VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Seedorf-Tassotti, prime incomprensioni. Galliani, 3 mesi al gong. La Juve non ha rivali, il capolavoro di Marotta. Branca, con i soldi che hai speso all'Inter Monti avrebbe salvato l'Italia

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
24.02.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41676 volte
Seedorf-Tassotti, prime incomprensioni. Galliani, 3 mesi al gong. La Juve non ha rivali, il capolavoro di Marotta. Branca, con i soldi che hai speso all'Inter Monti avrebbe salvato l'Italia

Prove di resurrezione al Milan. Le vittorie in extremis con Verona e Bologna, il buon primo tempo con l'Atletico Madrid e il facile successo di ieri a Genova fanno ben sperare il Milan che resta in corsa per l'Europa League. Si vede la cura Seedorf? Macchè. La squadra non ha cambiato passo a tal punto da pensare ad un cambio repentino della stagione ma ha conquistato delle vittorie che almeno consentono ai rossoneri di restare sulla scia europea. Lo avrebbe fatto anche Allegri, tra alti e bassi. A Milanello, però, c'è un problema. O, almeno, rischia di diventarlo. Seedorf e Tassotti non si amano. L'olandese sta, poco alla volta, togliendo potere all'ex terzino che con Ancelotti ed Allegri si è sempre occupato dall'aspetto tattico. Allegri, a Cagliari, aveva come vice l'ex portiere Marco Landucci; al Milan, Landucci c'era ma si limitava alla preparazione dei portieri. Tassotti ha sempre avuto il suo spazio ma con Seedorf sta venendo meno. Il Mister senza patentino ha voluto un preparatore tattico ad hoc per il suo progetto: Maurizio Seno, 50enne, arriva da Coverciano. Tassotti a fine stagione potrebbe dire addio, dopo tantissimi anni, al Milan. A queste condizioni non ci sta. Per anni ha rifiutato di fare il primo in altre piazze per restare a Milano, non solo per questioni lavorative ma anche per scelte familiari. Si è precluso una carriera che, sicuramente, gli avrebbe regalato gioie maggiori ma da quando Seedorf è sbarcato a Milanello con la cartellina del sapere qualcosa è cambiato. Nel frattempo, anche ai vertici, continuano i giochi di potere. Il gong per Adriano Galliani si avvicina. Come detto prima di Natale, in Primavera, dovrà decidere se restare alla guida del club, per l'aspetto tecnico, o abbandonare il Milan e provare nuove avventure. Lui ha il dna rossonero ma la presenza di Barbara Berlusconi si fa sempre più ingombrante e Galliani si è fatto un paio di calcoli: senza investire sarà sempre più complicato andare avanti e il cambio generazionale lo penalizza nel riassetto societario. Qualcuno ha anche voltato già le spalle a Galliani che, però, prepara un blitz in Lega Calcio. La sua esperienza potrebbe essere importate per il rilancio di un sistema che ormai non si tiene più in piedi da solo e viene sorretto unicamente da Infront Italy che, ogni anno, consente che lo spettacolo continui. Barbara Berlusconi procede con il suo disegno per il futuro. Paolo Maldini resta in stand by, per la carica di Direttore Generale resistono i nomi di Uva ed Albertini anche se l'ex centrocampista rossonero sembrerebbe sempre più allettato da una carriera nella politica del pallone, dove oggi è chiuso da Abete ma domani potrebbe prendere in mano le redini della Federazione. Albertini, con tutto il rispetto per Uva, sarebbe perfetto per il Milan. Sogliano, per la poltrona di Direttore Sportivo, resta in assoluta pole position.
La Juve, parlando di campionato, si aggiudica un altro derby anche se al Toro va concesso l'onore delle armi. Una buona partita disputata contro la Regina d'Italia e un rigore che poteva-doveva essere fischiato. La Juventus si avvia verso la conquista dello scudetto, punta all'Europa League e studia un grandissimo ritorno in Champions League. Conte ha confezionato un giocattolo perfetto, Marotta lo ha costruito seguendo le istruzioni del bilancio. Il Direttore Generale della Juventus, finora, non si è preso i giusti meriti. Una parte della stampa non lo ama e, volutamente, non evidenzia il lavoro svolto finora ma se questa Juventus viaggia a mille è grazie alle intuizioni in sede di calciomercato. Dai campioni, Tevez su tutti, ai parametri zero Pirlo-Pogba e Llorente. Le ultime sessioni di mercato di Marotta sono da portare da esempio a Coverciano. Lezioni private a chi da grande vuole fare il mestiere di Direttore Sportivo. Non guardate gli improvvisati, quasi tutti, che oggi propone il campionato italiano ma prendete appunti dalle mosse di Marotta. A proposito di esempi da seguire, non seguite mai quello di Marco Branca. Se volete diventare ricchi lavorando in una società di calcio, allora, seguite il piano di lavoro di Branca ma se volete fare gli interessi del vostro Presidente non guardate al modello Inter. Moratti è stato costretto a cedere per le follie di mercato. Soldi spesi male, calciatori che non rendono per l'ingaggio che hanno e fiumi di soldi finiti nelle tasche dei procuratori. Minusvalenze assicurate e poco profitto tratto da un settore giovanile che doveva essere il fiore all'occhiello del club. Se Branca non avesse buttato tutti questi soldi, forse, oggi Moratti sarebbe ancora alla guida dell'Inter. Forse non esisterebbe un Thohir e forse Mario Monti avrebbe salvato i conti del nostro Paese.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.