VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Tutti i retroscena su Mancini. Moratti, Pellegrini, 100 milioni e una clausola per riprendere l'Inter. Milan, Pazzini-Okaka: no di Miha. Juve, ok Nastasic. Giovinco per Ilicic? Roma su Rugani dell'Empoli

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
21.11.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 39764 volte
Tutti i retroscena su Mancini. Moratti, Pellegrini, 100 milioni e una clausola per riprendere l'Inter. Milan, Pazzini-Okaka: no di Miha. Juve, ok Nastasic. Giovinco per Ilicic? Roma su Rugani dell'Empoli

Moratti ha confermato di essere stato lui a consigliare a Thohir di rimettere Mancini sulla panchina dell'Inter, ma c'è di più: la telefonata al Mancio l'ha fatta proprio l'ex presidente in persona. E allora come mai Massimo Moratti poche settimane fa si è dimesso da presidente onorario e con lui tutti i suoi uomini, per poi tornare pesantemente a interessarsi dell'Inter. La storia è complicata e ruota tutta attorno alle vicende finanziarie. Moratti mai e poi mai avrebbe venduto l'Inter se non avesse avuto una pesante situazione economica da gestire e le banche che entro l'anno scorso chiedevano il rientro delle esposizioni. Mesi prima di vendere a Thohir aveva incontrato a Portofino l'ex presidente Pellegrini (un nome che ritorna) per cercare una soluzione italiana che gli consentisse comunque di avere più voce in capitolo. Tramontato questo tentativo, dopo mesi di trattative, Moratti ha ceduto ha Thohir al quale le banche hanno approvato un piano di risanamento a più lungo termine con la spalmatura e l'assunzione di nuovi impegni economici garantiti dal capitale dell'indonesiano. Moratti, in sostanza, l'ha fatto per salvare l'Inter. Nel contratto, però, c'è una clausola secondo la quale Moratti un giorno potrà tornare in possesso della sua amata società, naturalmente sostituendosi a Thohir negli impegni economici. Proprio per questo Moratti non è più il proprietario dell'Inter, ma oltre a detenere una quota del trenta per cento, sta sempre alla finestra per vedere quando e se un giorno sarà possibile trovare nuovi soci e (soprattutto) nuovi capitali per riprendersi la società. La crisi che investe anche il settore petrolifero e le raffinerie ha costretto la famiglia Moratti a non investire più sull'Inter, ma prima o poi il settore riprenderà e allora molte cose potrebbero cambiare. Non è un caso che in questi giorni sia tornato in ballo anche il nome di Ernesto Pellegrini che ha smentito la volontà di riprendersi l'Inter, ma il rapporto con Moratti è sempre forte e chissà, forse un giorno i due potrebbero anche mettere in piedi una cordata o una accoppiata vincente. Moratti, infatti, è contento dell'operazione fatta con Thohir che considera una persona seria. Avrebbe (è vero) pensato di contare di più nelle scelte, ma è convinto che le difficoltà di Thohir siano dovute alla distanza del nuovo proprietario e alle difficoltà che ha nel seguire le cose giorno dopo giorno. Insomma, non c'è rottura Moratti-Thohir, anzi, il riavvicinamento l'ha cercato proprio l'indonesiano che entro fine anno dovrà ricapitalizzare per 100 milioni di euro e visto tutto quello che ha già scucito, ha chiesto che all'aumento partecipi anche Moratti con la sua quota. Proprio per questo forse Moratti ha sentito anche Pellegrini, e comunque l'ex presidente non si tirerà indietro e farà l'aumento di capitale. In cambio ha ottenuto il cambio di panchina e, soprattutto, ha rimesso in pista il suo pupillo Mancini. Ecco perché spiegato il voltafaccia di Thohir che 48 ore prima aveva confermato Mazzarri salvo poi licenziarlo in tronco, in mezzo ci sono lo zampino, la volontà e i soldi di Moratti. Mancini però non è sicuramente uno sprovveduto e se è vero che ha tre anni di contratto, anche lui ha fatto inserire una bella clausola: se a giugno non sarà costruita una squadra competitiva per vincere qualcosa, lui può decidere di andarsene. Naturalmente lui in primis, Thohir, Moratti e i tifosi sperano che non accada, perché "ccà niscuno è fesso"...

Non è fesso neppure Mihajlovic che ha detto no allo scambio Pazzini-Okaka proposto da Galliani. Comprensibile. Sono due giocatori diversi, l'ex romanista possente, veloce, capace di far salire la squadra e di aprire varchi per i compagni, l'altro (Pazzini) un ottimo giocatore, dotato di grande carattere, ma più finalizzatore, più egoista, più attaccante e basta. Miha dovrebbe modificare una squadra che al momento sembra perfetta. Galliani comunque non molla e gioca anche sul tavolo Genoa dove mette sempre Pazzini (che vuole andare a giocare) chiedendo in cambio Matri. Probabilmente otterrà la stessa risposta anche se con Preziosi c'è una lunga e vecchia amicizia. Vedremo.

Al Milan servirebbe anche un centrocampista, ma l'idea di scambiare Pazzini con la coppia Ilicic-Lazzeri della Fiorentina è caduta in fretta. La Juve invece cerca un difensore, purtroppo il recupero di Barzagli non è vicino. Su Nastasic c'era una vecchia opzione fatta scadere l'estate scorsa soltanto per una questione economica, il City voleva 15 milioni. Ora che l'ex viola non gioca, pur di non svalutare il suo giocatore, il City potrebbe darlo in prestito per sei mesi magari intavolando un discorso su Vidal che la Juve sicuramente cederà a giugno. Sempre la Juve deve risolvere il problema Giovinco. Per non perderlo a zero a giugno dovrà cercare di venderlo a gennaio. Si è fatto avanti il Torino, ma l'offerta è bassa. Ci pensa anche la Fiorentina che sul piatto ha messo Ilicic: si tratta. L'ex del Palermo non è sgradito ad Allegri che può utilizzarlo dietro alle due punte o come secondo trequartista dietro una punta. La Juve però pensa anche a Savic e il discorso non sarà facile. Come difensore ci sarebbe anche Rugani, a metà con l'Empoli, ma i toscani a gennaio non lo mollano. Tra l'altro proprio su Rugani si è buttato Sabatini della Roma che cerca di prendersi la metà dell'Empoli. Se dovesse riuscirsi si profila un bel braccio di ferro con la Juve.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Milan e il colpo a sorpresa, la Juve punta su Matuidi (e Keita), l'Inter avanza piano. E l'estero si prepara a un estate bollente... 27.07 - Mancano solo 24 ore poi sarà esordio per il nuovo Milan. Non sarà tutto il nuovo Milan, ovvio. Ma l'entusiasmo è tangibile. Mancheranno gli ultimi due acquisti perché sono da perfezionare tecnicamente dei passaggi finanziari in Lega, ma soprattutto manca ancora il grande colpo in...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.