VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Segreti e retroscena sull'affare dell'anno. Il poco tatto della Juve e l'inesperienza del Napoli. Palermo, ci risiamo. E Ausilio ha perso il controllo dell'Inter...

Direttore Sportitalia e Tuttomercatoweb
25.07.2016 14:46 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 108696 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Sicuramente scrivere di Higuain quasi 48 ore dopo l'affare dell'anno diventa complicato. Forse è stato già scritto tutto e quello che non è stato scritto qualcuno non vuole leggerlo. Noi proviamo a dare la nostra chiave di lettura, confermando in toto quanto detto qualche sera fa su Sportitalia. La Juventus e il Napoli non hanno mai trattato la cessione dell'attaccante argentino. Il Napoli non ha intenzione di cedere il calciatore ai bianconeri e solo una follia della Juventus potrà portare a Torino Gonzalo. Ripetiamo anche le virgole. Non per forzare il concetto ma per analizzarlo. La premessa è che la Juventus un mercato così, probabilmente, non lo faceva dal post cessione di Zidane e un mercato del genere merita 10. In un mese prendere Pjanic, Dani Alves, Benatia, Pjaca e Higuain significa strappare al pagellone di mezzo mondo un 10 +. Detto che Marotta e Paratici hanno fatto un mercato ricordando i tempi d'oro del calcio italiano, va sottolineato che questi acquisti danno lustro a tutta la serie A e non solo alla Juve; quindi doppio grazie. I tifosi così sognano e si torna allo stadio con ammirazione: perché andare a vedere questi campioni ci riconcilia con il calcio. Ad effetto domino la Juve alzerà il valore anche di Milan, Inter, Napoli e Roma. Un mercato bomba, dunque. Il migliore degli ultimi dieci anni. La gente da noi, però, si aspetta sempre il pensiero seguito da un retropensiero. Starete pensando: si vabbè ora basta miele sgancia qualche bomba, altrimenti non giustifichi le 21 querele (19 vittorie in tribunale, 2 in attesa di giudizio con Sabatini e De Sanctis). La Juventus non ha avuto un comportamento esemplare in questo mercato e, dispiace dirlo, Marotta e Paratici si sono mossi con una convinzione eccessiva che sfiora la presunzione. Proprio perché in Italia sono i più forti e non competono con nessuno, avrebbero dovuto usare maggior tatto sia con la Roma per Pjanic ma soprattutto con il Napoli per Higuain. Poi i calciatori li prendi, comunque, ci mancherebbe, ma fare quello che ha fatto la Juventus è belissimo per un tifoso un po' meno per un addetto ai lavori. Anche se sono la Juventus non posso far effettuare le visite mediche di nascosto a Madrid ad un tesserato di un'altra squadra. Va bene che c'è la clausola che lo libera, ma se Higuain avesse avuto una lombosciatalgia e non avesse superato le visite, cosa avrebbe fatto la Juve? E il Napoli con Higuain? Non vogliamo fare i professori perché i professori veri sono Marotta e Paratici, persone che stimo e calcisticamente considero amiche, ma sapete che per noi la legge è uguale per tutti. La Juventus, anche per eventuale convenienza economica, avrebbe dovuto intavolare una trattativa con il Napoli, avrebbe dovuto manifestare la volontà di acquistare l'argentino e solo davanti al muro contro muro con il Napoli avrebbe dovuto appellarsi alla clausola. Starete pensando: ma cosa vuoi, glielo paga per intero! Certo. Non discutiamo questo, discutiamo la forma e non la sostanza che non sarebbe cambiata: ovvero Higuain a Torino. Tra colleghi, Paratici avrebbe dovuto avvisare Giuntoli e non Giuntoli venire a sapere dalla stampa che un suo calciatore si è già sottoposto alle visite mediche con la Juventus. Altro errore bianconero: dopo tutto il caos dichiara di voler trattare con il Napoli la cessione di Higuain. Per la serie: ti umilio