VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Troppe polemiche, ci si mette anche Mourinho... Spalletti-Totti, uno è di troppo! Milan, Donnarumma resta.

15.03.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 25557 volte
© foto di Federico De Luca

La primavera è alle porte, speriamo che, con l’arrivo delle belle giornate, le menti più fumantine riescano a rilassarsi… Basta polemiche. Non mi interessa chi ha torto e chi ha ragione, so solo che stiamo esagerando (mi ci metto anche io). Seguiamo ogni partita con occhio clinico, pronti a dibattere su qualsiasi fallo dubbio, cambio amletico o frase, post match, discutibile. Perché? Ci raccontiamo che “… fa parte del nostro DNA”. Sarà ma, onestamente, non credo che sia il modo migliore per vivere il calcio… Per svuotare la mente di tutte le feroci polemiche che attanagliano la nostra amata Serie A, sono andato a vedere una gara di Allievi… Bello, divertente, tonificante, fino a quando un genitore non ha avuto la brillante idea di cominciare ad inveire verso l’arbitro (un ragazzino di credo 18 anni appena compiuti), reo di non aver mostrato un cartellino giallo per un fallo ai danni del suo amato figlio… Vero, “… fa parte del nostro DNA”. Non ce la facciamo proprio, non riusciamo a goderci il menù partita senza ingredienti, per noi vitali, come “mala fede”, “sudditanza”, “complotto” e via dicendo… Ecco perché, anche con stadi ultra moderni (se mai li avremo), saremo sempre un passo indietro al resto dell’Europa calcistica che conta… Mi potreste rispondere: nella Liga sta esplodendo il caso arbitri e in Inghilterra ci sono sempre più casi di “odio” tra allenatori, vedi l’ultimo faccia a faccia Mourinho-Conte. Allora mi sa che stiamo contagiando tutti…
basta riflessioni, passiamo ad altro. Primo pensiero proprio a Mourinho. Che ti succede caro Mou? Una volta era divertente la tua “crociata” contro tutto e tutti, ora sa tanto di battaglia contro un solo demone… Mou sembra schiavo del proprio personaggio. Fa di tutto per rimanere “Lo Special One”… Beh, nessuno resta all’apice per sempre… Bravo Conte a non fare un solo passo indietro, a conferma che certe gerarchie stanno cambiando… Mou è stato il migliore, Conte sarà, o forse lo è già, il migliore…
C’è un’altra questione che mi turba: il rapporto Spalletti-Totti. Ho sempre sottolineato l’incredibile eccellenza, come allenatore, di Spalletti. Non mi convince il suo operato extra campo. Gestire una leggenda non è mai semplice (ripensate al “trattamento Del Piero”) ma ritengo che si stia esagerando con Totti. Il Capitano è amico di Kobe Bryant ma non sono simili. Totti non ha cominciato questa stagione per fare il giro degli stadi, trotterellare per 10’, e salutare le folle. Se Spalletti considera Totti ancora un giocatore vero (come va dicendo), lo deve trattare da tale. La passerella non serve, non fa bene a nessuno dei due e fa venire il mal di schiena (e tanto altro che non si può ammettere). Ci sono solo due opzioni: 1) Totti è ancora un giocatore vero e, allora, va considerato al pari degli altri. 2) Totti non è più un giocatore vero e va mandato in tribuna, evitandogli passerelle e pochi minuti per bagnare la maglietta di gioco… Un fatto è certo: a fine stagione, le strade dei due Signori coinvolte si separeranno, non ho dubbi…
Parliamo anche di buone notizie. Donnarumma resterà al Milan. Fonti personali attendibili mi confermano che ha il cuore troppo rossonero per fare le valigie. Anche nell’eventualità di un Milan “piccolo”, Donnarumma ci sarà. Tutti sereni, Gigio non abbandonerà, almeno non nell’immediato…
Chiudo con la Lazio. Mea culpa. La scorsa estate, dopo il gran rifiuto del mio idolo Bielsa, l’avevo data per spacciata… Abbasso le orecchie e chiedo venia. Simone Inzaghi, insieme alla società, ha compiuto un lavoro eccezionale. Immobile, un altro che avevo bollato come finito, si è dimostrato un campione. Come mi ha spiegato l’amico Rambaudi, “… Immobile è perfetto per il gioco della Lazio, perché Inzaghi ha capito che uno così lo devi lasciar giocare”. Vero, verissimo. Quanti gioielli ha questa Lazio. Keita, Immobile, Milinkovic-Savic e pure Biglia (nonostante non sia più giovanissimo), tanto per citarne qualcuno. Curioso di vedere cosa accadrà in estate. A prescindere dalla conquista di un posto in Champions League o in Europa League, che farà Lotito? Venderà tutti al miglior offerente o li tratterà per una Lazio ancor più forte? Comunque, andrà, ci saranno polemiche, giusto?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.