VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
03.01.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 35500 volte
Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Il Milan incontrato da Inzaghi a Milanello attorno al 10 Luglio ultimo scorso era informe e indecifrabile, frastornato da se stesso e da quanto la stagione precedente fosse stata estranea alla sua natura. In tutto e per tutto. In ogni dettaglio e ad ogni livello. Ma Inzaghi stesso ha saputo essere inesorabile. Mattone dopo mattone. Prima lo Staff, fondamentale, poi le regole, bentornate. Quindi la partenza di Balotelli e l'ultimo tuffo su Bonaventura. Non ultima quella spina attaccata nei trofei di un giorno. Non sono titoli? Intanto torna ad abituarti a vincere, che le buone abitudini fanno giri strani. Eccoci poi alla pietra decisiva, la squadra. Pippo ci ha girato attorno come uno squalo a pelo dell'acqua. Tutti i tentativi, anche quelli infruttuosi, esaminati fino a notte fonda con attenzione e cattiveria. E dopo le 7 partite date a Torres, eccolo battezzato. Il Milan che dalla Sampdoria in poi fa 9 punti autorevoli in 6 partite durissime. Il Milan del signor Inzaghi non del signor Sì passacarte come qualche infantile suggestione social tentava di dire la scorsa estate. Il Milan della collegialità dentro e fuori dal campo, in società e nello spogliatoio. È questo Inzaghi che stra voleva Cerci in estate e che lo ha ottenuto adesso in premio alla credibilità che lui stesso si è costruito. Le prossime tappe potrebbero essere un esterno difensivo a Gennaio e un centrocampo da ridisegnare a Luglio. Ma intanto Gennaio, mese cruciale per Campionato e Coppa Italia. Senza Honda, Inzaghi aveva subito bisogno di Cerci e tutta la Società è stata compatta e felice, come da tanto tempo non accadeva, di assecondare il proprio allenatore con prontezza e convinzione. Un bravo allenatore ottiene fiducia con il lavoro e l'atteggiamento giusti. Soprattutto da una società esperta e attenta come quella rossonera. Fino ad oggi chi ha creduto in Inzaghi è stato ripagato e credere in Inzaghi è una buona cosa. È il futuro. Come aveva detto Silvio Berlusconi il 6 Giugno 2014 a Casa Milan.
Nel Gennaio 2013 il mal di pancia post Balotelli scatenò la reazione: Kovacic, Kuzmanovic e Schelotto. Due anni dopo, solo Kovacic, con tutto il rispetto per gli altri, sta dando i primi importanti frutti. Lo stesso mal di pancia post Cerci promette, in prestito e non più a cartellino come al tempo di Kovacic, altri tre nuovi arrivi. Vedremo se e vedremo come. Intanto, passata la buriana delle redazioni politicamente corrette che non vedevano l'ora di vedere il Milan scippato e che hanno dovuto a denti stretti, ma che stridore, scrivere o parlare di un'Inter beffata sul fronte maldiviano di Cerci, resta una domanda. Ma perché con una società che c'è, e lo ha dimostrato molto bene con Podolski, come quella nerazzurra, deve spendersi così tanto su certe operazioni l'allenatore, con il rischio, non muovendosi da dirigente, di creare tensioni importanti? Intanto si continua a parlare di mercato con prestiti secchi e prestiti con diritto. Attenzione, tra i prestiti estivi e i prestiti di adesso, tutti non si possono riscattare. Qualcuno si, tutti no.
Gabbiadini non è solo il sostituto di Insigne. È la garanzia che il Napoli torna a sedersi al tavolo del rafforzamento. Gabbiadini significa gol in più, proprio su quei calci piazzati che sarebbero serviti al Napoli nei primi mesi della stagione per trasformare alcuni brutti anatroccoli, i pareggi, nel cocchio di belle vittorie. Gabbiadini è anche un segnale a Rafa Benitez. Il Napoli c'è anche sul mercato e si rinforza per il futuro. A meno che, ma non crediamo, Rafa sia già in quella fase raccontata proprio ieri sul Mattino dal presidente De Laurentiis a proposito di Lavezzi, e cioè dell'addio deciso l'anno prima e consumato l'anno dopo. Se così fosse la splendida Supercoppa di Doha non sarebbe propulsiva ma semplicemente celebrativa.
Juve che succede? Dopo Bonolis che prima dell'arrivo dell'Inter allo Juventus Stadium, inziga i tifosi partenopei stipati a piazza del Plebiscito ricordando proprio la Supercoppa dei rigori nella notte di San Silvestro, bisognava forse dare un segnale forte subito. E il subito di adesso è il mercato. A proposito, se i rigori di Doha fossero andati bene, quella cosina lì Carlitos Tevez l'avrebbe detta? Altra domanda: era proprio inevitabile dirla con le Feste passate a rimirare la Supercoppa all'ombra del Vesuvio? Mah! Resta il fatto che la pur fortissima Juve non va fortissimo sul mercato. Napoli, Milan e Inter sono già scattate dai blocchi di partenza. Mentre Torino tesse e temporeggia. Non ci sono emergenze domani mattina, ma questa Juve così defilata alla voce arrivi all'aeroporto di questa fine e inizio d'anno il suo effetto lo fa. Sia in difesa che sulla tre quarti. E il fatto che i titoli dei giornali delle Feste siano più sulle uscite (quella futuribile di Tevez, quella sempre sul punto di Vidal e quella ormai scontata di Giovinco ) che sulle entrate, fa riflettere gli stessi tifosi bianconeri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan regina del mercato ma il prezzo lo fa la Juve… Chelsea-Insigne, mai nella vita! Inter, Perisic partirà. Ania, l’amica che tutti sognano… 14.06 - Ormai il caldo si è impossessato delle nostre giornate. Le temperature sono sempre più hot, così come il mercato. Si parla di milioni come se fossero noccioline… Sontuoso quanto sta facendo il Milan. Zittiti tutti coloro che dubitavano della solidità della nuova proprietà cinese....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e il mercato segreto: 2 colpi fatti, N’Zonzi a un passo e… una sorpresa. Milan: la scelta di Donnarumma e i prossimi colpi del “Diavolo che non esiste”. Inter: novità su Lucas e in difesa non c’è solo Rudiger! E il Napoli... 13.06 - Ciao. Se state leggendo qui vi interessa il mercato del calcio, al limite la mia salute mentale. Ma forse più il mercato. Oggi facciamo un ripasso sulle formule lessicali utilizzate da tutti noi che discutiamo di acquisti e cessioni. Se non vi imbattete almeno una volta al giorno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.