HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Se le big fossero delle riserve: la Juventus ha 22 grandi calciatori, come il Real Madrid dell'anno scorso. Un boxing day italiano praticamente inutile

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.12.2017 08:42 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 37278 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Come sarebbero le grandi squadre d'Italia se fossero esclusi gli undici titolari? L'Inter giocherebbe con Padelli in porta, Nagatomo e Dalbert sulle fasce, Ranocchia e Vanheusden da stopper. A centrocampo Brozovic e Joao Mario a formare la cerniera davanti alla retroguarda. Karamoh, Eder e Cancelo dietro a Pinamonti. Una formazione sperimentale che avrebbe però bisogno di un rodaggio abbastanza massiccio. Il Milan, da par suo, risponderebbe con Storari, retroguardia con Zapata, Gomez e Paletta, sulle fasce Abate e Antonelli. A centrocampo Biglia - il Biglia di ora - con Locatelli, mentre Calhanoglu e Andre Silva agirebbero dietro a Cutrone. Il Napoli avrebbe Sepe, con Maksimovic e Maggio sulle corsie, Tonelli e Chiriches centrali. Diawara-Rog-Allan a centrocampo, mentre avanti Giaccherini, Ounas e Milik, o meglio, Leandrinho. Conclude il lotto delle wannabe scudettate - almeno ai nastri di partenza, la Lazio sarebbe uno scalino dietro - la Roma con Skorupski, retroguardia formata da Karsdorp, Hector Moreno, Juan Jesus ed Emerson Palmieri. Pellegrini, Gonalons e Gerson a centrocampo, davanti Under, Defrel ed El Shaarawy.

Tutta questa carrellata di nomi per capire come sia evidente che, al netto degli infortuni, la Roma possa essere la candidata principale per lo Scudetto, soprattutto con delle buone riserve. Chiaro, bisogna capire la tenuta dei titolari, come evolverà la stagione e, anche e principalmente, se il Napoli continuerà con questo ritmo forsennato. E poi c'è chi dovrebbe giocare un altro campionato, cioè la Juventus, troppo più forte anche nei panchinari. Volendo ammettere che possa giocare 4-2-3-1, assurgendo Dybala-Mandzukic-Cuadrado come titolari dietro a Higuain, la formazione risultante sarebbe questa: Szczesny fra i pali, Barzagli e Asamoah sulle fasce, Rugani e Howedes in mezzo. Davanti alla difesa, uno fra Khedira-Pjanic-Matuidi, Marchisio e Bentancur a centrocampo. Douglas Costa a destra, Bernardeschi a sinistra e Pjaca in mezzo da falso nueve. Mancano Lichtsteiner e Sturaro, fuori dai 22.

Insomma, è la Juventus più forte degli ultimi anni, decisamente. Soprattutto per la qualità delle riserve. Quello che il Real Madrid, sei mesi fa, ha fatto capire con forza ai dirigenti Marotta e Paratici. In finale Zidane poteva contare su Asensio, Morata e Bale come riserve - oltre all'ottimo Danilo, jolly non utilizzato - mentre la coperta di Allegri, comunque pregevole, era davvero molto più corta. Ora è il contrario, perché il francese ha ceduto James Rodriguez, finito in tribuna nella finale di CL, ma non solo: Danilo, appunto, oppure Morata e Pepe, svincolato. Chissà che non Zizou non si sia pentito delle proprie scelte. Questo non vuol dire che la Juventus vincerà certamente la Champions League, ma che è la meglio attrezzata. Purtroppo, per l'alternanza delle vittorie, anche per il campionato.

Chiusura con polemica: perché far giocare le squadre italiane il 30 dicembre, mentre la Coppa Italia è spezzata fra fine e inizio anno, infrasettimanale? Fa freddo, più che in Inghilterra, e gli stadi italiani non sono confortevoli. Sono vecchi, tristi e parecchio disabitati. Spezzare il turno tra il 6 gennaio e il 21 per approfittare delle feste natalizie potrebbe essere un errore. A parte climatico, quello cambia poco, ma gli italiani preferiscono farsi una gita fuori porta, pensare al Capodanno, piuttosto che finire allo stadio. Non siamo in Inghilterra e il loro modello, per noi, non ha molto senso. Boxing day bocciato, almeno per il momento.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy