VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Sinisa, che coraggio: bravo! Verona, attento: Bigon ti affossa. Agnelli ha ragione ma la Juve c'è. Cairo e una grande idea mentre la Federazione parla di vivai ma non li tutela

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
26.10.2015 07:39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 69979 volte
© foto di Federico De Luca

Sinceramente io mi sento di fare i complimenti a Mihajlovic. Un allenatore che sulla graticola si sente di affidare la porta ad un bambino del 1999 ha due attributi grandi quanto il buco finanziario del Milan di questi ultimi anni. Adesso gli potremmo dire che sul gol del Sassuolo il bambino ha qualche responsabilità e che se fosse finita male Sinisa sarebbe andato dritto a casa per aver azzardato così tanto. Invece vi giuro: anche se il Milan avesse preso 4 gol su 4 papere di Donnarumma oggi avrei scritto bene di Sinisa. Se mi stai leggendo Mister sono felice, altrimenti scrivo per conto mio. Ieri Mihajlovic ha dato un segnale, non al Milan ma all'Italia. Ha spedito fuori dal campo un ex portiere del Real Madrid e ha puntato su un bimbo che la serie A non l'aveva mai vista. Sarà l'allenatore che avrà fatto esordire in serie A Donnarumma. La partita era delicatissima ma ci ha creduto e il gol in extremis questa volta ha fatto esultare anche me. Questa mossa andava premiata. Tutto il sistema dovrebbe prendere esempio dal tecnico del Milan, almeno sotto questo punto di vista. In Italia crediamo che anche i 94 siano ancora giovani, che sotto una certa età non si possa giocare perché si è inaffidabile. Una serie di sciocchezze che ammazzano tutto il sistema e ammazzano proprio i nostri ragazzi. Non voglio andare nel caso specifico ma ne vorrei fare un concetto generale. Basta con queste attese. Se il ragazzino vale deve andare in campo. Sbaglia una volta, avanti con la seconda occasione. Sbaglia la seconda volta, dagli la terza occasione. Se è una pippa te ne accorgi in allenamento ma se credi nel giovane gli devi dare solo il minutaggio. Così si fa esperienza e non con le partitelle del giovedì. In Italia abbiamo la media più bassa d'Europa di utilizzo di 96 e 97. I 97 fanno la Primavera (tra poco ne parliamo) insieme ai 98. Dobbiamo puntare di più sui giovani e gli allenatori devono capire che sono delle risorse e non dei problemi. Sarà questo l'unico modo, per una società, di fare business oltre gli introiti dei diritti tv. Guardate il Torino. Il modello è proprio Cairo. Bilanci sani e società non fittizie. Pagamenti puntuali, vende Darmian allo United e una somma importante la reinveste subito su due giovani: Baselli e Zappacosta. Milan e Inter dormono sogni d'oro. I nerazzurri, ad esempio, hanno Federico Di Marco (1997) e Paulino De La Fuente (1997) che sono già pronti per il grande salto. Va bene aspettare ma attenzione a non fargli fare la fine dello yogurt.
A Verona Giulietta e Romeo sono in ansia. Ieri hanno litigato di brutto. Lei voleva andare a fare la spesa prima della gara di Genova, lui voleva vedere la partita. Sembrerebbe che Giulietta abbia detto: "Ma che la guardi a fare, tanto prendiamo 4 pere". Allora Romeo si è arrabbiato e ha detto: "Vai tu al supermercato che le pere dall'uomo ragno noi non le prendiamo". Come sempre le donne hanno ragione, anche nel calcio. Giulietta aveva capito che quest'anno si sarebbe sofferto. Romeo non si è fidato e ha fatto lo stesso l'abbonamento al Bentegodi. Riccardo Bigon, dopo aver mandato in esaurimento nervoso Pulcinella, si è messo sotto il balcone ad implorare Giulietta per farle cambiare idea sul suo conto. Non c'è nulla da fare. Riccardino, figlio di Albertino, da ex Team Manager della Reggina a Ds del Napoli non ne indovina una. Ha messo, per i prossimi 5 anni, Pazzini a bilancio del club come fosse Ronaldo per il Real Madrid. Di fatto rilanciando su se stesso. La squadra che ha costruito è nettamente inferiore a quella di Sogliano degli ultimi anni e non si era reso conto che gestire Mandorlini è molto più difficile della gestione dell'amico Mazzarri o del "lavativo" Rafa. Il Verona, quest'anno, rischia grosso e una piazza così non può permettersi il lusso di rischiare di tornare nell'inferno della B, quindi, una svegliata serve immediatamente. Certo, Carpi e Frosinone non hanno i mezzi del Verona ma mai sottovalutare il rischio retrocessione per chi non è abituato a campionati di bassa classifica. Il Bologna ha giocato malissimo anche a Modena ma contava solo la vittoria e da una vittoria può cambiare tutto. Vedremo.
