VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Sinisa, che coraggio: bravo! Verona, attento: Bigon ti affossa. Agnelli ha ragione ma la Juve c'è. Cairo e una grande idea mentre la Federazione parla di vivai ma non li tutela

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
26.10.2015 07.39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 69955 volte
© foto di Federico De Luca

Sinceramente io mi sento di fare i complimenti a Mihajlovic. Un allenatore che sulla graticola si sente di affidare la porta ad un bambino del 1999 ha due attributi grandi quanto il buco finanziario del Milan di questi ultimi anni. Adesso gli potremmo dire che sul gol del Sassuolo il bambino ha qualche responsabilità e che se fosse finita male Sinisa sarebbe andato dritto a casa per aver azzardato così tanto. Invece vi giuro: anche se il Milan avesse preso 4 gol su 4 papere di Donnarumma oggi avrei scritto bene di Sinisa. Se mi stai leggendo Mister sono felice, altrimenti scrivo per conto mio. Ieri Mihajlovic ha dato un segnale, non al Milan ma all'Italia. Ha spedito fuori dal campo un ex portiere del Real Madrid e ha puntato su un bimbo che la serie A non l'aveva mai vista. Sarà l'allenatore che avrà fatto esordire in serie A Donnarumma. La partita era delicatissima ma ci ha creduto e il gol in extremis questa volta ha fatto esultare anche me. Questa mossa andava premiata. Tutto il sistema dovrebbe prendere esempio dal tecnico del Milan, almeno sotto questo punto di vista. In Italia crediamo che anche i 94 siano ancora giovani, che sotto una certa età non si possa giocare perché si è inaffidabile. Una serie di sciocchezze che ammazzano tutto il sistema e ammazzano proprio i nostri ragazzi. Non voglio andare nel caso specifico ma ne vorrei fare un concetto generale. Basta con queste attese. Se il ragazzino vale deve andare in campo. Sbaglia una volta, avanti con la seconda occasione. Sbaglia la seconda volta, dagli la terza occasione. Se è una pippa te ne accorgi in allenamento ma se credi nel giovane gli devi dare solo il minutaggio. Così si fa esperienza e non con le partitelle del giovedì. In Italia abbiamo la media più bassa d'Europa di utilizzo di 96 e 97. I 97 fanno la Primavera (tra poco ne parliamo) insieme ai 98. Dobbiamo puntare di più sui giovani e gli allenatori devono capire che sono delle risorse e non dei problemi. Sarà questo l'unico modo, per una società, di fare business oltre gli introiti dei diritti tv. Guardate il Torino. Il modello è proprio Cairo. Bilanci sani e società non fittizie. Pagamenti puntuali, vende Darmian allo United e una somma importante la reinveste subito su due giovani: Baselli e Zappacosta. Milan e Inter dormono sogni d'oro. I nerazzurri, ad esempio, hanno Federico Di Marco (1997) e Paulino De La Fuente (1997) che sono già pronti per il grande salto. Va bene aspettare ma attenzione a non fargli fare la fine dello yogurt.
A Verona Giulietta e Romeo sono in ansia. Ieri hanno litigato di brutto. Lei voleva andare a fare la spesa prima della gara di Genova, lui voleva vedere la partita. Sembrerebbe che Giulietta abbia detto: "Ma che la guardi a fare, tanto prendiamo 4 pere". Allora Romeo si è arrabbiato e ha detto: "Vai tu al supermercato che le pere dall'uomo ragno noi non le prendiamo". Come sempre le donne hanno ragione, anche nel calcio. Giulietta aveva capito che quest'anno si sarebbe sofferto. Romeo non si è fidato e ha fatto lo stesso l'abbonamento al Bentegodi. Riccardo Bigon, dopo aver mandato in esaurimento nervoso Pulcinella, si è messo sotto il balcone ad implorare Giulietta per farle cambiare idea sul suo conto. Non c'è nulla da fare. Riccardino, figlio di Albertino, da ex Team Manager della Reggina a Ds del Napoli non ne indovina una. Ha messo, per i prossimi 5 anni, Pazzini a bilancio del club come fosse Ronaldo per il Real Madrid. Di fatto rilanciando su se stesso. La squadra che ha costruito è nettamente inferiore a quella di Sogliano degli ultimi anni e non si era reso conto che gestire Mandorlini è molto più difficile della gestione dell'amico Mazzarri o del "lavativo" Rafa. Il Verona, quest'anno, rischia grosso e una piazza così non può permettersi il lusso di rischiare di tornare nell'inferno della B, quindi, una svegliata serve immediatamente. Certo, Carpi e Frosinone non hanno i mezzi del Verona ma mai sottovalutare il rischio retrocessione per chi non è abituato a campionati di bassa classifica. Il Bologna ha giocato malissimo anche a Modena ma contava solo la vittoria e da una vittoria può cambiare tutto. Vedremo.
