VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Sicuri che è tutto fermo. Sei considerazioni, sei punti per riflettere (con indiscrezioni)...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
08.10.2015 07:03 di Luca Marchetti   articolo letto 57021 volte
© foto di Federico De Luca

Chi l'ha detto che ora è tutto fermo? È vero. La pausa ha un effetto narcotico, frose anche ipnotico. Ti fa credere che nessuno stia facendo nulla, mentre in realtà qualcosa si muove. Certo, non possiamo dire di essere al 30 di agosto. Ma fossi in voi non mi lamenterei. Prima considerazione: la Fiorentina, prima in classifica, è la più grande sorpresa europea, almeno tra i BigFive, ovvero i migliori campionati europei. In Francia, Inghilterra e Germania in testa ci sono i più ricchi. In Spagna e in Italia no. Voi direte: meglio la Fiorentina che il Villarreal (che è sopra a Real e Barca)? Sì, almeno secondo i conti. Conti che sono serviti a capire quanti soldi ha speso la famiglia Della Valle rispetto alle altre "famiglie" italiane: in Italia, in ordine di spesa, sono settimi. Il Villarreal è sesto. E comunque hanno speso la stessa cifra, più o meno (65 milioni di euro contro, per esempio i 301 della Juve e i 587 del Real Madrid). Ecco perché miglior sorpresa. In Italia ci sono sei squadre che hanno speso più della Fiorentina per costruire la propria squadra (Juve, Inter, Napoli, Roma, Milan, Lazio). E questo significa soltanto una cosa. Che in Toscana hanno speso bene. Per spere se hanno speso meglio bisognerà aspettare la fine dell'anno sportivo, e non sarà cominque una passeggiata. Ma già possiamo dire che la Fiorentina ha speso bene. E questo è sicuramente una bella medaglia da mettere al petto dei dirigneti viola. La capacità di scegliere è fondamentale.
Seconda considerazione: dicevamo che il mercato non è fermo. E allora proprio la Fiorentina sa che deve prendere un difensore. Il primato porta al mercato. In difes ai due nomi più seguiti sono quelli di cui parlavamo anche ad agosto: Lisandro Lopez del Benfica (per cui i portoghesi avevano già detto no) e Mexes, in rotta con Mihajlovic ma ancora fra i preferiti di Berlusconi (ed è per questo che salto nelle ultime notti di mercato). A centrocampo piace sempre Wallace...
A proposito di Mexes e di Milan. Terza considerazione. È chiaro che non è lui il responsabile così come è evidente che non tutte le colpe possiamo darle a Mihajlovic. È il quarto allenatore che viene messo in discussione a Milanello. Dopo Allegri, Seedorf e Inzaghi, tocca a Sinisa. I risultati non arrivano, l'idea di calcio che aveva in mente il serbo non si vede e soprattutto a differenza degli altri anni il Milan sul mercato è intervenuto massicciamente. Ora al di la delle parole di Honda (che vorrebbe un Milan spendaccione come Psg o ManCity, ma a quel punto non ci sarebbe lui) più di questo il Milan non può mettere a disposizione alla squadra mercato. Giocatori pagati troppo? Troppi attaccanti e pochi difensori? Tutto ormai è nel mirino della critica. In realtà bisogna anche avere un pizzico di pazienza. Ma non chiedetela ai tifosi: ne hanno avuta tanta in questi anni. I processi di rifondazione sono dolorosi, ma mai come quest'anno sembrava il momento giusto. E invece...
E qui scatta la quarta considerazione: sliding doors. E se Sarri fosse fosse andato al Milan e Miha al Napoli? La classifica sarebbe stata la stessa? Sarri ora è celebrato come un profeta, all'inizio lo scetticismo incombeva su di lui e il Napoli in maniera preoccupante. A Milanello avrebbe potuto lo stesso? Sarri ha voluto Valdifiori, salvo poi scoprire che Jorginho gli funziona meglio. Sarri ha iniziato con il suo amato trequartista per poi virare suo 433 vincente. Insomma l'allenatore conta è veo. Ma se a posto di Allan avesse avuto Bertolacci? Romagnoli lo voleva anche il Napoli, ma ha rispolverato Koulibaly. Higuain vale Bacca? Ognuno lavora con quello che ha, ma il contesto può fare la differenza. Eccome.
Quinta considerazione. E allora di chi è la colpa al Milan? Di tanti, di tutti. Silvio Berlusconi non ascolta sempre Barbara che non ascolta sempre Galliani che a sua volta non ascolta sempre Barbara ma è "costretto" ad ascoltare Berlusconi che a sua volta si fida di Galliani ma che si lascia andare a commenti "privati" sempre piuttosto salaci. Mihajlovic ha come referente principale Galliani, ma Berlusconi è sempre il presidente e Barbara sempre l'amministratore delegato (nonché la figlia del presidente). In più metteteci che l'idea di calcio che ha Sinisa ancora non è stata digerita dal Milan e allora potremmo anche chiederci se non vale la pena fare delle modifiche rispetto alle caratteistiche che ora Mihajlovic ha scoperto di avere a disposizione. Per esaltare i pregi e nascondere i difetti. Inzaghi aveva optato per un classico difesa e contropiede, ma al Milan per filosofia non si può.
E allora sesta considerazione. Per cambiare filosofia bisogna cambiare gli uomini come è successo all'Inter. Io non so se i nerazzurri riusciranno a rimanere agganciati al treno scudetto fino alla fine. Non lo sa nessuno (di sicuro è un campionato divertente). Ma per seguire l'idea di calcio di Mancini l'Inter ha cambiato praticamente tutto. E ancora cambierà, magari. Mancini ha avuto la forza di convincere i suoi dirigenti a una rivoluzione totale nella rosa. Unico modo per aprire le finestre e fare le pulizie. Ma non è sempre semplice, né tantomento economico.
Sei considerazioni di mercato. Qualche notizia. E accontentatevi. È pur sempre la pausa della nazionale!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.