VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Seedorf, sbarco a Milano: Barbara ha già il regalo di benvenuto (ma con Galliani sono fuochi e fulmini). Thohir mette in saldo l'Inter: tra i sacrificati c'è una sorpresa (e il futuro è anche più grigio). Juve degli oracoli: tre nomi insospettabi

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
14.01.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 65289 volte
© foto di Federico De Luca

C'è questo tizio, Charlie, che è il mio barista preferito. Lavora in un locale in via Panfilo Castaldi, a Milano, e miscela dei cocktail sontuosi. Per dire: se gli chiedi un generico "Cuba" non ti butta dentro il rum cinese marca "lum", ma sciccherie importate, roba buona che esce da bottiglie sfiziosissime: la sera ti sbronzi, il giorno dopo non hai il mal di capa e l'acidità che sale fin su nella trachea.

Ebbene, Charlie, a maggio scorso mi fa: "Seedorf è a un passo dal Milan, non c'è ancora l'ufficialità ma Berlusconi l'ha scelto". E tra un'oliva e un sottaceto scopro che questo colosso olandese è buon amico di Clarence, nonché primo interprete del centrocampista quando arrivò a suo tempo in Italia. Non dubito di Charlie secondo la legge del "fidati solo della mamma e di chi ti dà da bere" e indago un po'. In effetti vien fuori la verità, il Cavaliere vuol cambiare: tanti saluti ad Allegri che gli ha fatto venire l'orchite e dentro Clarence che ha un'idea del calcio e della vita simile a quella del suo ex datore di lavoro.

Sembra fatta, proliferano gli articoli dei colleghi - evidentemente beoni di un certo livello come il sottoscritto - e insomma tutti son certi: "Seedorf ha fatto le scarpe ad Allegri". Sul più bello cambia qualcosa: Galliani attiva la contraerea, convince Silvio, porta Max ad Arcore, fa capire al presidente che l'ambiente spinge per la conferma del toscanaccio e se proprio bisogna cambiare allora meglio puntare su Inzaghi Pippo, già "Super". Silvio lascia fare, ma sa che è tempo perso.

Sei mesi dopo siamo qui a raccontare di un avvicendamento che forse porterà benefici o forse no. C'è solo una certezza: andava fatto prima. Sappiamo che Berlusconi per Seedorf farà quello che non ha fatto nelle ultime due stagioni: tornerà a parlare di calcio e ricomincerà a spendere (non a "spandere", a "spendere").

Per capirci, questo è un estratto del tmw dello scorso 4 giugno, all'indomani della cena di Arcore: "Con Allegri in sella il rischio è che il Cavaliere abbia costantemente la balle fumanti e che quindi eviti di spendere e spandere sul mercato. Arriveranno pochi giocatori, per il resto si penserà a tagliare, ché la rosa è assai ampia. Una scelta logica, condivisibile, ma l'avvento di Seedorf probabilmente avrebbe risvegliato la fame di vittorie del patron, lo avrebbe convinto a scucire il grano. Così invece si intravedono nubi cumoliformi all'orizzonte, quelle cariche di fulmini e acqua piovana». É arrivata l'Honda, ma è stata sovrastata dallo tsunami Berardi.

Tanti saluti ad Allegri, quindi, Seedorf arriva in tutta fretta dal Brasile. L'olandese chiede uno staff di ex rossoneri di ferro (Stam e Kluivert in testa oltre all'argentino Crespo) e vuole portare al Diavolo la filosofia Ajax. Un sogno per Silvio e per Barbara Berlusconi, che s'è presa il Milan nella notte di Reggio Emilia. BB potrebbe convincere papà a fare un regalo al nuovo allenatore, soprattutto in vista dell'Atletico Madrid: Essien e Banega sono i sogni europei, Parolo la pista concreta e italiana. Tanti saluti invece al "cocco" di Max, Matri: mister 12 milioni finirà alla Fiorentina, silurato in tempo reale insieme al suo "papà" pallonaro. E Galliani, che fa? Quello che ha fatto nell'ultimo mese: il suo dovere fino a quando arriverà il momento dei saluti.

