VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Top e flop: Nani-Inter, non c'erano tracce. La Juve lo marca e si gode Osvaldo. C'è il mago della meglio gioventù. Ghoulam, bravo Napoli. Tanto fumo di Cina. E Cannavaro...

02.02.2014 00.00 di Alfredo Pedullà  Twitter:    articolo letto 37357 volte
© foto di Federico De Luca

Inutile stare troppo a sottilizzare, il mercato è già ripartito. Luglio non è mai lontano quando hai le idee chiare: la Roma cercherà di chiudere presto Souttar e Gauld, il Torino ha già prenotato Aguirre e chissà quante altre cose accadranno. Ma adesso è giusto fare un riepilogo delle ultime puntate: qualcuno in cattedra, qualche altro dietro la lavagna, qualche altro ancora in stand-by. Del resto, impossibile che ci siano dieci migliori della classe. La selezione è spesso automatica. L'importante che non ci sia un solo Coppi con il gruppo lontano anni luce. Sarebbe triste e sconfortante.

I TOP - La Juve sa sempre quello che fa e come lo fa. E Conte ha messo l'ennesimo timbro: aveva cinque attaccanti in organico, non ci ha pensato mezza volta e ha aperto le porte a Osvaldo pur in assenza di possibilità di cedere uno tra Quagliarella e Vucinic. Il signor Osvaldo, che torna con motivazioni forti, è costato un pugno di noccioline. Il riscatto è alto? Ma cosa volete che importi alla Juve, intanto si mette a disposizione per quattro mesi, poi vediamo cosa succede.
Un top è indiscutibilmente Walter Sabatini, il mago della meglio gioventù. Il diesse ha fatto la collezione dei più promettenti talenti per il futuro, facendo intravedere una Roma sempre più competitiva per la stagione 2017-2018 o giù di lì. La semina è stata talmente buona, tra un Paredes e un Sanabria, che al massimo può bucarne un paio. Tuttavia se indovinasse il 70 per cento delle operazioni-gioventù la svolta sarebbe assicurata. Non contento, Sabatini ha gestito nel migliore dei modi la vicenda Pjanic, ha preso finalmente Nainggolan con il ruggito di un giaguaro, si è assicurato Toloi liberandosi di qualche ingaggio pesantissimo. Cosa avrebbero dovuto chiedergli di più?
Impossibile dimenticare i numeri del Sassuolo che ha ribaltato la squadra con una disponibilità-rapidità invidiabile. Spiace solo che sia stata gestita male la vicenda allenatore, Di Francesco avrebbe merito maggiore riconoscenza, anche in presenza di una decisione ormai presa (l'esonero). Il Sassuolo cercava la svolta da tempo, sarebbe bastato fare una carezza in più a chi aveva centrato, in serie B, uno storico trionfo.
Molto bene la Fiorentina che ha risolto in pochi giorni problemi evidenti tra centrocampo e attacco, quando le idee sono chiare, gli effetti sono immediati. Tra le operazioni migliori inserisco Ghoulam: mi piace moltissimo, piace a molti addetti ai lavori, mi stupirei se non sfondasse definitivamente in Italia, ha qualità di primissimo livello.

I FLOP - Nani all'Inter era un illusionismo buttato lì, senza senso e senza grossi riscontri. Non ci sono stati mai grossi margini, più o meno come non c'erano margini per la conferma di Stramaccioni la scorsa estate. Al massimo c'è stato un rapidissimo sondaggio Milan. Ora Nani sta bene dove sta e magari pensa alla Juve per la prossima estate. Ma l'Inter no, un flop (giornalistico) più o meno come quello di aver mandato D'Ambrosio con certezza al Milan, sappiamo bene com'è andata a finire. Incomprensibile l'atteggiamento del Guangzhou: voleva organizzare la spesa in Italia, ha fatto soltanto confusione che neanche un club di quarta fascia. Riepilogando: vuoi Diamanti e ti presenti senza garanzie, mandando in avanscoperta gente che ha alzato fumo dimostrando improvvisazione. Adesso ci sta tutto, anche che Diamanti torni di moda tra qualche giorno, ma sinceramente non si riesce a capire come potrebbe il Bologna rinunciare al diamante migliore in piena lotta per la salvezza com'è.
Ci sono poi errori che si ripetono. Per esempio, quello dell'indifendibile Lotito che dice "con 17 milioni non acquisti neanche uno scarpino di Hernanes" e qualche giorno dopo lo cede. Con Reja, che ha la mia comprensione, magari ignaro ad assistere. Al punto da dichiarare: "Il presidente mi ha garantito che resterà". E circa 100 ore dopo un sibillino "scusate, ma di Hernanes preferisco non parlare". Sapevano che lo stavano impacchettando, destinazione Inter. La cosa più grave è che Lotito non abbia pensato per tempo a un sostituto all'altezza. Come se i tifosi, pronti ad essere invocati in caso di necessità, fossero marionette da manovrare a distanza. Incomprensibile, ma mi rendo conto che ci vorrebbe un aggettivo migliore/peggiore. E poi, una domanda: perché in tanti rifiutano la Lazio?
Un altro flop ci sarebbe: dedicato a chi ha assistito all'addio di Paolo Cannavaro in modo freddo, senza un minimo di partecipazione, a parte qualche parola di circostanza. Ovviamente sull'argomento in qualche caso scende il silenzio, opportuno e di circostanza (degno dei maghetti like). Ma io penso proprio che il Napoli avrebbe dovuto e potuto congedarsi diversamente da un innegabile protagonista della Rinascita, ora pronto per il Sassuolo. Indipendentemente dalle valutazioni sul difensore, mi sarebbe piaciuta una celebrazione dell'uomo. Peccato.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

100 milioni per Belotti ma Dani Alves è costato 0. L'Inter vuole Conte, il Milan doveva rinnovare per Donnarumma tre mesi fa. La stampa si merita i lettori che ha... e viceversa 14.05 - È stata una settimana molto piena. Il Milan incomincia a tirare fuori le cartucce e incontra mezzo mondo, l'Inter esonera Pioli mentre la Juventus va a Cardiff, il Torino non vorrebbe cedere Belotti ma Cairo incomincia a contare i soldi, la Roma saluta Totti con l'omaggio di San Siro,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.