HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Icardi non è più il capitano: condividete la scelta dell'Inter?
  Si
  No

La Giovane Italia
Editoriale

Spesa, resa e investimento. Analisi ai raggi X della serie A

23.08.2018 07:53 di Luca Marchetti   articolo letto 27871 volte
© foto di Federico De Luca

Tutti ora si chiedono qual è la griglia del campionato. Tutti a dire che “ve l’avevo detto che l’Inter avrebbe avuto difficoltà” o “Ancelotti non avrà nessun problema” oppure ancora “La Roma sta meglio e alla lunga la rosa ampia è un vantaggio”. Per evitare considerazioni ondivaghe, legate alle prime impressioni (sia del mercato che delle prime uscite stagionali) proviamo a controllare i numeri, aiutati da transfermarkt. Cerchiamo di paragonare i costi sostenuti per comporre la rosa, che il valore della rosa. Da questa analisi si può valutare chi in sede di mercato ha avuto la possibilità non solo di spendere di più ma anche di “produrre” più ricchezza, e allo stesso tempo chi ha saputo costruire una rosa di un certo valore, senza svenarsi. Che la Juventus sia la migliore in assoluto non ci sono dubbi. Il valore della rosa è di 768 milioni di euro (il massimo in Italia), spesi 503 milioni con una differenza (in positivo) di 265 milioni. Se però la Juve è quella che ha speso di più, non è quella che ha la differenza migliore. L’Inter infatti è la squadra seconda in classifica per spesa (253 milioni) e per valore (557): ma la differenza fra i due valori è la migliore di tutta la serie A (e la sesta in Europa): 303milioni di euro. È evidente che in questo tipo di valutazione ci rientrano non sono i parametri zero ma anche giocatore come Icardi, Brozovic e Perisic che sono cresciuti di valore nella loro esperienza nerazzurra. E anche i prestiti (seppur molto onerosi) hanno il loro peso.
Terza in graduatoria delle “differenze” c’è il Napoli con 256 milioni, praticamente come la Juventus, avendo speso però meno della metà per creare questo valore.
Di fatto nella classifica del valore della rosa la vera sorpresa è proprio la società di De Laurentiis. A fronte di una sola cessione e del mantenimento della rosa rispetto alla passata stagione come valore assoluto degli uomini a disposizione di Ancelotti il Napoli è quinto in classifica. Prima e seconda come detto Juventus e Inter, terzo il Milan, quarta la Roma. Ma giallorossi e rossoneri hanno speso di più per costruire la squadra, nel corso degli anni.
Le migliori squadre nella costruzione della propria rosa, sempre secondo i dati di transfermarkt sono poche. Come criterio abbiamo preso come riferimento un dato: se la differenza fra quanto speso e il valore della rosa è superiore ai costi significa che la società è potenzialmente virtuosa. Inter, Napoli, Lazio, Fiorentina, Cagliari, Spal, Parma, Frosinone e Chievo. Se per le squadre che lotteranno per non retrocedere è fisiologico prendere in prestito (magari con obbligo di riscatto legato alla salvezza) giocatori di un certo livello, oppure prenderli a parametro zero come successo al Parma con Gervinho, Bruno Alves e Gobbi, per le squadre di vertice molto è legato ai giocatori che a lungo rimangono nel club e che in quel club esplodono.
Dell’Inter abbiamo già detto, la Lazio ha sempre operato molto bene sul mercato (ed è rimasto Milinkovic Savic). Molto interessanti sono le situazioni della Fiorentina e del Cagliari che per motivi opposti sono riusciti finora ad avere una rosa più “costosa” delle spese. Da una parte (Cagliari) privilegiando l’esperienza, dall’altra la freschezza e la gioventù, sebbene con parametri economici completamente diversi.
Poi naturalmente c’è il campo, che darà i suoi verdetti. Ma spesso fatturati, spese e capacità dirigenziali non possono che influire sui risultati. Queste sono solo previsioni...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la mossa di Allegri per l’Atletico, quella di Paratici sul mercato. Inter: il ritorno di Icardi, il “metodo Marotta” e… la situazione Conte. Milan: Leonardo, gran doppietta. E su Cuneo-ProPiacenza… 19.02 - Buondì, la Roma sta giocando contro il Bologna, nel frattempo Wanda Nara brucia in un camino le foto di lei con Icardi. Pare sia un’usanza per scacciare le maledizioni. Io insisto: meglio i gin-tonic. Comunque, è stata una settimana molto intensa e tutti hanno parlato di un “caso”...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Cuneo, il funerale del calcio italiano. Leonardo, su Piatek a 35 milioni hai avuto ragione tu. Su Gattuso ti sei ricreduto. Caso Icardi, Wanda-Nera e, forse, Maxi Lopez non era così matto... 