VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
03.01.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 35510 volte
Si scrive Inzaghi, si legge Cerci. Mancini: lo stesso scenario post-Balo al Milan porta proprio a Balo? Napoli: Gabbiadini motiva Benitez. Juve, mercato sotto effetto Supercoppa

Il Milan incontrato da Inzaghi a Milanello attorno al 10 Luglio ultimo scorso era informe e indecifrabile, frastornato da se stesso e da quanto la stagione precedente fosse stata estranea alla sua natura. In tutto e per tutto. In ogni dettaglio e ad ogni livello. Ma Inzaghi stesso ha saputo essere inesorabile. Mattone dopo mattone. Prima lo Staff, fondamentale, poi le regole, bentornate. Quindi la partenza di Balotelli e l'ultimo tuffo su Bonaventura. Non ultima quella spina attaccata nei trofei di un giorno. Non sono titoli? Intanto torna ad abituarti a vincere, che le buone abitudini fanno giri strani. Eccoci poi alla pietra decisiva, la squadra. Pippo ci ha girato attorno come uno squalo a pelo dell'acqua. Tutti i tentativi, anche quelli infruttuosi, esaminati fino a notte fonda con attenzione e cattiveria. E dopo le 7 partite date a Torres, eccolo battezzato. Il Milan che dalla Sampdoria in poi fa 9 punti autorevoli in 6 partite durissime. Il Milan del signor Inzaghi non del signor Sì passacarte come qualche infantile suggestione social tentava di dire la scorsa estate. Il Milan della collegialità dentro e fuori dal campo, in società e nello spogliatoio. È questo Inzaghi che stra voleva Cerci in estate e che lo ha ottenuto adesso in premio alla credibilità che lui stesso si è costruito. Le prossime tappe potrebbero essere un esterno difensivo a Gennaio e un centrocampo da ridisegnare a Luglio. Ma intanto Gennaio, mese cruciale per Campionato e Coppa Italia. Senza Honda, Inzaghi aveva subito bisogno di Cerci e tutta la Società è stata compatta e felice, come da tanto tempo non accadeva, di assecondare il proprio allenatore con prontezza e convinzione. Un bravo allenatore ottiene fiducia con il lavoro e l'atteggiamento giusti. Soprattutto da una società esperta e attenta come quella rossonera. Fino ad oggi chi ha creduto in Inzaghi è stato ripagato e credere in Inzaghi è una buona cosa. È il futuro. Come aveva detto Silvio Berlusconi il 6 Giugno 2014 a Casa Milan.
Nel Gennaio 2013 il mal di pancia post Balotelli scatenò la reazione: Kovacic, Kuzmanovic e Schelotto. Due anni dopo, solo Kovacic, con tutto il rispetto per gli altri, sta dando i primi importanti frutti. Lo stesso mal di pancia post Cerci promette, in prestito e non più a cartellino come al tempo di Kovacic, altri tre nuovi arrivi. Vedremo se e vedremo come. Intanto, passata la buriana delle redazioni politicamente corrette che non vedevano l'ora di vedere il Milan scippato e che hanno dovuto a denti stretti, ma che stridore, scrivere o parlare di un'Inter beffata sul fronte maldiviano di Cerci, resta una domanda. Ma perché con una società che c'è, e lo ha dimostrato molto bene con Podolski, come quella nerazzurra, deve spendersi così tanto su certe operazioni l'allenatore, con il rischio, non muovendosi da dirigente, di creare tensioni importanti? Intanto si continua a parlare di mercato con prestiti secchi e prestiti con diritto. Attenzione, tra i prestiti estivi e i prestiti di adesso, tutti non si possono riscattare. Qualcuno si, tutti no.
Gabbiadini non è solo il sostituto di Insigne. È la garanzia che il Napoli torna a sedersi al tavolo del rafforzamento. Gabbiadini significa gol in più, proprio su quei calci piazzati che sarebbero serviti al Napoli nei primi mesi della stagione per trasformare alcuni brutti anatroccoli, i pareggi, nel cocchio di belle vittorie. Gabbiadini è anche un segnale a Rafa Benitez. Il Napoli c'è anche sul mercato e si rinforza per il futuro. A meno che, ma non crediamo, Rafa sia già in quella fase raccontata proprio ieri sul Mattino dal presidente De Laurentiis a proposito di Lavezzi, e cioè dell'addio deciso l'anno prima e consumato l'anno dopo. Se così fosse la splendida Supercoppa di Doha non sarebbe propulsiva ma semplicemente celebrativa.
Juve che succede? Dopo Bonolis che prima dell'arrivo dell'Inter allo Juventus Stadium, inziga i tifosi partenopei stipati a piazza del Plebiscito ricordando proprio la Supercoppa dei rigori nella notte di San Silvestro, bisognava forse dare un segnale forte subito. E il subito di adesso è il mercato. A proposito, se i rigori di Doha fossero andati bene, quella cosina lì Carlitos Tevez l'avrebbe detta? Altra domanda: era proprio inevitabile dirla con le Feste passate a rimirare la Supercoppa all'ombra del Vesuvio? Mah! Resta il fatto che la pur fortissima Juve non va fortissimo sul mercato. Napoli, Milan e Inter sono già scattate dai blocchi di partenza. Mentre Torino tesse e temporeggia. Non ci sono emergenze domani mattina, ma questa Juve così defilata alla voce arrivi all'aeroporto di questa fine e inizio d'anno il suo effetto lo fa. Sia in difesa che sulla tre quarti. E il fatto che i titoli dei giornali delle Feste siano più sulle uscite (quella futuribile di Tevez, quella sempre sul punto di Vidal e quella ormai scontata di Giovinco ) che sulle entrate, fa riflettere gli stessi tifosi bianconeri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.