VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Thohir: 4 colpi in 4 giorni, ma non tutti per Mazzarri (Vucinic? Clamoroso...). E l'insider Inter ci racconta la verità su quel che accade in società. Milan: un ballottaggio per il difensore. E tra Seedorf e Galliani... Roma, altre due perle

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista tv per Mediaset Premium e Telelombardia.
28.01.2014 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 89253 volte
© foto di Federico De Luca

Il "ripianatore" Erick Thohir ieri l'altro s'è fatto vivo. Pensa te. Ha visto una bella partita, friccicarella, Inter-Catania 0-0, sfida con meno valori tecnico-tattici della scapoli-ammogliati di fantozziana memoria. In quella, almeno, Calboni realizzava un gran gol con addosso un'attilattissima maglietta del Milan. E Filini era un grande arbitro. Peccato il campo impraticabile.
L'Inter al contrario combina niente, sta a guardare, ascolta le reprimenda dei tifosi ma non reagisce e si affida a Erick, l'uomo dei comunicati infiniti e delle supercazzole intercontinentali. Ieri è stato il giorno della mega riunione galattica: lunga, estenuante. Si è parlato di mercato, di trattative da realizzare in qualche modo, di D'Ambrosio, di bilanci, e di Vucinic ovviamente. C'era il sciur Fassone, ex dipendente "extra-campo" di Juventus e Napoli, ora all'Inter a far mercato. Solo che prima si occupava di altro, di marketing, ora invece è stato messo lì a parlar di terzini e centravanti. Come se il sottoscritto domani si improvvisasse parrucchiere di "Sgianluìdavid": le forbici le so anche tenere in mano, ma magari ti trancio la giugulare.
Ecco, vi diciamo quello che fonti assai fidate c'hanno confidato dall'interno del club. Per un non meglio precisato motivo, Fassone è stato indicato come unico referente del presidente indonesiano. Branca e Ausilio? Eseguono gli ordini, ma non hanno diritto di prendere alcuna iniziativa personale. Possiamo dirvi che da quando si è insediata la nuova proprietà, l'attuale direttore dell'area tecnica ha parlato col presidente la miseria di tre volte e che a suo tempo è stato presentato "come unico responsabile della decadenza nerazzurra post-triplete". Mazzarri? Le sue richieste vengono ascoltate, ma la regola imprescindibile imposta agli operatori di mercato è sempre la stessa: "Non si compra se non si vende".
E allora D'Ambrosio arriverà col grano recuperato dal prestito di Pereira, mentre per Vucinic è arrivato il nuovo stop. Fine della trattativa e delle trasmissioni sul mercato Inter: nonostante la volontà di due club e di due giocatori, l'affare non va in porto. Si cercherà una soluzione last second, anche perché nel frattempo Osvaldo si è accasato al West Ham. Il tempo scorre in fretta. A centrocampo l'ultima idea si chiama Banega; in attacco dopo la presunta lite (poi smentita), i dirigenti nerazzurri pensano allo scambione Dj Francesco-Balotelli con conguaglio a favore di Signorini.
Pirlate a parte, siamo a una settimana abbondante dall'esplosione del bubbone di mercato più grosso della storia recente. E tra l'altro è il 28 gennaio, e fra tre giorni la serranda s'abbassa, e al momento l'Inter non solo non si è rinforzata, si è addirittura indebolita visto che il colombiano fa la calzetta in tribuna e che Belfodil è a un passo dal Qpr.
Robe da matti, e il paradosso è che il re della comunicazione per sua stessa ammissione (Thohir) è vittima di un clamoroso errore... di comunicazione. Vuoi Vucinic e soprattutto lo vuole Mazzarri? "Mostralo" al tuo pubblico, fallo sembrare più bello di quel che è, spiega che hai le idee chiare, che farai questa operazione con la convinzione che sarà un bene per l'Inter, che metterai sul piatto Guarin e che sai quello che fai, racconta delle balle con la certezza che al primo gol del montenegrino i tifosi seppelliranno l'ascia di guerra. Soprattutto, mettici la faccia, porca miseria.
E invece no: all'Inter si cerca il colpo sottobanco senza essere troppo convinti di quel che si fa, si rimane interdetti di fronte alla contestazione della piazza, si blocca l'operazione salvo poi cambiare idea a mercato praticamente chiuso. Un doppio errore clamoroso perché: o vai per la tua strada da subito (opzione consigliata), o quantomeno non torni sui tuoi passi sette giorni dopo. Questione di credibilità.

Per dire, Seedorf. Non sappiamo se l'olandese diventerà un allenatore con la A maiuscola, sappiamo che di sicuro ha idee chiarissime e discreta dose di culone che non fa mai male. Ha imposto al Milan il "modulo presidenziale" ben sapendo di rischiare molto. Se ne frega se l'ambiente dice "non lo fare, pazzo culone!", se non ha gli interpreti per giocare all'arrembaggio, se il rischio è quello di vedere il campione del mondo Amelia in imbarazzo perché vorrebbe sparare la palla in tribuna tipo rugby ma deve rispettare le consegne ("il pallone non si butta mai"). Seedorf se ne frega di tutto e tutti perché ha un obiettivo da perseguire prima di ogni altro: far credere ai giocatori del Milan di essere giocatori "da Milan".
In più lavora anche fuori dal campo, con la certezza che c'è chi lo ascolta (il Berlusca nel caso specifico). E allora arriva Essien (per la verità già sondato a suo tempo da Galliani), forse arriverà pure Paletta, difensore ipervaluato ma certamente valido. Patron Ghirardi l'ha bloccato a parole, nel caso si tenterebbe in extremis per il vecchio pallino Vidic. Per la porta si corteggia Agazzi, in ballottaggio con Marchetti ma solo a giugno. Curioso infine il siparietto dell'altro giorno. Galliani: "Il mercato è chiuso". Seedorf: "Mi aspetto ancora qualcosa dal mercato". Secondo voi chi vincerà?

Chiusura sulle duellanti per lo scudetto. Intanto i "soliti" complimenti a Sabatini. Walter, sia chiaro, qui non siamo dell'altra sponda, ma tu sei un fenomeno anche se fumi come un turco alla sagra del tabacco: Sanabria, attaccante classe 1996, arriva dal Barcellona e sarà prestato al Sassuolo; con lui un turco vero, Ucan, regista classe 1994 del Fenerbahce. Come dire: il mercato estivo si fa a gennaio, quello di gennaio si imposta a dicembre, mica a carnevale con la trombetta e i coriandoli nelle mutande.
La Roma, insomma, non lascia nulla di intentato, anche se sa di avere a che fare con la Juve bestiale di sabato sera, capace di un secondo tempo incredibile e illuminata dalla gag del secolo in conferenza stampa: Conte prende pause che neanche Celentano ai bei tempi e nel giorno del compleanno dell'illuminato Josè prova a raccoglierne l'eredità. Forse era arrabbiato per la fuga cinese di Biabiany, forse per le birichinate di Super Gigi Buffon, forse perché ha saputo che Thohir domenica non sarà allo stadio e avrebbe tanto voluto stringergli la mano.
Che poi, Thohir: c'è Juve-Inter e tu te ne torni a casa? Ma dico io, allora te le cerchi... (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.