18.02 - Voi, giustamente, vorreste parlare della Juventus che si gioca la Champions, del Milan che sogna il ritorno nell'Europa che conta, del caso Icardi e del Napoli che prepara tre colpi per l'estate. Vi devo deludere. Non fregherà niente a nessuno ma sappiate che ieri c'è stato il funerale...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Icardi è il caso dell'anno, anche se tutti vorrebbero il rinnovo... ma il problema è Higuain. Mercoledì tocca (davvero) a Cristiano Ronaldo, il Napoli deve affidarsi al suo Re di Coppe 17.02 - Ci sono tre assunti nella vicenda Icardi. Sia Mauro che il club vorrebbero il rinnovo, ognuno alle sue condizioni. Nessuno ha mai avuto intenzione di pagare i 110 milioni della clausola rescissoria anche se potrebbero farlo nella prossima estate per via del giro di centravanti che...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Zaniolo, la Juve c’è ma la Roma è pronta a blindarlo fino al 2024. Anche il City su Dybala, il Real tratta Hazard. Per la difesa il Manchester United guarda in Italia. Nel mirino Koulibaly e Milenkovic. Il Napoli insiste per Lozano e Fornals 16.02 - La prima doppietta in Champions League ha solo confermato quello che è evidente da tempo. Nicolò Zaniolo ha tutto per diventare un grande giocatore. Ed inevitabilmente è già diventato uomo mercato. La Roma sta cercando di blindarlo anche perché sa bene che le sirene sono in agguato....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Icardi andrà via, ma ora l’Inter punta al rinnovo. Chi paga 110 milioni? Tutte le colpe di Wanda. Punito dalla società, scaricato dallo spogliatoio. I tifosi contro l’argentino. Avanti con Lautaro. Le idee di Marotta per l’attacco 15.02 - E adesso come finirà? E’ questa la domanda delle domande che ruota e rimbalza fra l’Inter, Icardi, Wanda Nara, i compagni e i tifosi. Dopo la decisione della società di togliergli la fascia, degradare Maurito, e per reazione il suo rifiuto di seguire la squadra a Vienna, si sta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Capitani, fasce, rinnovi e cessioni: Icardi e Hamsik 14.02 - La notizia in casa Inter è di quelle che tengono l’attenzione alta per tutta la giornata, forse per tutta la stagione. Icardi non è più il capitano dell’Inter, Icardi non è convocato per la partita di Europa League contro il Rapid Vienna. Anzi di più: Icardi ha scelto di non andare...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Roma padrona, adesso le scuse a Di Francesco e Monchi. Quello che Paratici non dice: l’asse di scambio Isco-Dybala è più di una possibilità per la Juventus. Lo spogliatoio vuole Sarri fuori: Inter, Roma o Milan se lo prenderebbero? 13.02 - Roma padrona, in Champions non perdona. Visto che bisogna adeguarsi a chi c’è al governo, allora si può riattare uno slogan politico usato da quella parte nell’epoca Tangentopoli per fotografare i giallorossi in Europa. Tanto parlare, tanto condannare, e poi la Roma è stata una potenza...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ramsey e non solo! Inter: Marotta e la rivoluzione di giugno (nomi e modalità). Milan: Gattuso non va celebrato oggi. E su Sanremo… 12.02 - Uè, ciao. Son tornato da Sanremo. Non potere capire, sembrava l’inferno. Cioè, noi pensiamo sempre che il mondo del calcio sia il più complicato e fetente in assoluto e invece c’è chi prova a competere. C’è stata questa cosa del vincitore Mahmood che ha scatenato il tutti contro tutti...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri-Napoli, l'addio è stato un flop per tutti. Inter, su Icardi ha ragione Spalletti. Frosinone, la cura di Baroni. Roma, Faggiano l'uomo giusto per il dopo Monchi. Benevento, hai fatto bene a fidarti di Bucchi 11.02 - Dirlo dopo questo week end è troppo facile ma un passaggio lo avevamo già fatto. Il divorzio estivo tra il Napoli e Maurizio Sarri è stato un flop per tutti. Quando le cose vanno bene e un allenatore trova l'habitat ideale bisognerebbe fare di tutto per andare avanti il più possibile....

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La differenza tra Piatek e Hamsik: De Laurentiis e la lezione alla medio-alta borghesia del calcio italiano che troppo spesso non viene compresa 10.02 - Nel calcio per costruire un progetto importante saper cedere è molto più importante di saper acquistare. Saper resistere, contrattare e rifiutare quando da una cessione sembra possano arrivare solo vantaggi è fondamentale. E' la differenza tra chi fa impresa in modo lungimirante e...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510