VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Terremoto al mercato: la Juve ha perso un'occasione clamorosa, ma si consola con un colombiano (Roma permettendo...). Conti Inter disastrati: cambiano le strategie (tre nomi) e le decisioni su Mazzarri. Kakà saluta ma non basta...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai e Telelombardia
01.07.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 125593 volte
© foto di Federico De Luca

Sono strafatto di calcio, in totale overdose. C'è la partita alle 18, quella alle 22, il mercato che ufficialmente inizia oggi ma quanto a troiate non ha inizio né fine. Prendete M'Vila, uno che fino all'altroieri facevano fatica a riconoscerlo i parenti stretti. Ora sembra un'ossessione: "L'ho visto a Milano", "non è vero, non c'è mai stato", "era M'Bia", "no, erano gli One Direction", "chi cazz è M'Bia?", "un altro, ma tanto non arriva neanche lui", "io dico che arriva", "chi cazz sono gli One Direction?". E Iturbe? "Lo prende il Milan", "no, la Juve", "lo tiene il Verona e lo gira metà al Milan e metà alla Juve", "vivisezioniamo Iturbe", "M'Vila è stato visto a casa di M'Iturbe, un suo cugino".

Poi c'è la rottura di balle federale, una faccenda di una noia mortale ma talmente importante che tocca far finta di essere interessati. "Il presidente sarà Tavecchio", "Tavecchio è troppo vecchio", "Albertini s'è dimesso", "Albertini tenta la scalata", "Abete se ne va", "Abete è un sempreverde, può tornare", "M'Vila presidente Federale", "Federale nuovo acquisto dell'Inter. Con gli One Direction tra l'altro". E i Ct: abbiamo talmente tante certezze che ci sono solo 211234 pretendenti: "Il Ct sarà Allegri, me l'ha detto Allegri", "No, Mancini, me l'ha detto Mancini", "Tavecchio spinge per Guidolin", "Guidolin Mangia", "No, Guidolin è a dieta", "M'Bia 'ndo sta? Solo Mangia lo sa".

Infine la polemica introdotta da Barbara Berlusconi ("Spazio ai 40enni") ha scatenato un putiferio. Tavecchio: "Io ne ho 71 , ma li porto benissimo", Albertini: "Io ne ho 43 ma ne dimostro 71". M'Bia: "Io ho il passaporto di Eriberto". Gli One Direction: "Iturbe andrà al Poggibonsi tra 40 anni".

Un gran casino, insomma. Solo che davvero oggi apre il mercato, e davvero ci sono cose da dire, e davvero è il momento caldo per mettere a posto rose traballanti pur non avendo il becco d'un quattrino. E allora facciamo in fretta, perché tempo da perdere non ce n'è.

Thohir ha capito che in Serie A far soldi è impossibile se non ti chiami Pozzo. Il -80 milioni in bilancio dell'Inter era in parte prevedibile, ma ha avuto sull'indonesiano l'effetto del caffè+sigaretta alle 8.30 del mattino. Il rinnovo a Mazzarri non è stato certificato nonostante i proclami, segno che si prova a evitare l' "effetto Allegri" (affrontare la stagione con l'allenatore in scadenza di contratto) ma non si ha il coraggio di formalizzare con un mister mal visto da gran parte dell'ambiente (presidente in testa e dichiarazioni di facciata a parte). Parliamoci chiaro: per i nerazzurri sarà un mercato molto, molto, molto complicato e fatto per lo più di scambi, prestiti (Casemiro al 13232esimo tentativo dovrebbe arrivare) e tentativi di trattenere i pezzi pregiati (l'offerta dell'Atletico per Handanovic e Icardi c'è, ma è assolutamente inadeguata).

Un po' di Milan. Kakà leva le tende secondo l'assunto "certi amori non finiscono, ma a distanza funzionano anche meglio". Con i soldi risparmiati dall'ingaggio i rossoneri tenteranno l'assalto finale a Iturbe, ormai lo sanno anche gli One Direction. L'attaccante esterno è il sogno non più segreto di Inzaghi, che invece (non lo ammetterà mai), farebbe volentieri a meno di Balotelli. Solo che Mario al momento non solo ha un problema di cresta, ma soprattutto di collocazione. L'opzione Arsenal resta aperta, ma non più alle cifre che avrebbe voluto il Diavolo. Ergo: si temporeggia in attesa che Raiola faccia quel che sa fare. E cioè, rimedi una squadra gradita a Mario inserendolo in qualche trattativa che contempli più di un giocatore. Con i quattrini risparmiati dal doppio ingaggio Kakà-Balotelli (e in attesa di capire che fine farà Robinho), il Diavolo assalterà Verona, solo che il tempo stringe e la Juve pressa.

