VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Totti eterno, fa parlare il campo. E la società ora risponde che...

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
21.04.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 27988 volte
© foto di Federico De Luca

Ora c'è da divertirsi. Totti non diverte soltanto in campo, i tifosi della Roma (un po' meno quelli del Torino), ma ora diventa divertente, eccome, anche la vicenda fuori dal campo.
Già nell'ultima settimana non si era parlato d'altro: ora sarà inevitabile continuare a parlarne. Totti sì, Totti no. Totti dal primo, Totti a gara in corso. Totti o Spalletti. Totti ancora un anno a Roma.
L'unica cosa certa è che Totti continuerà a giocare. Dove ancora non si sa, ma continuerà a farlo. Lui sul mercato non si è messo ma ci sono già un bel po' di offerte che stanno cominciando ad arrivare, una su tutte quella dei Cosmos, a New York. Totti per ora sta in silenzio. Con tutti. Si lascia abbracciare dai compagni, non un comportamento fuori posto, sopra le righe. Viene soffocato dalla squadra in occasione del 2-2, saluta i tifosi, un gesto e una parola (un "ti amo", probabilmente) ai fotografi e alle telecamere. Poi silenzio. Selfie e autografi quando esce dallo stadio. Ma Totti non parla. Non parla alle tv quando sarebbe sicuramente stato il migliore in campo. Non parla perché fa parlare il campo. Non parla chissà forse perché proprio le sue dichiarazioni (al Tg1, sembra passata una vita) hanno dato il via a questo balletto sul rinnovo del suo contratto.
Ora la vera domanda non è cosa farà Spalletti. Spalletti decide in base a quello che vede, a quello che sono le sue convinzioni calcistiche, alle sue percezioni durante la settimana. Si prende le sue responsabilità e decide di utilizzarlo al meglio. O almeno secondo quello che lui ritiene sia il meglio. Sarebbe bello poter parlare soltanto di questo. Totti dovrebbe giocare di più? O va bene gestito così? E' una questione di tenuta atletica oppure tecnica e basta? Già questo basterebbe per tenere viva l'attenzione. Spalletti parla, argomenta. A volte si può essere d'accordo con quello che dice, alle volte alcune dichiarazioni sembrano eccessive, troppo dure nei confronti di chi comunque è la storia della Roma. Anche ingombrante, d'accordo. Ma pur sempre la storia. Totti in silenzio fa parlare il campo. Ma lo scontro diventa totale non per l'utilizzo o meno del giocatore. Questa sarebbe solo una questione di campo e nessuno potrebbe mai risolverla, perché poi diciamolo, ogni allenatore avrebbe la sua versione. Pensate i milioni di tifosi.
Quello che sinceramente manca è una comunicazione chiara da parte della società. Noi sappiamo, da sempre, che Pallotta ha deciso che questo per la società è sempre stato l'ultimo anno di Totti dalla Roma. Ma non l'ha mai detto nessuno. Nessuno apertamente. E allora dopo queste ultime 3 partite, almeno, la situazione non può non riaprirsi. Totti ha dimostrato di essere decisivo, eccome, per la Roma e per il pubblico. Non si può non tenerne conto. Del Piero quando andò via dalla Juventus continuò a segnare, ma il presidente Agnelli, prendendosi una responsabilità importante ma che comunque gli spettava, aveva detto che sarebbe stato quello l'ultimo anno di Del Piero alla Juve. E Del Piero lo ha onorato alla grandissima, da grandissimo giocatore e professionista quale è sempre stato.
Totti vive una situazione unica (o quasi). Lui ha sempre scelto la Roma. Anche se avrebbe potuto andare anche altrove, a vincere di più. Non lo ha fatto consapevolmente. Uno dei migliori calciatori in assoluto ha fatto una scelta di vita. Ora se lui avesse giocato male, non fosse stato così decisivo il problema forse si sarebbe posto soltanto moralmente. In realtà adesso si pone anche tecnicamente. Questa Roma senza Totti (volendo fare un calcolo sommario) avrebbe perso con il Bologna, con l'Atalanta e con il Torino. Avrebbe 5 punti in meno, solo in queste ultime 3 partite. Significa no Champions. Quindi la domanda è legittima e spontanea, non solo popolare. Siamo sicuri che Totti non serva davvero più alla Roma?
Ora Pallotta è ancora convinto che il prossimo anno il contratto a Totti non sia utile?
Le parole che arrivano dagli Stati Uniti sono sempre dolcissime, e si continuano a non fare riferimenti al futuro del giocatore. Qui non si tratta più di dover anteporre la squadra al totem, non si tratta più di non dover fare favoritismi o vivere di rendita. Su questo Spalletti (come tutti gli allenatori) ha ragione e decide di conseguenza. Tutti, Totti compreso, devono sapere quali sono i principi che ha in testa il proprio allenatore. Le indiscrezioni che arrivano sono sempre le stesse: grazie ma niente contratto.
Ecco, se davvero venissero confermate queste indicazioni, ci vorrebbe finalmente che Pallotta lo dicesse apertamente. Con le modalità che vuole e con tutto l'affetto e la riconoscenza che ha sempre tributato al suo capitano. Totti ha già manifestato (sul campo e fuori) il suo pensiero. Vuole continuare a giocare, e vorrebbe farlo in giallorosso. Ora tocca alla società, anzi a Pallotta, mettere il punto, se davvero vuole.
Per chiudere un romanzo popolare decisamente interessante, ma forse poco utile alla Roma.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.