VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Se le big fossero delle riserve: la Juventus ha 22 grandi calciatori, come il Real Madrid dell'anno scorso. Un boxing day italiano praticamente inutile

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.12.2017 08:42 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 36664 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Come sarebbero le grandi squadre d'Italia se fossero esclusi gli undici titolari? L'Inter giocherebbe con Padelli in porta, Nagatomo e Dalbert sulle fasce, Ranocchia e Vanheusden da stopper. A centrocampo Brozovic e Joao Mario a formare la cerniera davanti alla retroguarda. Karamoh, Eder e Cancelo dietro a Pinamonti. Una formazione sperimentale che avrebbe però bisogno di un rodaggio abbastanza massiccio. Il Milan, da par suo, risponderebbe con Storari, retroguardia con Zapata, Gomez e Paletta, sulle fasce Abate e Antonelli. A centrocampo Biglia - il Biglia di ora - con Locatelli, mentre Calhanoglu e Andre Silva agirebbero dietro a Cutrone. Il Napoli avrebbe Sepe, con Maksimovic e Maggio sulle corsie, Tonelli e Chiriches centrali. Diawara-Rog-Allan a centrocampo, mentre avanti Giaccherini, Ounas e Milik, o meglio, Leandrinho. Conclude il lotto delle wannabe scudettate - almeno ai nastri di partenza, la Lazio sarebbe uno scalino dietro - la Roma con Skorupski, retroguardia formata da Karsdorp, Hector Moreno, Juan Jesus ed Emerson Palmieri. Pellegrini, Gonalons e Gerson a centrocampo, davanti Under, Defrel ed El Shaarawy.

Tutta questa carrellata di nomi per capire come sia evidente che, al netto degli infortuni, la Roma possa essere la candidata principale per lo Scudetto, soprattutto con delle buone riserve. Chiaro, bisogna capire la tenuta dei titolari, come evolverà la stagione e, anche e principalmente, se il Napoli continuerà con questo ritmo forsennato. E poi c'è chi dovrebbe giocare un altro campionato, cioè la Juventus, troppo più forte anche nei panchinari. Volendo ammettere che possa giocare 4-2-3-1, assurgendo Dybala-Mandzukic-Cuadrado come titolari dietro a Higuain, la formazione risultante sarebbe questa: Szczesny fra i pali, Barzagli e Asamoah sulle fasce, Rugani e Howedes in mezzo. Davanti alla difesa, uno fra Khedira-Pjanic-Matuidi, Marchisio e Bentancur a centrocampo. Douglas Costa a destra, Bernardeschi a sinistra e Pjaca in mezzo da falso nueve. Mancano Lichtsteiner e Sturaro, fuori dai 22.

Insomma, è la Juventus più forte degli ultimi anni, decisamente. Soprattutto per la qualità delle riserve. Quello che il Real Madrid, sei mesi fa, ha fatto capire con forza ai dirigenti Marotta e Paratici. In finale Zidane poteva contare su Asensio, Morata e Bale come riserve - oltre all'ottimo Danilo, jolly non utilizzato - mentre la coperta di Allegri, comunque pregevole, era davvero molto più corta. Ora è il contrario, perché il francese ha ceduto James Rodriguez, finito in tribuna nella finale di CL, ma non solo: Danilo, appunto, oppure Morata e Pepe, svincolato. Chissà che non Zizou non si sia pentito delle proprie scelte. Questo non vuol dire che la Juventus vincerà certamente la Champions League, ma che è la meglio attrezzata. Purtroppo, per l'alternanza delle vittorie, anche per il campionato.

Chiusura con polemica: perché far giocare le squadre italiane il 30 dicembre, mentre la Coppa Italia è spezzata fra fine e inizio anno, infrasettimanale? Fa freddo, più che in Inghilterra, e gli stadi italiani non sono confortevoli. Sono vecchi, tristi e parecchio disabitati. Spezzare il turno tra il 6 gennaio e il 21 per approfittare delle feste natalizie potrebbe essere un errore. A parte climatico, quello cambia poco, ma gli italiani preferiscono farsi una gita fuori porta, pensare al Capodanno, piuttosto che finire allo stadio. Non siamo in Inghilterra e il loro modello, per noi, non ha molto senso. Boxing day bocciato, almeno per il momento.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.