VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Tutti i retroscena su Mancini. Moratti, Pellegrini, 100 milioni e una clausola per riprendere l'Inter. Milan, Pazzini-Okaka: no di Miha. Juve, ok Nastasic. Giovinco per Ilicic? Roma su Rugani dell'Empoli

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
21.11.2014 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 39745 volte
Tutti i retroscena su Mancini. Moratti, Pellegrini, 100 milioni e una clausola per riprendere l'Inter. Milan, Pazzini-Okaka: no di Miha. Juve, ok Nastasic. Giovinco per Ilicic? Roma su Rugani dell'Empoli

Moratti ha confermato di essere stato lui a consigliare a Thohir di rimettere Mancini sulla panchina dell'Inter, ma c'è di più: la telefonata al Mancio l'ha fatta proprio l'ex presidente in persona. E allora come mai Massimo Moratti poche settimane fa si è dimesso da presidente onorario e con lui tutti i suoi uomini, per poi tornare pesantemente a interessarsi dell'Inter. La storia è complicata e ruota tutta attorno alle vicende finanziarie. Moratti mai e poi mai avrebbe venduto l'Inter se non avesse avuto una pesante situazione economica da gestire e le banche che entro l'anno scorso chiedevano il rientro delle esposizioni. Mesi prima di vendere a Thohir aveva incontrato a Portofino l'ex presidente Pellegrini (un nome che ritorna) per cercare una soluzione italiana che gli consentisse comunque di avere più voce in capitolo. Tramontato questo tentativo, dopo mesi di trattative, Moratti ha ceduto ha Thohir al quale le banche hanno approvato un piano di risanamento a più lungo termine con la spalmatura e l'assunzione di nuovi impegni economici garantiti dal capitale dell'indonesiano. Moratti, in sostanza, l'ha fatto per salvare l'Inter. Nel contratto, però, c'è una clausola secondo la quale Moratti un giorno potrà tornare in possesso della sua amata società, naturalmente sostituendosi a Thohir negli impegni economici. Proprio per questo Moratti non è più il proprietario dell'Inter, ma oltre a detenere una quota del trenta per cento, sta sempre alla finestra per vedere quando e se un giorno sarà possibile trovare nuovi soci e (soprattutto) nuovi capitali per riprendersi la società. La crisi che investe anche il settore petrolifero e le raffinerie ha costretto la famiglia Moratti a non investire più sull'Inter, ma prima o poi il settore riprenderà e allora molte cose potrebbero cambiare. Non è un caso che in questi giorni sia tornato in ballo anche il nome di Ernesto Pellegrini che ha smentito la volontà di riprendersi l'Inter, ma il rapporto con Moratti è sempre forte e chissà, forse un giorno i due potrebbero anche mettere in piedi una cordata o una accoppiata vincente. Moratti, infatti, è contento dell'operazione fatta con Thohir che considera una persona seria. Avrebbe (è vero) pensato di contare di più nelle scelte, ma è convinto che le difficoltà di Thohir siano dovute alla distanza del nuovo proprietario e alle difficoltà che ha nel seguire le cose giorno dopo giorno. Insomma, non c'è rottura Moratti-Thohir, anzi, il riavvicinamento l'ha cercato proprio l'indonesiano che entro fine anno dovrà ricapitalizzare per 100 milioni di euro e visto tutto quello che ha già scucito, ha chiesto che all'aumento partecipi anche Moratti con la sua quota. Proprio per questo forse Moratti ha sentito anche Pellegrini, e comunque l'ex presidente non si tirerà indietro e farà l'aumento di capitale. In cambio ha ottenuto il cambio di panchina e, soprattutto, ha rimesso in pista il suo pupillo Mancini. Ecco perché spiegato il voltafaccia di Thohir che 48 ore prima aveva confermato Mazzarri salvo poi licenziarlo in tronco, in mezzo ci sono lo zampino, la volontà e i soldi di Moratti. Mancini però non è sicuramente uno sprovveduto e se è vero che ha tre anni di contratto, anche lui ha fatto inserire una bella clausola: se a giugno non sarà costruita una squadra competitiva per vincere qualcosa, lui può decidere di andarsene. Naturalmente lui in primis, Thohir, Moratti e i tifosi sperano che non accada, perché "ccà niscuno è fesso"...

Non è fesso neppure Mihajlovic che ha detto no allo scambio Pazzini-Okaka proposto da Galliani. Comprensibile. Sono due giocatori diversi, l'ex romanista possente, veloce, capace di far salire la squadra e di aprire varchi per i compagni, l'altro (Pazzini) un ottimo giocatore, dotato di grande carattere, ma più finalizzatore, più egoista, più attaccante e basta. Miha dovrebbe modificare una squadra che al momento sembra perfetta. Galliani comunque non molla e gioca anche sul tavolo Genoa dove mette sempre Pazzini (che vuole andare a giocare) chiedendo in cambio Matri. Probabilmente otterrà la stessa risposta anche se con Preziosi c'è una lunga e vecchia amicizia. Vedremo.

Al Milan servirebbe anche un centrocampista, ma l'idea di scambiare Pazzini con la coppia Ilicic-Lazzeri della Fiorentina è caduta in fretta. La Juve invece cerca un difensore, purtroppo il recupero di Barzagli non è vicino. Su Nastasic c'era una vecchia opzione fatta scadere l'estate scorsa soltanto per una questione economica, il City voleva 15 milioni. Ora che l'ex viola non gioca, pur di non svalutare il suo giocatore, il City potrebbe darlo in prestito per sei mesi magari intavolando un discorso su Vidal che la Juve sicuramente cederà a giugno. Sempre la Juve deve risolvere il problema Giovinco. Per non perderlo a zero a giugno dovrà cercare di venderlo a gennaio. Si è fatto avanti il Torino, ma l'offerta è bassa. Ci pensa anche la Fiorentina che sul piatto ha messo Ilicic: si tratta. L'ex del Palermo non è sgradito ad Allegri che può utilizzarlo dietro alle due punte o come secondo trequartista dietro una punta. La Juve però pensa anche a Savic e il discorso non sarà facile. Come difensore ci sarebbe anche Rugani, a metà con l'Empoli, ma i toscani a gennaio non lo mollano. Tra l'altro proprio su Rugani si è buttato Sabatini della Roma che cerca di prendersi la metà dell'Empoli. Se dovesse riuscirsi si profila un bel braccio di ferro con la Juve.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.