anche! Perché se me lo vendi, i tuoi tifosi ti ammazzano e se non me lo vendi sappi che già l'ho acquistato. Ribadiamo il concetto una volta in più: Marotta e Paratici stanno rendendo grandissima la Juventus e si confermano i migliori dirigenti italiani e tra i migliori cinque al mondo. Paratici è un fenomeno tecnico, Marotta un fenomeno gestionale e amministrativo. Andrea Agnelli ha costruito negli anni una squadra perfetta e i risultati lo dimostrano; proprio perché è una squadra perfetta, avrebbero dovuto fare un passaggio che è sfuggito nella trattativa Higuain. Il Napoli, invece, è stato beffato per troppa inesperienza, premesso che ha fatto un affare economico clamoroso. Oggi, però, diventa difficile prendere il sostituto di Gonzalo perché tutti giocheranno al rialzo, consapevoli che De Laurentiis ha 95 milioni di euro in cassa. Il Napoli deve cambiare strategia e filosofia. E' vero che il Napoli, come dice il patron, era "nella merda" quando arrivò lui, ma è anche vero che De Laurentiis per il mondo era considerato quello dei cinepanettoni prima di fare il Presidente del Napoli. Vendere Higuain a 95 milioni è un capolavoro, ma farsi trovare impreparati alla cessione, dopo che se ne parla da due mesi, è un grave errore di strategia. Se sabato perdi Higuain, lunedì devi avere il sostituto a Dimaro. A chiacchiere siamo bravi tutti, ma è da questi particolari che si giudica un dirigente (ricordando De Gregori). A Torino sono fenomeni. Incasseranno 120 milioni dalla cessione di Pogba, ma i tifosi non avranno nulla da recriminare, perché prima è stato acquistato loro il mondo ed è stata data loro la pillola Higuain, che li farà godere per mesi, più che altro perché vedono i napoletani con il fumo al cervello. Si chiama strategia imprenditoriale. Poi poco importa che vendi Pogba, non hai Marchisio e a centrocampo sei con le pezze...
A Palermo siamo punto e a capo. Zamparini, lo scorso anno, è stato miracolato da Santa Rosalia e ha conservato la serie A, ma ogni anno commette gli stessi errori. Aveva preso un grande dirigente come Rino Foschi e se l'è fatto scappare prima dell'inizio della stagione. Non ha fatto mezzo acquisto e ha 12 collaboratori per fare il mercato. Pardon, per non fare il mercato. Ora ingaggia Daniele Faggiano che più che portare altra confusione non potrà fare. Di Faggiano abbiamo parlato sempre bene e confermiamo le qualità che lo hanno portato a fare miracoli a Trapani ma sinceramente la gestione della sua estate non l'abbiamo proprio capita. Ha detto no al Bari dove avrebbe comandato e guidato una grande piazza, per amore del Trapani. Dopo un mese l'amore per il Trapani passa in secondo piano solo per la differenza di categoria tra Bari e Palermo? Per dirla tutta sarebbe stata più affascinante l'avventura pugliese che quella al Palermo, dove la gabbia di matti ora è completa. Zamparini ha perso il controllo e Faggiano la bussola. Ha accettato Palermo anche per ragioni di vicinanza a Trapani, dove per questioni personali, imprenditoriali e sentimentali ha deciso di legarsi, ma dire sì al Palermo è da folli. Lì lo scorso anno il Direttore ha inciso come il portiere Tonino del mio stabile incide sul piano regolatore della città di Milano. Buon divertimento, Daniele.
Brutte notizie anche dall'Inter. Piero Ausilio rischia, se non lo è già stato, di restare tritato tra Thohir, Mancini e Suning: Fozza Inddà! Mancini fa i capricci, giocatori non ne arrivano e non puoi farti "ricattare" da una Signora che nel calcio c'è da 12 minuti. Ausilio è un ottimo intenditore di calcio ma, in queste situazioni, deve avere la spina dorsale del dirigente top player. Riuscirà a domare la leonessa Wanda? Chi vivrà vedrà...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.