VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Thohir: fra Dzeko, Torres e Morata, uno arriverà. Juve: Cavani più Tevez o Cavani meno Tevez. Roma: il progetto è Dybala con Iturbe. Milan: progetto di centrocampo tecnico. Inzaghi, modello Montella

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
18.04.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 44342 volte

Il titolo su Thohir va subito spiegato ai deboli di cuore. Tranquilli, niente di vero e niente di attuale. Basta fare una cosa semplice semplice: andare sul noto motore di ricerca. Cliccate questo titolo e vi apparirà l'intenzione del presidente nerazzurro del 28 Aprile 2014. Sta per compiere un anno quell'apertura ad uno fra Dzeko, Torres e Morata. Alla fine arrivò Osvaldo…in prestito…Però l'annuncio di un anno fa ha valore simbolico ancora oggi. L'Inter più mediatica voluta da Erick Thohir è questa: più annunci, più aggressività nelle voci di mercato da far trapelare. I titoli a tutta pagina danno esposizione al Club e agli sponsor. E di ricavi, come tutti, ma in particolare, l'Inter è alla costante ricerca. Il riferimento a Dzeko, Torres e Morata non vuole essere polemico o tanto meno provocatorio. Una pura e innocente istruzione per l'uso. Se un anno dopo Dzeko, Torres e Morata si fa cenno a Dybala, Jovetic e Yayà Tourè, è sufficiente fare mente locale, aggiungere o sottrarre qualche spanna e dedurre che di buona volontà e di voglia di emergere il presidente Thohir ne dispone in abbondanza. Poi però ci sono gli ingaggi, le coppe europee, i cartellini, i bilanci, il fair play e gli osvaldi.

Una vocina ci sussurra che il rinnovo del contratto dell'ottimo direttore Marotta sia legato alla brillantezza con cui il navigato, e giovane al tempo stesso, dirigente bianconero ha saputo affrontare e sistemare due pratiche eccellenti, come Cavani e come Tevez. Nel senso che uno arriva e l'altro resta. Resta da verificare se quella vocina sussurra ancora, oppure se sussurrava. Perché le ultime ipotesi di mercato su Carlitos sulla china del ritorno al Boca, sono di quelle pesanti, sono di quelle che contano. Vicende così grosse sono determinate da scenari altrettanto imponenti. Ovvero, la Champions League. Un Tevez trattenuto controvoglia non è il massimo della vita per la Juventus. Ma una Juventus che dovesse far bene anche nel ritorno nel Principato e dovesse essere protagonista di una grande Semifinale e, hai visto mai, della Finale di Champions League, potrebbe convincere Tevez a riprovarci l'anno dopo. Con la ciliegina sulla torta del viaggio del Matador da Parigi a Torino. Perché Carlitos di Champions ne ha vinta una, ma non era la sua, era di Cristiano Ronaldo la Coppa di quella notte di Mosca del 2008…

Anche qui, la Storia insegna. O quantomeno, se non proprio la Storia, almeno il recente passato. Tutti ricordiamo lo scenario di un anno fa attorno al crack del Verona: Juan Iturbe. Sembrava un affare fra Juventus e Milan. Prima favoriti i rossoneri, poi i bianconeri, grandi previsioni sull'ora dell'annuncio ufficiale da parte dell'una o dell'altra squadra. In quelle stesse frenetiche ore di mercato, un certo Walter Sabatini era certo che invece alla fine Iturbe l'avrebbe preso lui. Bene, un anno dopo la stessa ammuina riguarda Dybala. Juventus o Inter, o se preferite Inter o Juventus, Dybala ad una delle due. E se invece il leone giallorosso, scottato da Destro, da Doumbia e da Ibarbo e dalle relative critiche, decidesse di dare una nuova zampata a sorpresa? Soprattutto se la Roma dovesse prevalere sulla Lazio per la Champions League e a maggior ragione se sullo stesso Iturbe tornassero a farsi sentire le sirene dell'Arsenal. Dalla sua Palermo, Zamparini ha abituato tutti a grandi sorprese. E una vera e grande operazione con la Roma, di quelle alla Cavani o alla Pastore, non l'ha ancora fatta…

Il fatto che il Milan si prepari a ragionare con il Chelsea di Marco Van Ginkel, un suo senso ce l'ha. Le cose potrebbero andare più o meno così: ci siamo messi d'accordo un anno fa per fare maturare il ragazzo e per metterlo alla prova. A causa di un po' di sfortuna, delle obiettive necessità di ambientamento e di un paio di infortuni di troppo, la maturazione è iniziata solo nel finale di stagione. A questo punto, con il ragazzo già integrato (durante il mercato di Gennaio, Van Ginkel ha voluto andare avanti con il Milan nonostante quel brutto infortunio in allenamento di dicembre, quando tutto sembrava accanirsi contro di lui e un ritorno a Londra sembrava la cosa più naturale del mondo), varrebbe la pena rinnovare il prestito, nell'interesse del Milan e del Chelsea, e portare con decisione a completamento la crescita, lo svezzamento dell'interessantissimo centrocampista olandese. Che non è ancora da top club di Premier League ma che fra un anno potrebbe assolutamente esserlo. I rapporti fra Milan e Chelsea, vedi l'ok dato ai Blues a Gennaio alla liberazione di Fernando Torres verso l'Atletico, sono buoni, diretti e collaudati. Si potrebbe fare. E con il buon Marco, il Milan potrebbe iniziare la costruzione di quel centrocampo, giovane e tecnico, sbarbato, fluido, in grado di tenere la palla con personalità e di provare a riconquistarla senza strafalcioni, che è nei progetti rossoneri.

Filippo Inzaghi sta pensando, davvero e senza infingimenti per uno di casa come lui, a due cose e due cose soltanto: finir bene la stagione e preparare il Milan della prossima stagione. Una piccola listarella della spesa, nei desideri inconfessati di Superpippo, c'è già. A partire, vedi qualche riga qui sopra, proprio dal centrocampo. Dal canto loro, il presidente Berlusconi e Galliani appaiono seriamente orientati sul non buttare a mare tutto il lavoro e l'esperienza, anche negativa ma pur sempre esperienza, fatta da Inzaghi in questa stagione travagliata e, a Gennaio e Febbraio, contradditoria. E' tutto vero e ci sta tutto. Ed è tutto alla prova, come sempre, del campo e dei risultati. Un elemento in più, utile proprio a Inzaghi, su quello che desiderano davvero i vertici rossoneri, proprio per tutti questi motivi, è però giusto aggiungerlo, soprattutto con spirito di servizio. Anche perché Inzaghi dimostra sul campo, vedi palle inattive (lo diciamo a voce bassissima, vista la partita di domani sera…), di saper lavorare sugli errori e di correggerli. Un grande Club con il gusto della tecnica come il Milan, non può in ogni caso non gradire uno come Vincenzo Montella. Che, sia ben chiaro, resterà alla Fiorentina anche per le prossime stagioni. Ma il tecnico viola, per come tutela e motiva i giocatori (in questo lo stesso Inzaghi ha ottenuto ottimi risultati), per come li difende in tutte le esternazioni, per come gioca, per come tiene la palla, per come dimostra di essere "avanti" sul piano tecnico e umano in tutte le cose che dice e che fa, è un utile punto di riferimento. Il Milan vorrebbe arrivare lì, nel veder crescere e maturare Inzaghi, come in effetti sta avvenendo. E adesso, che derby sia.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.