VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Thohir, da ingenuo cerbiatto ad affinato stratega, l'era Moratti va agli archivi...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Direttore Calcio2000, vanta collaborazione con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni.
16.04.2014 00:00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 33127 volte
Thohir, da ingenuo cerbiatto ad affinato stratega, l'era Moratti va agli archivi...

Mai fidarsi delle apparenze. Ad osservarlo di sfuggita, Thohir, ammettiamolo, sembra più un ristoratore di mezza tacca che un lungimirante imprenditore con la passione per il football. Come se non bastasse, il suo esordio nel calcio italiano, dove tutti pensano e ragionano come se fossero allenatori da Champions League a mani basse, non era stato dei migliori: "Il mio idolo? Ventola...", aveva detto, lasciando tutti a bocca aperta e, soprattutto, perplessi sulle reali conoscenze calcistiche del neo presidente della Beneamata. Abituati ad un "zio" come Moratti, sempre pronto a mettere in pole position la sua anima da tifoso, piuttosto che l'intelletto da imprenditore, i tifosi hanno arricciato il naso. "Ma da dove arriva questo? Dove finiremo con l'indonesiano alla guida?". Domande lecite... Cerbiatto facilmente ingannabile e manovrabile o ghepardo, abile e preparato. A gennaio, il colpo Hernanes ha rincuorato buona parte del popolo interista ma, il vero numero da fuoriclasse, Thohir lo sta escogitando, nell'ombra, in queste settimane. Senza proclami ma misurando ogni parola nei suoi comunicati stampa (lontani i tempi in cui Moratti scendeva in piazza e raccontava i suoi pensieri senza nessuna bavaglia...), il tycoon, appellativo che mi evoca più l'idea di un pacchetto di patatine ma che va di moda, sta rivoluzionando l'Inter. Poco alla volta, gli eroi del Triplete stanno, mestamente, preparando le valigie. I vecchi condottieri, dai Samuel fino ai Cambiasso, passando per i Zanetti e Milito, quelli che hanno reso immortale Massimo Moratti, sono al passo d'addio. Poca riconoscenza? No, strategia da vero presidente, mettendo in cantina l'impeto da tifoso. Quando acquisti una casa, tra l'altro spendendo fiori di quattrini, è impensabile che tu decida di mantenere la stessa mobilia e o carta da parati, no? Bene, Thohir, signorilmente, sta salutando gli adepti di Moratti per dare vita alla sua Inter, quella che piace a lui... Ecco, quindi, che, il prossimo anno, la rosa nerazzurra sarà diversa, completamente, proprio perché l'Inter di Thohir è diversa. Moratti, da primo tifoso dell'Inter, ha vinto tutto, Thohir spera di emulare l'ex presidente senza innamorarsi troppo della sua creatura ma trasformandola in un'azienda. Tanti lasceranno, il cuore del popolo si stringerà per qualche addio ma è l'unica soluzione, o meglio, è la soluzione di Thohir... C'è un solo grande dubbio e si chiama Mazzarri. In coro, tutte le parti in causa continuano a dire che sarà lui a guidare la nuova Inter, lui, un allenatore scelto da Moratti e non da Thohir. Una scelta controcorrente? No, forse anche Thohir, come chiunque compra una casa nuova, vuole lasciare nel salotto un ricordo di chi l'ha preceduto, almeno fino a quando arriverà l'imbianchino per riverniciare e, a quanto pare, la chiamata potrebbe arrivare in tempi brevi...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.