VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
20.11.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 20539 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire sull'aereo è qualcosa di indecente, per cui vale la pena azzerare il sistema. Attenzione: Tavecchio e Ventura pagano perché è giusto che paghino loro ma dietro quei due c'è il vuoto. Viviamo ancora con le giovanili azzurre affidate a tal Maurizio Viscidi. Scommetto che a malapena lo conoscono gli addetti ai lavori. Questi sono i disastri portati da Arrigo Sacchi che oggi la Figc ancora paga. Viscidi è il coordinatore di tutte le giovanili azzurre. Ti aspetti un uomo di spessore in un ruolo così delicato. Invece vi chiedo il favore di andare su Wikipedia per capire a chi abbiamo affidato tutto il progetto azzurro. Ad un allenatore che in carriera ha allenato Casarano, Lodigiani, Viterbese, Lucchese e Vicenza. Nel 2006 dopo Modena restò fermo per sei anni fino al premio di gestire tutte le giovanili dell'Italia. Adesso, io non ho nulla contro Viscidi, persona a me sconosciuta. Mai visto e sentito. Sarà pure un bravo uomo, sicuramente, ma in quel ruolo ci vuole gente con esperienza e massima capacità. Dobbiamo rifondare tutto? Bene, facciamolo. Allora sì che sarà valsa la pena stare a casa la prossima estate. Tavecchio ha commesso un errore, imperdonabile: affidare la panchina azzurra a Ventura, mediocre allenatore di serie A e uomo presuntuoso come pochi. Per questo motivo vada a casa Tavecchio che politicamente invece ha fatto buone alleanze e ottime sinergie. Ma vadano a casa tutti. Non solo Tavecchio. Anche se dalla FIGC fanno sapere che l’attuale presidente non si dimetterà. A Ventura, invece, bisognerebbe addirittura togliere la cittadinanza italiana per come si è congedato e per non aver chiesto neanche scusa lasciando almeno i soldi in cassa. E' scappato col bottino. Lo abbiamo anche pagato 800.000 euro per il disturbo. I Presidenti italiani dovrebbero avere la coscienza per non chiamarlo mai più in un club. Ma non sappiamo fare sistema e pensiamo solo al nostro orticello. Chi arriverà dopo Tavecchio faccia regole chiare e semplici; pianifichi le riforme, crei le squadre B, regolarizzi il mercato e il rapporto società-agenti una volta per tutte. Riduca le squadre professionistiche e dia un senso alla Lega Dilettanti. Solo un manager può cambiare questo mondo. Si candida Gravina? Bene. E' da sempre legato ad Abete ma sarebbe un buon profilo perché ha competenza e ha gli appoggi di manager all'altezza che questo calcio davvero saprebbero cambiarlo una volta per tutte. Gravina merita una chance ma non scenda a compromessi con nessuno. Ci vuole un uomo di polso che non guardi in faccia a nessuno. Tavecchio è saltato ieri quando anche il Presidente della Divisione Calcio a 5, Andrea Montemurro, l'ha mollato. Montemurro è giovane ed è carismatico. Per il futuro e per per il presente è una figura da tenere stampata in testa.
Nel frattempo è tornato il campionato, per fortuna di Sarri e Di Francesco; purtroppo per Montella ed Allegri. Insomma, tutto come prima. Concentriamoci sulla Juve, visto che sul Milan avrebbe poco senso. I rossoneri sono fuori dai giochi a novembre e questo è davvero grave. Così come è grave non entrare nell'area di rigore avversaria per 45 minuti. La Juventus potrebbe davvero aver chiuso un ciclo. Il tempo passa e, tra Roma e Napoli, quest'anno può succedere l'apocalisse. Come per l'assenza dell'Italia al Mondiale abbiamo capito che questa stagione rischia di passare alla storia per i prossimi 100 anni. Ben venga una nuova squadra col tricolore sul petto anche perché, di questo passo, la Juventus resterà indietro seriamente. Senza identità e fame. Lo ripetiamo da mesi e lo diciamo anche oggi. Marotta e Agnelli avrebbero dovuto capire che a Cardiff si era chiuso un ciclo, invece, si rischia di buttare un anno. Questa Juventus è troppo brutta per essere vera. Una difesa così non solo non concede attenuanti ma preoccupa anche per il futuro. Bisogna correre ai ripari e, a quanto vediamo, il mercato è l'unica strada che può portare un cambio di rotta. Era finito il ciclo Bonucci, è finito il ciclo Allegri e di tutta la magnifica difesa che in questi anni ha alzato un muro invalicabile. Quest'anno godiamoci i cambiamenti e tifiamo per Napoli, Roma o Inter che potranno tornare a scendere in piazza se continuano di questo passo. La vera sorpresa è la Roma sulla quale non avrei scommesso neanche 50 centesimi ma se davvero arriverà fino in fondo è realmente come diciamo da anni: appena Totti smetterà di giocare, la Roma tornerà a lottare per qualcosa di magico.
In chiusura spazio al Palermo. Lo scorso anno demmo uno sguardo al bilancio e alle commissioni da riconoscere ai procuratori. La nostra domanda era semplice: come è possibile? Ora la Procura di Palermo per altre situazioni ha messo il naso sui conti della società e, se va fino in fondo, rischia di trovare la sorpresa. Trema il mondo del calcio anche perché nel giro delle maxi commissioni ci sono nomi top. Basta leggere il bilancio e sapere quelle società a chi corrispondono. Zamparini ha chiuso con il calcio ma prova a vivere di rendita. La società non può andare avanti così e, come per il Genoa, qualcuno dovrebbe intervenire. Stanno aprendo gli occhi anche su Volpi che in Italia non mette più piede e il suo Spezia, ormai, è un club che punta al mantenimento della categoria. Si è stufato del calcio e non della pallanuoto ma anche Volpi, prima o poi, dovrà dare molte risposte al sistema.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.