VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Svolta Prandelli: il C.T. ha scelto il Tottenham per il dopo Italia. Conte, su Capello fai il gioco dei "nemici". Milan, Barbara va messa nelle condizioni di lavorare. Squinzi, questo è il Sassuolo?

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983. Vive e lavora a Milano dal 2005. Ha diretto la Redazione di Sportitalia fino allo scorso novembre. Ha curato e condotto i Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Mail: mcriscitiello@micri.it Twitter: MCriscitiell
17.02.2014 00.00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 42554 volte
Svolta Prandelli: il C.T. ha scelto il Tottenham per il dopo Italia. Conte, su Capello fai il gioco dei "nemici". Milan, Barbara va messa nelle condizioni di lavorare. Squinzi, questo è il Sassuolo?

Il Presidente della Figc, Abete, ci ha promesso da tempo che a marzo svelerà il futuro di Cesare Prandelli. C'è chi scommette che alla fine resterà in azzurro - noi ci crediamo poco - e chi andrà ad allenare in Russia. Di sicuro non c'è posto, per Prandelli, in Italia. Conte resta alla Juve nonostante le lusinghe europee, Seedorf guiderà il Milan, Benitez il Napoli, Garcia la Roma e Mazzarri l'Inter. Quindi sarà un estate tranquilla, almeno per i cambi in panchina. Prandelli avrebbe sciolto, nelle ultime settimane, le riserve. Il C.T. dell'Italia è ad un passo dall'accordo con il Tottenham che vuole rendere sempre più made in Italy la squadra e avrebbe individuato in Prandelli l'uomo giusto per proseguire questo percorso appena iniziato. La notizia potrebbe sembrare clamorosa ma negli ambienti vicini a Via Allegri, ormai, la danno per cosa fatta. A breve ci sarà un incontro tra Abete e Prandelli e in quella riunione dovrebbe esserci l'addio. Tutti in Brasile e poi ognuno per la propria strada. L'ex allenatore della Fiorentina ha aspettato la Juventus ma per lui non c'è posto a Vinovo. Conte si tiene stretta la panchina bianconera e, visti i risultati, fa anche bene. A proposito di Conte. Sembrerebbe che questa volta sia caduto nella rete dei provocatori. "Capello, alla Juve, viene ricordato solo per gli scudetti revocati". Bene, questa frase non è stata il massimo per chi ha il dna bianconero. I tifosi stanno facendo una battaglia, dal 2006, per avere ciò che gli appartiene e se Conte rilascia queste dichiarazioni sembra voglia alimentare le giustificazioni strambalate di chi diceva che la Juventus in quegli anni non era la più forte. Se la Juve di Capello viene ricordata per gli scudetti revocati la colpa non è certo di Capello che con quello squadrone ha stravinto i campionati italiani. Capello ha sbagliato a mettere il naso nello spogliatoio di Conte ma Conte ha sbagliato nella risposta al C.T. della Russia che, per onore e rispetto, resta il miglior allenatore italiano al Mondo. Se il calcio italiano va a rotoli è anche perchè i guru del nostro campionato, Capello, Lippi, Spalletti e Mancini non fanno più parte del giro. Al Milan c'è un neo-patentato e all'Inter c'è stato un allenatore che, dopo aver allenato i nerazzurri, non è stato cercato neanche dal Sassuolo e dal Livorno. Rifletteteci. Due paroline sul Milan. Mi chiedono perchè ce l'ho con i rossoneri. Chi è cresciuto con Galli- Tassotti-Baresi-Costacurta-Maldini-Donadoni- Evani- Rijkaard- Ancelotti- Gullit e Van Basten non può tollerare questo Milan senza anima, calciatori e fama. D'accordo i soldi non ci sono ma proprio quando ci sono le difficoltà emergono i grandi Direttori. I tifosi non possono offendersi che qualcuno parli male del Milan, sono loro i primi a non dover tollerare questa fase epocale; ci si augura più transitoria possibile. Uno spiraglio c'è. Far lavorare Barbara Berlusconi. Ieri era la "figlia di" oggi Lady Milanello. Si sta muovendo bene. Fa visita alla squadra nei momenti opportuni, prende le decisioni e non nasconde la polvere sotto il tappeto, incontra Infront per parlare del nuovo stadio e ha idee innovative. Va fatta lavorare, bisogna concederle del tempo ed è la prima persona che ha come unico interesse il bene del Milan. Del Milan e non personale. Barbara è giovane, in un Paese di vecchi che però da Renzi alla nuova Berlusconi, dà segnali di freschezza. C'era una volta la nuova Repubblica, stai a vedere che questa volta è quella giusta. Finiscono le epoche e sono in pochi a capire quando è giunto il momento di andare in pensione. Tutto ha un inizio e tutto una fine, il problema è chi crede che tutto abbia un fine. Barbara ci piace, la sosteniamo perchè al Milan sta portando una ventata di aria nuova. Brava Barbara, apri tutte le finestre. Sarà complicato per lei chiudere alcune porte ma anche, in sede di calciomercato, potrà solo portare dei benefici al club di famiglia. Ad esempio, la Berlusconi ha già indagato sul fiume di procure nei vari trasferimenti dei calciatori?
Ultimo pensiero dedicato al Sassuolo: Squinzi ha il compito di cambiare l'economia dell'Italia ma non riesce a cambiare il trend della sua squadra di calcio. Il cambio dell'allenatore non ha dato la scossa che qualcuno si aspettava (due giornate e richiamano Di Francesco), non ha una bozza di progetto per la serie A del Sassuolo e ha comprato una società per dire grazie alla città che lo ha accolto con le sue attività ma "obbliga" i tifosi del Sassuolo ad andare tutte le sante domeniche a Reggio Emilia. La situazione in classifica è critica, i suoi Direttori hanno confuso l'inverno con l'estate e le operazioni più importanti le hanno fatte a gennaio. Ma non meravigliamoci più di nulla perchè se scendiamo di categoria vediamo i bilanci in rosso delle società di serie B. Sapete ogni club di B, in media, quanto perde all'anno? 2 milioni di euro. Bene, adesso moltiplicate per 22. Alla prossima...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.