Ecco, la Juve. Per Sanchez sono problemi. Il gol in mondovisione contro il Brasile deve aver risvegliato anche quel volpone di Luis Enrique che, forse, ha capito di aver in casa un discreto attaccante. La Signora non sembra preoccuparsi più di tanto: è certa di avere una priorità sul solito Iturbe (eventualmente si virerà su Ibarbo), si gode il gol di Pogba (il Psg è sempre in pressing, ma il francese resterà a Torino), ed è vicina a uno dei fenomeni colombiani che tanto stiamo ammirando in questi giorni. Quello che piace a Marotta e Conte, in realtà, non sta giocando molto ma pare sia un piccolo fenomeno in prospettiva: si chiama Eder Alvarez Balanta, ha 21 anni e come tutti sapete è un difensore del River Plate. L'abboccamento c'è stato, la firma ancora non si vede ma arriverà (Roma permettendo). A chi vi dice "c'è una possibilità per Di Maria", invece, regalate un biglietto per il concerto degli One Direction. Si merita una pena severissima.

Da Napoli poche novità: i nomi caldi son sempre gli stessi (Gonalons, Sandro, Mario Suarez). Tutti credibili, ma solo se si riuscirà a trovare una sistemazione a Behrami e Dzemaili. Resta viva la trattativa con il Milan e Pazzini per il ruolo di vice-Higuain, affare fattibilissimo se i rossoneri non riusciranno a trovare una sistemazione al solito Marione nazionale. Per Arbeloa in difesa e Michu in attacco, invece, siamo ancora alle chiacchiere.

Per chiudere la "consueta" (ma sincera) leccata a Walter Sabatini, vero esempio per tutti coloro che hanno il coraggio di credere nelle proprie idee e se ne fregano del "nome ad ogni costo". Alla Roma finisce il giovane Yannick Ferreira Carrasco, 20 anni, belga. Costo: 4,5 milioni. Scommettiamo che l'anno prossimo varrà tre volte tanto?

E ora scusate, ma il buon Michele Criscitiello mi attende negli studi di Sportitalia, là dove si va davvero in overdose di calcio, ma quantomeno se svieni hai buone chance di essere soccorso da bonazze di un certo livello. O da Pedullà. Meglio resistere insomma.

Vi lascio con un post da me pubblicato sui soliti social network dopo la sconfitta del Cile con il Brasile. Chiedo scusa a chi l'ha già letto e se lo ritrova qua; serve a farvi capire perché da qualche giorno provo davvero un po' di fastidio per tutto ciò che è "calcio italiano" (twitter @FBiasin).

Eccolo:

"Per 120', dieci rigori e il tempo di trattenere bestemmie da 10 Padre Nostro e 20 Ave Maria, sono stato cileno. Avevo il sangue rojo e la terra sulla pelle. Quella delle miniere (la terra), quello dei minatori (il sangue).
Abbiamo combattuto come gladiatori al Colosseo, martiri che conoscono il loro destino eppure se ne fottono, perché morire è più dolce se sai di aver dato tutto, e restare in vita ha poco senso se sai che comunque non avrai altro da dare.
Per 120' minuti, dieci rigori e poco più, ho sperato che mamma fosse nata a Santiago, perché è bello vedere che chi ti rappresenta ha gli occhi di Bravo, nomen omen, e il coraggio di Pinilla, attaccante sepolto dai tatuaggi che poteva scrivere la storia e dalla storia è stato travolto.
Per 120' e tutto il resto ho gridato contro il Brasile, che pure non mi ha fatto niente, ho sperato in un miracolo, ho voluto bene a Webb, arbitro con palle ciclopiche.
Non è bastato, perché solo nei film il debole sconfigge il forte e il cesso limona con la strafiga.
Dopo 120', dieci rigori, qualche calcio dato al muro e una voglia infinita di stringere a me Jara, colui che ha visto il suo cuore esplodere su un palo, ho pensato ai miei giocatori, gli azzurri, quelli che tornano a casa e non trovano di meglio che sputarsi addosso fiotti di veleno, quelli che atterrano e a bordo di una roja (Ferrari) altro non pensano che correre in una discoteca il cui nome è una sentenza: QI.
Oggi, scusatemi, ma vorrei essere cileno".


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.