VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Tifosi milanisti: Kakà sa tutto. Prandelli: El Shaarawy c'è! Balo: Frey "perdonato". Mazzarri: contatto Mancini. Juventus: Hummels come Barzagli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.04.2014 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 40742 volte

A Settembre i soliti illuminati, quelli che per non saper né leggere né scrivere ti appendono al muro una sentenza al giorno, avevano accusato il solito Milan della solita sceneggiata. Kakà finito, la logica dei sentimenti e della nostalgia giocata al posto di un mercato funzionale. Bene, grazie per la lezione. Ma le cose non sono andate proprio così. Il "finito" è stato determinante fuori dal campo e continuo e positivo in campo e oggi la sola idea che il suo contratto biennale possa avere una conclusione traumatica e non naturale, entra nella vita dei milanisti come una lama. Qualche minuto di sonno in meno, qualche lacrimuccia in più. Bene, Kakà sa tutto. Conosce tutto questo e non ha alcuna intenzione, anzi è il contrario, di far soffrire i tifosi milanisti. Dunque, speriamo bene. Sperare si può, davvero. Il 2015 può attendere. In ogni caso la clausola del suo contratto esiste, e quando è così se ne parla. Delle "altre" di altri giocatori, inesistenti, abbiamo già scritto. Ma nessuna questione personale. La verità va detta per dare merito a chi ce l'ha. In questo caso, Seedorf. L'allenatore del Milan è stato giocatore fino a pochi mesi fa e vive e lavora per la tutela e la dignità dei giocatori, da sempre. Con Taarabt è stato fine psicologo, molto raffinato. Ha capito che lui, mai impiegato in tutta la sua carriera in Champions League, era veramente distrutto per l'eliminazione di Madrid per l'importanza che aveva dato alla gara, e gli ha consentito di rifiatare fisicamente e soprattutto psicologicamente contro Parma e Lazio. Taarabt è tornato molto bene contro Fiorentina e Chievo. Zero clausole, piuttosto un punto pesante a favore di Seedorf. Verificato, firmato e sottoscritto.

Due anni fa Antonio Cassano tornò in campo il sabato di Pasqua in Milan-Fiorentina e poi fece un ottimo Europeo. Stephan El Shaarawy potrebbe tornare il sabato di Pasqua contro il Livorno e magari fare un buon Mondiale. Ci permettiamo di segnalare, da questo nostro piccolo angolo di comunicazione, al Ct azzurro che Stephan ha una voglia spaventosa di calcio, di Milan e di Nazionale. Soffre anche per il Mondiale. Non merita, se torna bene, in forma e con gol, di pagare ancora quegli stramaledetti mesi da Marzo a Maggio 2013 in cui non ha segnato. Messaggio nella bottiglia, destinatario Cesare Prandelli.

Buon per il Chievo e buon per il ragazzo, ci mancherebbe. Ma ve lo immaginate, con la bomba mediatica che si sarebbe scatenata a parti invertite (e cioè calcio di Mario al giocatore clivense), se fosse mai stato possibile portare da 3 a zero le giornata di squalifica per la prova tv? La giustizia sportiva dovrebbe essere al netto del peso mediatico e giudicare episodio per episodio senza pregressi e pregiudizi. A maggior ragione in presenza di una squalifica di 3 giornate, fino ad oggi ridotte al massimo a due nella giurisprudenza del pallone. Ma il calcio lo aveva preso Balotelli, il Chievo non fa notizia ed ecco il miracolo. Lo stesso episodio, a parti invertite, non avrebbe mai goduto della riduzione. E' triste, ma è così.

E' normale che un grande Club si tenga informato durante la stagione di tutto e tutti. Ed è in quest'ottica che va collocato il contatto, che c'è stato, fra Inter e Mancini. Semplice saluto, semplice ricognizione. Nulla di definitivo, molto di interlocutorio. Ma intanto c'è stato. Roberto Mancini, che tornerebbe all'Inter anche se non dovessero fargli un grande mercato, è stato perlustrato. Per il momento, quindi, Mazzarri. Ma con tutto il rispetto, non per la sua storia. L'attuale tecnico nerazzurro ha una sua storia di lavoro e professionalità, ma non di risultati. Perché in un grande Club l'unico risultato è la vittoria in un trofeo pesante. E con tutto il rispetto per la sua buonissima carriera, quando entri nello spogliatoio di una grande quello che hai fatto prima conta pochissimo se non nulla e conta invece solo quello che si fa da quell'attimo in poi. E quello che sta facendo Mazzarri all'Inter è oggetto di una rispettosa ma vivace discussione.

Antonio Conte e la Juventus hanno costruito la loro difesa su un centrale proveniente dal campionato tedesco, Andrea Barzagli, dal Wolfsburg. La storia è ciclica e potrebbe ripetersi. Dovesse concludersi non al meglio la stagione del Borussia Dortmund e dovessero maturare le condizioni economiche, la Juventus potrebbe andare davvero su Mats Hummels, 26eienne difensore tedesco del Borussia e della Nazionale tedesca. Quest'anno Barzagli, professionista impeccabile e ragazzo d'oro, ha sofferto non poco per problemi fisici e nel suo ruolo la società bianconera si sta guardando attorno con decisione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan-Inter: derby senza soste. Allegri il cannibale: è a Cardiff, ma pensa a Doha. Chelsea: Antonio Conte come Diego Costa. Inter: i casi Medel e Gagliardini 13.05 - Il Milan tira dritto in silenzio. Lavora di giorno sotto la luce dei riflettori di Casa Milan e di notte, senza luci e senza riflettori. E forse quando si tireranno le fila del mercato estivo rossonero, si scoprirà che si è trattato di notti produttive. Degna di nota, esattamente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.