VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Totti e De Sanctis da deferire. Juve, Vidal via a gennaio e Nastasic in arrivo... Derby con l'Inter per Lavezzi. Corvino verso Bologna

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
17.10.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 33032 volte
© foto di Federico De Luca

Dei veleni dopo Juve-Roma, quindici giorni dopo, e non se ne può davvero più. L'unico che è uscito da vero signore è il presidente della Roma Pallotta mentre per tutti gli altri tesserati che sono andati fuori dal seminato e dalle righe aspettiamo ancora il deferimento alla Procura Federale.

Come si può pretendere un comportamento moderato dai tifosi quando campioni come Totti oppure giocatori esperti come De Sanctis si lasciano andare a dichiarazioni che oltre ad essere lesive di altri tesserati sono autentici fiammiferi buttati sulle curve già caldissime.

E' di cinque mesi fa la tragedia di Roma, l'agguato finito con il morto tra ultrà napoletani e romanisti, si preparano con certe parole incontri delicatissimi? Cosa potrà succedere nel ritorno di Roma-Juve a questo punto andrebbe chiesto proprio ai due romanisti, ma anche a tutti quei giocatori, juventini compresi, che in campo hanno tenuto comportamenti assolutamente inadeguati. Qualcuno dovrà poi anche spiegare perché gente come Borja Valero qualche mese fa dopo una gara col Parma è stato squalificato per tre giornate per avere tirato l'arbitro Gervasoni per un braccio mentre durante Juve-Roma l'arbitro Rocchi è stato spinto e tirato a destra e sinistra senza provvedimento alcuno.

I giocatori conoscono solo le punizioni, invitiamo a provvedimenti severi per tutti quelli (dirigenti e atleti) che dicono e fanno cose poche etiche. I regolamenti ci sono, evitiamo che un campionato appena cominciato diventi una polveriera, il calcio non se lo può permettere.

Nel frattempo in casa Juve tiene banco il caso-Vidal. Il comportamento fuori dal campo del centrocampista è ormai ben oltre il livello di guardia e anche i potenziali acquirenti (le due squadre di Manchester ad esempio) sono diventati più cauti. Non sono disponibili a sborsare la cifra chiesta l'estate scorsa dalla Juventus (sessanta milioni) e l'affare si complica. La Juve non lo può dire, ma il giocatore è sul mercato. I dirigenti bianconeri sperano che qualche grosso club a gennaio abbia dei problemi a centrocampo e sia costretto a entrare sul mercato, a quel punto a Vidal sarebbe concesso il via libera anche a una cifra più contenuta rispetto alle richieste estive. La Juve deve reinvestire per un difensore e Nastasic sfuggito l'estate scorsa potrebbe essere un buon motivo per fare un giro di giocatori proprio con il Manchester City. Ma anche il Chicharito Hernandes con lo United è un affare che torna di moda. Per non parlare di Lavezzi per il quale si profila un derby con l'Inter. Nella lista di Mazzarri consegnata già l'estate scorsa a Thohir proprio l'ex napoletano era il primo tra i giocatori richiesti e il presidente indonesiano a già detto che a gennaio comprerà ancora.

A proposito di Napoli continuano a rincorrersi le voci su un interessamento della famiglia dello sceicco del Paris Saint Germain. De Laurentiis ha smentito qualsiasi ipotesi di cessione e dobbiamo credergli, però anche Moratti l'anno scorso ha continuato a negare la trattativa per la vendita dell'Inter fino a quando ha potuto. Alcune soffiate, ultima quella dell'entourage di Maradona proveniente direttamente dagli emirati, potrebbero far pensare invece che sotto-sotto qualcosa possa esserci. E nel calcio, lo sappiamo, le voci non nascono mai per caso. Comprare il Napoli per chi ha soldi da investire può essere sicuramente un affare perché la società ha conti in regola, il parco-giocatori è ottimo, c'è uno stadio da costruire. Cedere in queste condizioni potrebbe essere un affare anche per De Laurentiis che può strappare una grande plusvalenza proprio perché la società (merito suo) è sana. Tra l'altro il comportamento tenuto l'estate scorsa dall'imprenditore cinematografico è stato abbastanza strano. Nel momento in cui c'era bisogno di investire per fare l'ultimo saldo per raggiungere Juve e Roma, non l'ha fatto. Come se non avesse più voglia di metterci soldi, pensando di lasciarlo fare a qualche altro, come se la sua spinta propulsiva dopo dieci anni fosse finita. Tornando alla pista araba, non ultima ci sarebbe la conoscenza tra gli sceicchi del Psg e De Laurentiis per i colpi Cavani e Lavezzi, due importanti affari di mercato conclusi negli anni scorsi. Dunque, ci può stare tutto.

La situazione è da tenere sotto controllo perché certe operazioni non si fanno in un giorno e di solito (Inter docet) covano sotto la cenere dei controlli dei bilanci, dei commercialisti e delle banche per mesi. Vedremo.

Intanto a Bologna sono arrivati gli americani. Socio di Joe Tacopina è Joey Saputo e questo ci porta a Pantaleo Corvino. Saputo e Corvino si conoscono bene in virtù di una tournee in Canada e negli Stati Uniti della Fiorentina quando il direttore sportivo era in viola. Tra i due c'è grande feeling e Corvino potrebbe essere l'uomo giusto per la rifondazione tecnica della società, settore giovanile compreso. La pista è aperta, si tratta. Tratta anche Galliani con il Boca Junior per portare in Italia forse già a gennaio il difensore di 22 anni Lisandro Magallan. Costo dell'operazione appena due milioni, gli esperti dicono che l'argentino ha qualità e grandi doti atletiche. Vedremo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.