, invece, è provocazione camuffata. E ha saputo accogliere gli appunti negativi per attuare il nuovo schieramento che ha subito portato a risultati importanti. Un comportamento inusuale visto il biennio precedente, in grado di sancire un reale e netto distacco dal suo predecessore che, al contrario, ha cestinato qualsiasi critica con quell'atteggiamento da Marchese del Grillo sempre ben celato da un sorriso pacioso e da cordiali frasi di circostanza.
Solo il tempo dirà quale dei due atteggiamenti porterà i migliori risultati. Qual è più produttivo in una piazza dai tratti unici come quella partenopea. Adesso c'è solo da far parlare il campo. Nel frattempo, per ingannare il tempo, non si può far altro che assistere al continuo e poco produttivo confronto che c'è a Napoli tra chi rimpiange Benitez e chi esalta Sarri. Tu scendi dal carro, io ora posso salire sul carro, attento che il carro ti sta investendo. E così via. Dibattito tra lo sterile e il noioso.

Allontanandomi dalle ultime vicende di casa Napoli (ma nemmeno troppo) vorrei tornare sulla gestione estiva della Lazio. Sottolineo il nemmeno troppo perché ha tanti, troppi punti in comune con quella attuata proprio dalla società partenopea un anno fa ed è etichettabile con un solo aggettivo: sconcertante.
Il punto non è dove la Lazio potrà arrivare quest'anno, ma perché nell'estate in cui hai la possibilità di fare un ultimo decisivo passo in avanti nei fai due indietro. Restando paralizzata sul mercato quando di fronte a te c'è un traguardo che può garantire le tue fortune. Sia sportive che economiche.
La realtà è che per le squadre italiane il terzo posto più che in un premio si sta trasformando in una condanna. Negli ultimi cinque anni solo il Milan è riuscito a superare il preliminare di Champions e sei anni fa la Sampdoria precipitò dal doppio confronto col Werder Brema alla Serie B nel giro di pochi mesi.
La Lazio per tutta l'estate ha cercato un attaccante e un difensore esperto. Servivano come il pane, altro che giovani promesse da far esplodere nel 2017. Eppure Tare e Lotito hanno deciso di portare a Formello Alessandro Matri - non la prima scelta - quando la disfatta col Bayer Leverkusen era ormai consumata. Un po' come fece De Laurentiis un anno fa quando, dopo aver trattato per mesi Mascherano, Gonalons, Kramer, Javi Garcia e non solo, portò a Castel Volturno David Lopez (grossomodo la decima alternativa...) solo aver incassato un pesante ko a Bilbao. Scelte senza alcuna logica perché la retrocessione in Europa League è poi macigno che inevitabilmente peserà su tutta la stagione. Decisioni che si susseguono con una continuità preoccupante e fanno porre un'unica semplice domanda: perché vivere tutta la stagione con questo rimorso?

Sono un appassionato del campionato di Serie B. Ha conservato quel briciolo di umanità che permette a squadre come Carpi e Frosinone - date da tutti in fondo alla griglia nell'estate 2014 - di ritrovarsi in Serie A un anno dopo. Anche qui c'è chi investe tanti soldi e chi deve andare avanti senza spendere un euro sul mercato, ma il gap è molto meno ampio e l'esito finale non è mai scontato. In Serie A, per intenderci, il fatturato già in estate stila una classifica pressoché fedele. Può esserci qualche sorpresa, certo. Ma una squadra che deve lottare per la salvezza non può vincere il titolo e viceversa. In B invece è tutto diverso. E questo rende le partite più imprevedibili e la classifica sempre incerta.
Tornando alla B di quest'anno, il livello della competizione mi sembra più elevato rispetto a un anno fa. Manca ancora tanto per tornare ai fasti di fine anni '90, ma anche grazie a neopromosse e retrocesse il tasso tecnico s'è innalzato. La cadetteria deve tornare a essere fucina di giovani talenti italiani per il massimo campionato e se l'intero parco giocatori è per circa il 70% composto da italiani e per poco meno del 40% da Under 21 vuol dire che la strada è quella giusta. Si può migliorare, certo, ma i passi in avanti sono sotto gli occhi di tutti.
E allora spazio a chi nei prossimi anni potrà fare la differenza in Serie A. Mi limiterò di volta in volta a segnalarne uno, partendo da una terra fertile come la Romagna. Perché Stefano Sensi, centrocampista classe '95, è nato a Urbino ma già all'età di 14 anni è entrato nel settore giovanile del Cesena. Vent'anni da poco compiuti, ha la personalità di un veterano grazie alla perfetta gestione della società bianconera. Invece, infatti, di farlo 'invecchiare' nel settore giovanile il club appena maggiorenne decise di spedire il calciatore a San Marino. Due stagioni in Lega Pro che sono risultate fondamentali per la crescita di un regista di centrocampo che ha tutte le qualità per diventare uno dei protagonisti del nostro calcio.
Ritornato alla casa madre dopo due stagioni all'ombra del Titano, il Cesena l'ha messo al centro del suo progetto per ripartire dopo un'annata fallimentare culminata con la retrocessione. Bravo mister Drago a inserirlo fin da subito tra i titolari nonostante una mediana molto competitiva, bravo Sensi a prendersi la squadra sulle spalle grazie a qualità tecniche eccellenti. I 168 centimetri non sono un limite per chi fa del talento il suo punto di forza, il suo piede talmente educato da assicurare passaggi sempre precisi e ficcanti per i compagni di squadra.
E' uno dei tanti potenziali crack della Serie B, uno di quei nomi che spesso e volentieri passiamo in rassegna sulle nostre pagine per ricordare ai direttore sportivi di Serie A che i giovani forti non sono solo in Sud America. Chissà se ripetendolo dieci, venti, cinquanta, cento volte qualcuno prima o poi ci darà ascolto. Nel frattempo, buona domenica calcistica a tutti.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.