Il resto son tristi faccende interiste. Per settimane, mesi, Erick Thohir ci ha parlato del futuro radioso che attendeva l'Inter. Erano sorrisi, fetentissime strizzate d'occhio, "chi non salta lossonero è" e lezioni sulla differenza tra fuorigioco e sfondamento. Dopo aver bello che convinto Massimo Moratti a mollargli la società, Et ha deciso di dire la verità a denti e chiappe strettissime: «Soldi da mettere sul mercato al momento non ce ne sono, per comprare bisogna vendere, ma fra tre anni vedrete...». Il problema è che l'Italia non è l'Indonesia e in tre anni può tranquillamente venir giù il Paese, altro che calcio.

Che poi non c'è molto da cedere per far cassa in una rosa piena di cariatidi e ragazzini. Per non parlare dello stadio nuovo, priorità sbandierata e divenuta in breve tempo l'ultima voce sulla lista degli interventi da fare.

Il primo nome sull'elenco dei partenti resta quello di Guarin, uno che lotta come un drago ma «non è attaccato alla maglia». Il Chelsea ha deciso di spendere 22 milioni per Matic del Benfica, piuttosto che investire sul colombiano. Chi lo vorrà? Più facile veder partire Ranocchia: il Borussia Dortmund s'è fatto vivo, Klopp lo ha ammesso candidamente a Zurigo. Ma in una difesa già traballante, meglio non togliere un altro tassello pena l'effetto "Jenga". Rischia così di finire sull'altare come Isacco il baby Kovacic che piace a mezza Europa, United in testa, alla ricerca di centrocampisti per aprire in fretta il ciclo Moyes (prima che i tifosi dei Red Devils ne chiedano la testa).

Chi gode, non per cattiveria, è la solita Signora. Berardi, acquistato per un tozzo di pane (la metà di Marrone) è già bianconero. Stesso discorso per i compagni Zaza e Chibsah. Per non parlare del "nuovo Buffon" Leali e di tutti gli altri ragazzi marchiati di bianconero in giro per la Serie A. La Juve del futuro è già qui, quella di oggi macina punti e record che è un piacere. Avevamo detto che le sfide per Marotta sarebbero state i rinnovi di Pirlo e Pogba. Quella del regista azzurro è sempre più vicina, quella del francesino pure. La tassa da pagare a Raiola non sarà leggera (Abate e forse un altro colpo), ma permetterà alla Signora di tenterà l'impresa europea nella prossima stagione. Poi il francesino dovrà partire per i lidi dorati d'Europa.

Antonio Conte chiede uomini per mettere in piedi un 4-3-3 da Champions come quello che ha spaventato il Real Madrid: Cerci, Nani, Menez compongono la margherita degli affari economici che Marotta sfoglia con cura. Di Maria invece può arrivare solo con i sogni di una cessione importante, magari quella di Marchisio, osservato da Moyes in persona al Sant'Elia (ma sul Principino sono in vantaggio quelli del Principato).

In chiusura un appunto sui "comunicati ufficiali". Ieri son stati rispediti al mittente Allegri e Nicola con l'asfittica formula prestamapata del "Ringraziamo XXXX e i suoi collaboratori per il lavoro svolto. Auguriamo tutto il bene possibile, saluti e baci e sul ponte di Bassano ci ridarem la mano". Un sacco di fregnacce. Sarebbe bello leggere prima o poi comunicati veri, sinceri, persin maleducati: "Comunichiamo al signor XXXX che è meglio se svuota l'armadietto entro domani, altrimenti ci mandiamo nostro cugggino che quello l'armadietto glielo fracassa in testa. Al fetentissimo non auguriamo tutto il bene, ma un fastidioso herpes inguinale. In caso di rinuncia dell'ingaggio, allora torneremo ad augurare tutto il bene possibile". Ma son sogni irrealizzabili, meglio andar in Panfilo Castaldi. (twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.