VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Thiago Silva: prima o poi torna, come Sheva e Kakà. Moratti: prima resa dei conti con Thohir. Disdetta Pazzini: il Milan su una punta, forse... Vucinic-Arsenal: la Premier osserva Conte

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.01.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 41835 volte

E' troppo corretto per dirlo apertamente. E nel rispetto del Paris Saint Germain, non lo dirà e continuerà a fare con enorme professionalità il suo lavoro. Ma che Thiago Silva continui a pensare continuamente al suo Milan, è ampiamente immaginabile. Thiago Silva è la terza ferita aperta del recente passato rossonero. Fateci caso, una ferita simmetrica. Una ogni tre anni. Nel 2006 Shevchenko al Chelsea. Risultato: tornato al Milan. Tre anni dopo, nel 2009, Kakà al Real Madrid. Risultato: tornato al Milan. Ancora tre anni dopo, nel 2012, Thiago Silva al Paris Saint Germain. Risultato: scritto nel destino. Nulla di immediato e nulla di prevedibile a livello di date, ma prima o poi tornerà. La numerologia, per chi ne subisce il fascino, sa essere implacabile. Il fatto poi di sapere che a Milanello oggi c'è un certo Clarence Seedorf, che andava d'accordissimo con Thiago, non può che rafforzare i pensieri del fuoriclasse brasiliano. E non bastasse Seedorf, ci sono anche Kakà e Robinho. Con Kakà, dal gennaio al giugno 2009, Thiago Silva aveva giocato solo le amichevoli, perché non poteva essere impiegato nelle gare ufficiali. Chi vivrà, vedrà.

Massimo Moratti non gradisce il continuo prender tempo di Erick Thohir. Nella forma, ma soprattutto nella sostanza. Il fatto che il magnate indonesiano sia fermo sul mercato, lo storico presidente interista lo vive come una accusa implicita alla sua gestione. L'interpretazione di Moratti è abbastanza attendibile e piuttosto semplice: che i conti fossero in difficoltà era un fatto trasparente, tanto è vero che i soldi per il passaggio di mano dell'Inter riguardavano proprio la sistemazione dei conti e non il valore del brand. Se i conti fossero stati inappuntabili, dall'Indonesia si sarebbe dovuto pagare cash il valore del Club. In un caso o nell'altro, l'Inter non poteva passare di mano e gratis e l'acquirente lo sapeva. Alla somma pagata dovevano dunque essere aggiunti gli investimenti sul mercato. Non ci si può lamentare per la situazione contabile e traccheggiare sugli acquisti. Insomma non sono i debiti dell'Inter morattiana a dover inibire il rafforzamento della squadra. Questo pensa Moratti. E la sua insofferenza comincia a filtrare.

Adriano Galliani se lo sentiva che non doveva cedere così presto Matri alla Fiorentina. L'infortunio di Pazzini spiazza il Milan. E alla grande. Questa vicenda del buon Ale Matri non trova pace. Arrivato senza l'entusiasmo del presidente Berlusconi e subito beccato dalla Curva, il rossonerissimo Matri non è riuscito a fare gol. Al momento della sua cessione, i tifosi milanisti non volevano che andasse alla Fiorentina, dopo le parole al veleno estive di Andrea Della Valle sul fronte Ljajic. Ma la Fiorentina si è rivelata l'unica opzione praticabile. La scelta del Milan è stata esclusivamente economica. Quella viola era l'unica società in grado di pagare 6 mesi di ingaggio a Matri. L'attaccante lodigiano sapeva perfettamente cosa pensassero i tifosi rossoneri. Tanto è vero che, fra un singhiozzo e l'altro, martedì 14 Gennaio si lasciava andare a Milanello: "Beh, almeno, riesco a far fare la pace a Milan e Fiorentina...". Magra consolazione, Ale. Anche perché l'arrivo del giovane Petagna (Pippo Inzaghi esulta...) è servito a tamponare eventuali emergenze con lo Spezia. Ma adesso in casa rossonera l'allarme è arancione. Se il Milan dovesse andare avanti in Coppa Italia, giocherà ogni 3 giorni fino all'Atletico. Con Balotelli che non è abituatissimo a giocare così tanto e così intensamente. Per cui se l'infortunio di Pazzini, come si spera, non supererà le 2 settimane, il Milan non farà nulla. Ma se il Pazzo dovesse fermarsi per 3-4 settimane, il Club rossonero dovrà guardarsi attorno sul mercato anche per la prima punta. Santo cielo, che stagione!

Tre indizi fanno una prova. Il Manchester City è annoverabile per definizione fra le possibili pretendenti di Paul Pogba. Il Manchester United un giretto a Cagliari per dare una ulteriore occhiata a Vidal, lo ha fatto. L'Arsenal sta parlando con la Juventus per Vucinic. Stando all'interesse che suscitano i singoli sempre nello stesso Campionato, non si può non dedurre che il calcio che insegna Conte piace alla Premier League inglese. Lo conferma l'acquisto di Giaccherini da parte del Sunderland e i sondaggi che nei mesi scorsi hanno fatto le squadre inglesi sia per Quagliarella che per Matri versione bianconera. Insomma, la Juventus di Conte pratica un calcio che, attraverso i suoi principali interpreti, la Premier League ritiene adatto al proprio clichè. E visto che il dopo Ferguson allo United è tutt'altro che consolidato , che il Chelsea non disdegna allenatori italiani (Ancelotti...) e che il regno di Wenger all'Emirates Stadium è parecchio ambito, pensare ad un futuro inglese di Conte, per temperamento e orientamenti tattici, è quasi senza quota. Quando e come, è un tema aperto. Anzi, apertissimo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La condizione ci seppellirà. Il Napoli è avanti, la Juve gode del fattore Allegri, la Roma è fuori dal fair play: quali conseguenze? 08.10 - Quello che è successo a Torino è spettrale. C'erano giornalisti che chiedevano e Ventura che non sapeva rispondere, come se quasi non gli importasse. Certo, la vittoria con la Bosnia - da parte del Belgio, non di un'Italia sciupona - apre le porte ai playoff della selezione del tecnico,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Berlusconi: rispettoso silenzio. Solo Milan, no vecchi e nuovi. Sarri: sembra il Conte del 2011 07.10 - Da parte della dirigenza del Milan rispettoso silenzio. E non poteva essere altrimenti. Qui però a stretto contatto con la carne viva del popolo rossonero, non possiamo fischiettare per aria. Le parole del presidente Berlusconi hanno destabilizzato il clima mediatico attorno al Milan...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.