VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Su Mazzarri l'ombra di Seedorf. Il fattore I: Inzaghi, Iturbe...Ok Kakà, ma Balo resta. De Jong, cotto e mangiato. Darmian, Pirlo, Tevez: cara Juve, e Ancelotti?

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
21.06.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 48949 volte

Ci sono traiettorie che il destino del calcio disegna ancor prima che le persone le vivano e le compiano realmente. E a scanso di voraci equivoci legali, Clarence Seedorf non ha compiuto nessun passo verso l'Inter e vive la sua condizione di grande personaggio del calcio, nel rispetto delle decisioni comunicate nei giorni scorsi dal Milan. Ma la strada di Leonardo sembra tracciata. Inesorabile, quasi inevitabile. Il rapporto fra l'Inter e Walter Mazzarri non appare epocale. La stima di cui Clarence gode, a trecentosessanta gradi, nel mondo del calcio, riguarda anche l'icona nerazzurra Zanetti. Sembra scritto. Alle prime difficoltà dell'Inter mazzarriana prossima ventura, il primo nome mediatico che verrà scolpito sulle prime pagine nerazzurre per il grande cambio sarà proprio quello di Clarence. E nessuno potrà farci nulla.

Quello che sta convincendo Silvio Berlusconi e Adriano Galliani non è un entusiasmo fumoso e fine a sé stesso. No, Filippo Inzaghi sta spingendo forte per le sue idee e, in generale, ma soprattutto oggi, per convincere qualcuno a spendere dei soldi devi dimostrare di credere in quello che dici. Inzaghi ha un entusiasmo che trascina: ha più spinta anche dello stesso Allegri nelle richieste alla proprietà e alla dirigenza, non deve scontare noviziati, è una bandiera del Milan da una vita e il presidente e l'ad gli vogliono bene anche sul piano umano. Il presidente Berlusconi e Galliani oggi sono convinti di quello che chiede Pippo. Ed è per questo che se c'è da fare un mezzo sacrificio economico, potrebbe anche esser fatto. Ad oggi Iturbe, non a caso, è l'unico giocatore su cui, per altissima disposizione rossonera, si può spendere "qualche" soldo. Prima però bisogna sistemare almeno tre-quattro fra i sei-sette attaccanti in esubero al Milan. E fare qualcosa a centrocampo, perché il Milan a fari spenti vuol fare qualcosa a centrocampo. Non Banega, l'argentino è più trequartista. Il Milan ha bisogno di un regista.

Riccardino va bene così, qualunque cosa sia, se è quello che vuoi. Kakà in questa vicenda sta dimostrando grande rispetto nei confronti del Milan. Se è vero quanto sostiene Orlando nel suo comunicato ufficiale, e nessuno lo mette in dubbio, Kakà sa perfettamente di non poter vivere una stagione a mezzo servizio fin dai primi passi, in un Club mediatico come il Milan. Non può guardare negli occhi i suoi tifosi alla prima giornata di Campionato, sapendo che all'inizio del girone di ritorno ci sarà il saluto finale. E quindi sta lavorando e scegliendo di conseguenza. Caro grande Ricky, l'uomo vero di Madrid, l'uomo vero del post Milan-Genoa e del post Milan-Parma non cambierà mai. E Balo? No, al Milan spiace davvero cedere Balotelli. L'orientamento è quello di tenerlo, aggiungendogli ritmo ed esplosività alle spalle.

Nigel De Jong è stato usato due volte. All'inizio per mettere in croce il solito Galliani: passaggi brevi, poca illuminazione, altro acquisto sbagliato. Del resto a centrocampo, se non sono nati appena sotto la linea Gotica sono tutti da buttare. Poi quando si sono accorti, con calma, che è un ottimo giocatore, lo hanno usato per giocare ai soldatini e agli indiani. Il serissimo Nigel non si è prestato però a giochetti e strumentalizzazioni ed è persona tutta d'un pezzo. Io al Milan sto bene e voglio restare al Milan. Un modo evoluto, chiaro, senza fronzoli di comunicare. Poi si vedrà, ma intanto lo ha detto. Passato inosservato? Meglio così. Quando ne azzeccheranno una, senza fare confusione fra Consiglio d'amministrazione e Assemblea dei soci e senza leggere in maniera stramba l'elenco effettivo dello staff tecnico di Inzaghi, non sarà mai troppo tardi.

E' un po' di tempo che i tifosi juventini assaltano le postazioni mail delle trasmissioni per dare lezioni al Milan, a Galliani e ai milanisti tutti. Ci avete dato Pirlo ah ah ah, e in effetti la sindrome di Andrea sofferta per dieci anni dai tifosi interisti nel vederlo con la maglia del Milan, la stanno patendo da tre anni i tifosi rossoneri. Vi abbiamo preso Tevez ah ah ah, per la verità Galliani l'aveva detto chiaro che senza la cessione di Robinho il Milan si chiamava fuori dalla trattativa Tevez, ma hanno deciso di non ascoltarlo. Adesso Darmian, con tutti gli annessi e connessi. Benissimo così, ci sta tutto e nessuno si piange addosso, ma così come ad esempio Pirlo è stato scoperto a 32 anni nei salotti televisivi che contano (eppure da milanista le cose migliori della sua vita in Nazionale, le aveva fatte nel Mondiale 2006 in Germania...), ci permettiamo per una volta di ribattere. Scusate cari amici juventini, ma Carlo Ancelotti? Sì, Carlo Ancelotti! Ci avevate detto in tutte le salse, in quelle più crude che non sapeva allenare e in quelle meno amare che era un allenatore perdente per i due secondi posti del 2000 e del 2001. Oggi invece Carlo Ancelotti ha nel suo palmares personale più Coppe dei Campioni, 3, di tutte quelle vinte dalla Juventus nella sua comunque prestigiosissima storia, 2. Ne vogliamo parlare, anche nei salotti televisivi che ogni giorno, come capiamo peraltro perfettamente, si tengono buoni milioni di tifosi juventini? Il calcio va discusso tutto, non a spizzichi e bocconi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.