Passando alla Juventus, in settimana il Presidente Agnelli ha tuonato. Qualche lampo c'era già stato. Non ce l'aveva con Allegri ma ha lanciato un messaggio forte ai naviganti. La squadra è partita malissimo, ora riesce a dare segnali di ripresa ma la cosa più importante è che in tanta mediocrità la Juve, alla lunga, non può non emergere. Agnelli ha fatto benissimo ad usare quei toni e quei modi. La Juve può non vincere 122 scudetti di fila ma non può stare neanche così lontana dal primo posto. A gennaio è inutile intervenire, servirà avere le idee chiare in estate. Paratici non ha bisogno di consigli. Se Allegri non perde le staffe e mantiene l'umiltà del primo anno state sicuri che la squadra tornerà in piena corsa per lo scudetto.
Parlavamo di settore giovanile prima. Complimenti ad Urbano Cairo, l'unico Presidente ad aver capito come funziona il gioco della Primavera. In occasione della Champions dei giovani ha aperto le porte dell'Olimpico di Torino e la risposta è stata eccezionale con quasi 10 mila tifosi a tifare Toro. SVEGLIA! I club devono lottare per far giocare i propri giovani in stadi veri e non su campetti di periferia dove c'è l'erba alta e dietro passano le auto sull'autostrada. Ne va della valorizzazione del proprio ragazzo. Un giovane calciatore deve avere due obiettivi: il primo è giocare in uno stadio vero e il secondo è quello di giocare in uno stadio vero con tanta gente sugli spalti. I ragazzi devono respirare l'aria del calcio e non dell'improvvisazione, solo così cresceranno in fretta. Cairo ha un grande settore giovanile e non a caso è Campione d'Italia. La sua Primavera è guidata da un allenatore con il futuro assicurato, Moreno Longo, e ha trovato un grandissimo Direttore per il settore giovanile come Massimo Bava. La Juve lo ha corteggiato a lungo ma il suo cuore Toro aveva il colore granata.
Un altro appunto alla Federazione. Se Tavecchio vuole restare davvero nella storia, deve prendere decisioni vere e non di facciata. Ci sono mille problemi nel nostro calcio ma ci sono anche centomila contraddizioni. Pensiamo a come arginare il male, ovvero i procuratori, e poi invece apriamo il settore anche a sconosciuti. La contraddizione più grande è il vivaio. Ci riempiamo la bocca di belle frasi ma la realtà è diversa. La Figc invita le società ad investire sui settori giovanili. Bene. Sappiate che in Italia il primo contratto vero che lega un ragazzino al club lo puoi firmare a 16 anni. Fino a quella età in Italia il calciatore è blindato ma all'estero può andare. Una follia. Ovviamente se il ragazzino, alle spalle, ha una famiglia intelligente non consente al figlio di bruciarsi all'estero (ricordate il caso Macheda), ma al contrario per la società sarà una beffa aver fatto crescere e mangiare un ragazzo che poi può liberarsi a zero per andare in un club che non sia in Italia. Tavecchio dovrebbe abbassare l'età almeno da 16 a 14 anni e dare maggiori garanzie alle società. Superiamo i cavilli legislativi, come vale tutt'ora per la costruzione degli stadi, e non aspettiamo che i più furbi ci soffino idee, prodotti e uomini. Qualcosa cambierà. Prima o poi cambierà. Io ci credo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.