VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Siamo sicuri che la Juve abbia mollato Zaza e Immobile? Siamo sicuri che sia un errore? Ecco come è andata...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
11.09.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 57747 volte
© foto di Federico De Luca

Tutti si chiedono ora perché la Juve non si è tenuta Zaza e Immobile.
Perché ha preferito Morata. Tutti a chiedersi come mai si parla tanto di giovani e i giovani che abbiamo non hanno chanches. E allora io lancio una provocazione: e se la Juve avesse fatto bene? Almeno su Zaza?
La storia di Immobile è una storia diversa. Era in comproprietà, lo stava trattando da tempo una delle squadre più importanti del mondo dove sapeva che avrebbe recitato un ruolo da protagonista. Quello che forse la Juventus non poteva promettergli. Errore o no è stata una valutazione da fare con il Torino. E soprattutto visto che Immobile era un prodotto del settore giovanile i soldi dei tedeschi sono tutti plusvalenza: e di questi tempi vuol dire tanto.
La valutazione su Zaza è simile, ma allo stesso tempo opposta. Intanto nei 4 giorni in cui la Juventus si è vista con il Sassuolo le due società hanno cercato di trovare un accordo soddisfacente per tutti. E così la Juve quest'anno ha preso 7,5 milioni di euro per l'altra metà del cartellino di Simone. Perdendolo è vero. Federalmente è tutto del Sassuolo. Ma la Juventus le mani sul ragazzo ce le ha eccome. Tant'è vero che se vuole basta che metta 14 milioni sul tavolo alla fine dell'anno o 18 alla fine del prossimo campionato. Ora pensate a queste cifre: il nuovo centravanti della nazionale italiana a 14 milioni di euro lo comprereste? E di fatto la Juve ricomprandolo spenderebbe per l'intero cartellino di Zaza 7 milioni e mezzo. Già perché la storia di Zaza e la Juve è molto complicata. Ancora più lunga quella fra Zaza e Paratici.
Perché è proprio Paratici che lo porta alla Primavera della Samp a parametro zero (dall'Atalanta). Peccato che nel frattempo Paratici diventa direttore sportivo della Juventus. Ma non perde di vista Zaza e così lo prende a un anno dalla scadenza del contratto a 3 milioni e mezzo di euro. Nel frattempo lo cede al Sassuolo la prima metà per 2 milioni e mezzo, la seconda metà per 7 e mezzo. Fanno 10 in totale sborsati dal Sassuolo. Ora la Juve lo può ricomprare per 14 (che sommati ai 3,5 iniziali fa 17,5 meno i 10 del Sassuolo fa 7,5 di cui sopra). Insomma è una comproprietà mascherata perché la Juventus le mani su Zaza vuole tenerle eccome.
E siccome non poteva comprarlo adesso (né lui né Berardi altro grande talento in casa neroverde) per una questione economica ha fatto in modo che sin da ora con il Sassuolo fosse tutto già fissato, nei minimi termini. Anche con Berardi la Juventus ha cercato di tirar fuori meno soldi possibili: è riuscita ad arrivare ad avere il ragazzo in comproprietà senza tirar fuori un euro (venne fatto uno scambio alla pari con la metà del cartellino di Marrone). Ora con 29 milioni i due giocatori la prossima estate saranno interamente juventini. Senza dover discutere di nuovo: se la Juve vuole li porta a casa. L'unica cosa di cui dovranno discutere eventualmente sarà il valore di qualche contropartita. Ma se loro due continueranno così non ci saranno dubbi. E al prezzo di un top player ne arriveranno due.
Ecco perché la mia provocazione. La Juventus i ragazzi non li ha mollati. Ha semplicemente capito che forse per loro era meglio crescere da titolari a Sassuolo piuttosto che fare esperienza (ma in panchina) alla Juve. Sarebbe arrivata comunque la Nazionale e la gloria. Almeno a livello economico questa è stata la valutazione. Conte non ci ha spiegato (non pubblicamente) se tecnicamente era d'accordo o meno con i suoi ex dirigenti.
La domanda da farci invece è un'altra: con Tevez e Llorente è difficile giocare titolari. Ora vedremo cosa saprà fare Morata (che già ha una bella responsabilità sulle sue spalle, ma ci assicurano che sa gestirla e che stupirà). Ma in quante squadre c'è la possibilità di crescere come a Sassuolo? In cui ci sono tanti italiani e tanti giovani. Che trovano spazio e sono protagonisti. Forse per rilanciare il calcio italiano non bisogna andare troppo lontano. Ma questo è un discorso molto più lungo: vi assicuro che lo riprenderemo in seguito...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Oltre 900 milioni investiti tra la scorsa estate e gennaio per rinforzarsi: è tempo di bilanci per i 20 club di A. Paradosso Atalanta, capolavoro Samp. Inter, smarcati da Kia. Napoli esempio da seguire 30.04 - Fine aprile, pochi verdetti ancora in bilico e, adesso si, la certezza che non sarà questo finale di stagione a sovvertire i giudizi. Come è andata la stagione dei calciatori che la scorsa estate, o lo scorso gennaio, sono stati acquistati dai venti club di Serie A? Gli investimenti...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.