Passando alla Juventus, in settimana il Presidente Agnelli ha tuonato. Qualche lampo c'era già stato. Non ce l'aveva con Allegri ma ha lanciato un messaggio forte ai naviganti. La squadra è partita malissimo, ora riesce a dare segnali di ripresa ma la cosa più importante è che in tanta mediocrità la Juve, alla lunga, non può non emergere. Agnelli ha fatto benissimo ad usare quei toni e quei modi. La Juve può non vincere 122 scudetti di fila ma non può stare neanche così lontana dal primo posto. A gennaio è inutile intervenire, servirà avere le idee chiare in estate. Paratici non ha bisogno di consigli. Se Allegri non perde le staffe e mantiene l'umiltà del primo anno state sicuri che la squadra tornerà in piena corsa per lo scudetto.
Parlavamo di settore giovanile prima. Complimenti ad Urbano Cairo, l'unico Presidente ad aver capito come funziona il gioco della Primavera. In occasione della Champions dei giovani ha aperto le porte dell'Olimpico di Torino e la risposta è stata eccezionale con quasi 10 mila tifosi a tifare Toro. SVEGLIA! I club devono lottare per far giocare i propri giovani in stadi veri e non su campetti di periferia dove c'è l'erba alta e dietro passano le auto sull'autostrada. Ne va della valorizzazione del proprio ragazzo. Un giovane calciatore deve avere due obiettivi: il primo è giocare in uno stadio vero e il secondo è quello di giocare in uno stadio vero con tanta gente sugli spalti. I ragazzi devono respirare l'aria del calcio e non dell'improvvisazione, solo così cresceranno in fretta. Cairo ha un grande settore giovanile e non a caso è Campione d'Italia. La sua Primavera è guidata da un allenatore con il futuro assicurato, Moreno Longo, e ha trovato un grandissimo Direttore per il settore giovanile come Massimo Bava. La Juve lo ha corteggiato a lungo ma il suo cuore Toro aveva il colore granata.
Un altro appunto alla Federazione. Se Tavecchio vuole restare davvero nella storia, deve prendere decisioni vere e non di facciata. Ci sono mille problemi nel nostro calcio ma ci sono anche centomila contraddizioni. Pensiamo a come arginare il male, ovvero i procuratori, e poi invece apriamo il settore anche a sconosciuti. La contraddizione più grande è il vivaio. Ci riempiamo la bocca di belle frasi ma la realtà è diversa. La Figc invita le società ad investire sui settori giovanili. Bene. Sappiate che in Italia il primo contratto vero che lega un ragazzino al club lo puoi firmare a 16 anni. Fino a quella età in Italia il calciatore è blindato ma all'estero può andare. Una follia. Ovviamente se il ragazzino, alle spalle, ha una famiglia intelligente non consente al figlio di bruciarsi all'estero (ricordate il caso Macheda), ma al contrario per la società sarà una beffa aver fatto crescere e mangiare un ragazzo che poi può liberarsi a zero per andare in un club che non sia in Italia. Tavecchio dovrebbe abbassare l'età almeno da 16 a 14 anni e dare maggiori garanzie alle società. Superiamo i cavilli legislativi, come vale tutt'ora per la costruzione degli stadi, e non aspettiamo che i più furbi ci soffino idee, prodotti e uomini. Qualcosa cambierà. Prima o poi cambierà. Io ci credo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.