VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Tre petizioni: basta con le non esultanze, rispetto per il compleanno, fiducia nella tecnologia

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
11.02.2015 00:00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 25247 volte
© foto di Federico De Luca

Lo premetto: sarò piuttosto polemico in questo sfogo del mercoledì, perché di sfogo si tratta… Sto assistendo a situazioni grottesche, difficili da decifrare e comprendere. Parto con la sempre più diffusa moda delle "non esultanze". Ormai, ad ogni gol, bisogna sperare che il marcatore non abbia militato nella squadra che ha appena trafitto. Se ci ha giocato anche solo cinque minuti, il rischio della "non esultanza" è fortissimo, quasi certo. La motivazione è sempre la stessa: bisogna avere rispetto per i vecchi tifosi. E per i nuovi? Non ci pensa nessuno ai nuovi tifosi? Il gol è il massimo, sia per un giocatore ma pure per un tifoso. Vedere il proprio beniamino segnare e agitare le mani per far capire a tutti che non è il momento di esultare mi porta un fastidio enorme… Chi l'ha detto che non esultare sia la maniera migliore per rendere omaggio ai propri ex supporter? Lo si può fare in mille modi. Si possono ringraziare prima o dopo la partita, magari con un Tweet, forse con qualche bel gesto nella settimana che precede il match ma, signori, basta con le "non esultanze". Di questo passo, con tanti attaccanti che cambiano maglia ogni estate, non ci sarà più nessuno che festeggia in campo… Seconda questione: le feste di compleanno. In Spagna, a Madrid, sponda Real, si è levato un polverone per la scelta di Cristiano Ronaldo di festeggiare il suo 30esimo compleanno dopo la batosta, in campo, incassata dall'Atletico Madrid. Tutti indignati. CR7, secondo il popolo madridista, doveva andare a letto e riflettere tutta notte sulla sconfitta. Ma perché? Chi l'ha detto che tenere il muso lungo e gli occhi bassi è la "strategia" da adottare dopo una sconfitta? Magari pensare ad altro, cantare una canzone, gustarsi una fetta di torta può essere molto più salutare e fortificante, no? Personalmente, quando ho una giornata storta, mi piace l'idea d "staccare" per ripartire più forte il giorno seguente… Non credo che andarsene a letto senza magari la cena perché ho fatto il cattivo sia tanto da eroe… Ultimo tassello dell'horror quadro della settimana: la tecnologia. Non avevo mai sentito un dirigente, tra l'altro di altissimo livello, lamentarsi per il malfunzionamento della tecnologia o di chi pigia i bottoni che fanno funzionare il fuorigioco elettronico. Si è sempre detto che errare è umano, ora, però, si mette in dubbio anche la tecnologia. Chissà che avranno pensati gli operatori di Sky e Mediaset che, da anni, ci permettono, in tempo reale, di fotografare l'eventuale fuorigioco… Ora neppure loro sono affidabili. E allora che ce ne facciamo della moviola, se manco ci fidiamo della tecnologia che la dovrebbe rendere certa e indiscutibile? Meglio fare un passo indietro e non per una questione di prospettive…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.