VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Sicuri che è tutto fermo. Sei considerazioni, sei punti per riflettere (con indiscrezioni)...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
08.10.2015 07.03 di Luca Marchetti   articolo letto 57002 volte
© foto di Federico De Luca

Chi l'ha detto che ora è tutto fermo? È vero. La pausa ha un effetto narcotico, frose anche ipnotico. Ti fa credere che nessuno stia facendo nulla, mentre in realtà qualcosa si muove. Certo, non possiamo dire di essere al 30 di agosto. Ma fossi in voi non mi lamenterei. Prima considerazione: la Fiorentina, prima in classifica, è la più grande sorpresa europea, almeno tra i BigFive, ovvero i migliori campionati europei. In Francia, Inghilterra e Germania in testa ci sono i più ricchi. In Spagna e in Italia no. Voi direte: meglio la Fiorentina che il Villarreal (che è sopra a Real e Barca)? Sì, almeno secondo i conti. Conti che sono serviti a capire quanti soldi ha speso la famiglia Della Valle rispetto alle altre "famiglie" italiane: in Italia, in ordine di spesa, sono settimi. Il Villarreal è sesto. E comunque hanno speso la stessa cifra, più o meno (65 milioni di euro contro, per esempio i 301 della Juve e i 587 del Real Madrid). Ecco perché miglior sorpresa. In Italia ci sono sei squadre che hanno speso più della Fiorentina per costruire la propria squadra (Juve, Inter, Napoli, Roma, Milan, Lazio). E questo significa soltanto una cosa. Che in Toscana hanno speso bene. Per spere se hanno speso meglio bisognerà aspettare la fine dell'anno sportivo, e non sarà cominque una passeggiata. Ma già possiamo dire che la Fiorentina ha speso bene. E questo è sicuramente una bella medaglia da mettere al petto dei dirigneti viola. La capacità di scegliere è fondamentale.
Seconda considerazione: dicevamo che il mercato non è fermo. E allora proprio la Fiorentina sa che deve prendere un difensore. Il primato porta al mercato. In difes ai due nomi più seguiti sono quelli di cui parlavamo anche ad agosto: Lisandro Lopez del Benfica (per cui i portoghesi avevano già detto no) e Mexes, in rotta con Mihajlovic ma ancora fra i preferiti di Berlusconi (ed è per questo che salto nelle ultime notti di mercato). A centrocampo piace sempre Wallace...
A proposito di Mexes e di Milan. Terza considerazione. È chiaro che non è lui il responsabile così come è evidente che non tutte le colpe possiamo darle a Mihajlovic. È il quarto allenatore che viene messo in discussione a Milanello. Dopo Allegri, Seedorf e Inzaghi, tocca a Sinisa. I risultati non arrivano, l'idea di calcio che aveva in mente il serbo non si vede e soprattutto a differenza degli altri anni il Milan sul mercato è intervenuto massicciamente. Ora al di la delle parole di Honda (che vorrebbe un Milan spendaccione come Psg o ManCity, ma a quel punto non ci sarebbe lui) più di questo il Milan non può mettere a disposizione alla squadra mercato. Giocatori pagati troppo? Troppi attaccanti e pochi difensori? Tutto ormai è nel mirino della critica. In realtà bisogna anche avere un pizzico di pazienza. Ma non chiedetela ai tifosi: ne hanno avuta tanta in questi anni. I processi di rifondazione sono dolorosi, ma mai come quest'anno sembrava il momento giusto. E invece...
E qui scatta la quarta considerazione: sliding doors. E se Sarri fosse fosse andato al Milan e Miha al Napoli? La classifica sarebbe stata la stessa? Sarri ora è celebrato come un profeta, all'inizio lo scetticismo incombeva su di lui e il Napoli in maniera preoccupante. A Milanello avrebbe potuto lo stesso? Sarri ha voluto Valdifiori, salvo poi scoprire che Jorginho gli funziona meglio. Sarri ha iniziato con il suo amato trequartista per poi virare suo 433 vincente. Insomma l'allenatore conta è veo. Ma se a posto di Allan avesse avuto Bertolacci? Romagnoli lo voleva anche il Napoli, ma ha rispolverato Koulibaly. Higuain vale Bacca? Ognuno lavora con quello che ha, ma il contesto può fare la differenza. Eccome.
Quinta considerazione. E allora di chi è la colpa al Milan? Di tanti, di tutti. Silvio Berlusconi non ascolta sempre Barbara che non ascolta sempre Galliani che a sua volta non ascolta sempre Barbara ma è "costretto" ad ascoltare Berlusconi che a sua volta si fida di Galliani ma che si lascia andare a commenti "privati" sempre piuttosto salaci. Mihajlovic ha come referente principale Galliani, ma Berlusconi è sempre il presidente e Barbara sempre l'amministratore delegato (nonché la figlia del presidente). In più metteteci che l'idea di calcio che ha Sinisa ancora non è stata digerita dal Milan e allora potremmo anche chiederci se non vale la pena fare delle modifiche rispetto alle caratteistiche che ora Mihajlovic ha scoperto di avere a disposizione. Per esaltare i pregi e nascondere i difetti. Inzaghi aveva optato per un classico difesa e contropiede, ma al Milan per filosofia non si può.
E allora sesta considerazione. Per cambiare filosofia bisogna cambiare gli uomini come è successo all'Inter. Io non so se i nerazzurri riusciranno a rimanere agganciati al treno scudetto fino alla fine. Non lo sa nessuno (di sicuro è un campionato divertente). Ma per seguire l'idea di calcio di Mancini l'Inter ha cambiato praticamente tutto. E ancora cambierà, magari. Mancini ha avuto la forza di convincere i suoi dirigenti a una rivoluzione totale nella rosa. Unico modo per aprire le finestre e fare le pulizie. Ma non è sempre semplice, né tantomento economico.
Sei considerazioni di mercato. Qualche notizia. E accontentatevi. È pur sempre la pausa della nazionale!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.