VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Tifosi milanisti: Kakà sa tutto. Prandelli: El Shaarawy c'è! Balo: Frey "perdonato". Mazzarri: contatto Mancini. Juventus: Hummels come Barzagli

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
05.04.2014 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 40742 volte

A Settembre i soliti illuminati, quelli che per non saper né leggere né scrivere ti appendono al muro una sentenza al giorno, avevano accusato il solito Milan della solita sceneggiata. Kakà finito, la logica dei sentimenti e della nostalgia giocata al posto di un mercato funzionale. Bene, grazie per la lezione. Ma le cose non sono andate proprio così. Il "finito" è stato determinante fuori dal campo e continuo e positivo in campo e oggi la sola idea che il suo contratto biennale possa avere una conclusione traumatica e non naturale, entra nella vita dei milanisti come una lama. Qualche minuto di sonno in meno, qualche lacrimuccia in più. Bene, Kakà sa tutto. Conosce tutto questo e non ha alcuna intenzione, anzi è il contrario, di far soffrire i tifosi milanisti. Dunque, speriamo bene. Sperare si può, davvero. Il 2015 può attendere. In ogni caso la clausola del suo contratto esiste, e quando è così se ne parla. Delle "altre" di altri giocatori, inesistenti, abbiamo già scritto. Ma nessuna questione personale. La verità va detta per dare merito a chi ce l'ha. In questo caso, Seedorf. L'allenatore del Milan è stato giocatore fino a pochi mesi fa e vive e lavora per la tutela e la dignità dei giocatori, da sempre. Con Taarabt è stato fine psicologo, molto raffinato. Ha capito che lui, mai impiegato in tutta la sua carriera in Champions League, era veramente distrutto per l'eliminazione di Madrid per l'importanza che aveva dato alla gara, e gli ha consentito di rifiatare fisicamente e soprattutto psicologicamente contro Parma e Lazio. Taarabt è tornato molto bene contro Fiorentina e Chievo. Zero clausole, piuttosto un punto pesante a favore di Seedorf. Verificato, firmato e sottoscritto.

Due anni fa Antonio Cassano tornò in campo il sabato di Pasqua in Milan-Fiorentina e poi fece un ottimo Europeo. Stephan El Shaarawy potrebbe tornare il sabato di Pasqua contro il Livorno e magari fare un buon Mondiale. Ci permettiamo di segnalare, da questo nostro piccolo angolo di comunicazione, al Ct azzurro che Stephan ha una voglia spaventosa di calcio, di Milan e di Nazionale. Soffre anche per il Mondiale. Non merita, se torna bene, in forma e con gol, di pagare ancora quegli stramaledetti mesi da Marzo a Maggio 2013 in cui non ha segnato. Messaggio nella bottiglia, destinatario Cesare Prandelli.

Buon per il Chievo e buon per il ragazzo, ci mancherebbe. Ma ve lo immaginate, con la bomba mediatica che si sarebbe scatenata a parti invertite (e cioè calcio di Mario al giocatore clivense), se fosse mai stato possibile portare da 3 a zero le giornata di squalifica per la prova tv? La giustizia sportiva dovrebbe essere al netto del peso mediatico e giudicare episodio per episodio senza pregressi e pregiudizi. A maggior ragione in presenza di una squalifica di 3 giornate, fino ad oggi ridotte al massimo a due nella giurisprudenza del pallone. Ma il calcio lo aveva preso Balotelli, il Chievo non fa notizia ed ecco il miracolo. Lo stesso episodio, a parti invertite, non avrebbe mai goduto della riduzione. E' triste, ma è così.

E' normale che un grande Club si tenga informato durante la stagione di tutto e tutti. Ed è in quest'ottica che va collocato il contatto, che c'è stato, fra Inter e Mancini. Semplice saluto, semplice ricognizione. Nulla di definitivo, molto di interlocutorio. Ma intanto c'è stato. Roberto Mancini, che tornerebbe all'Inter anche se non dovessero fargli un grande mercato, è stato perlustrato. Per il momento, quindi, Mazzarri. Ma con tutto il rispetto, non per la sua storia. L'attuale tecnico nerazzurro ha una sua storia di lavoro e professionalità, ma non di risultati. Perché in un grande Club l'unico risultato è la vittoria in un trofeo pesante. E con tutto il rispetto per la sua buonissima carriera, quando entri nello spogliatoio di una grande quello che hai fatto prima conta pochissimo se non nulla e conta invece solo quello che si fa da quell'attimo in poi. E quello che sta facendo Mazzarri all'Inter è oggetto di una rispettosa ma vivace discussione.

Antonio Conte e la Juventus hanno costruito la loro difesa su un centrale proveniente dal campionato tedesco, Andrea Barzagli, dal Wolfsburg. La storia è ciclica e potrebbe ripetersi. Dovesse concludersi non al meglio la stagione del Borussia Dortmund e dovessero maturare le condizioni economiche, la Juventus potrebbe andare davvero su Mats Hummels, 26eienne difensore tedesco del Borussia e della Nazionale tedesca. Quest'anno Barzagli, professionista impeccabile e ragazzo d'oro, ha sofferto non poco per problemi fisici e nel suo ruolo la società bianconera si sta guardando attorno con decisione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.