HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
12.02.2018 07:39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43310 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo il Napoli e la pizza c'à pummarola n'gopp. La squadra di Sarri, nel secondo tempo di sabato sera, ha fatto passare in secondo piano anche il Festival di Sanremo, la bellezza di Michelle, la bravura di Favino e la cera di Baglioni. Volete mettere quello che abbiamo visto, al San Paolo, dal 45' al 90'? Roba da videogiochi. Questi puffi, vestiti di azzurro e bassi di statura, hanno fatto giocate spettacolari, 3 gol in pochi minuti e giro palla da playstation, facendo passare la Lazio (ex terza forza del campionato) per un Benevento qualunque. Il secondo tempo del Napoli dovrà essere esaminato a Coverciano. Sarri dovrà passare dalla panchina alla cattedra e dovrà spiegarci, ce lo deve, come riesce a far concretizzare così la sua idea di calcio. Non sappiamo se il Napoli vincerà o meno lo scudetto, ma possiamo dire che lo meriterebbe davvero? La Juventus è la corazzata. La Juventus è la più forte e la più cinica ma il Napoli è bello. Spettacolare. Una volta speravamo di vedere lo scudetto a Napoli solo per la baldoria e per i fuochi di artificio che si vedrebbero in cielo per anni. Vorremmo vedere sempre azzurro il cielo di Napoli. Anche alle 2 di notte. Per la Juventus vincere è come fare il compitino ma, lo sappiamo, lo scudetto del Napoli equivale ad una Champions per la Juventus. Quei casi rari che quando succedono la città si ferma. La scorsa settimana è arrivato il colpo a sorpresa: MediaPro prende la serie A dal 2018 al 2021. Rilancio a un miliardo cinquanta milioni e mille euro. Il miliardo lo vale il Napoli. Il resto della serie A vale cinquanta milioni, le ultime tre valgono i mille euro. Ovviamente scherziamo... ma non troppo. Grazie al Napoli, il campionato di serie A non è già finito. Grazie a Sarri la gente si diverte ancora allo stadio. Grazie alla Juventus ci divertiremo, speriamo, fino alla fine. Sono giorni cruciali per il futuro del calcio. La partita dei diritti tv sembra scontata ma, invece, è molto delicata. Un po' come Italia-Svezia. Sì, ma dai vuoi che alla fine non facciamo i mondiali? Sì, ma dai vuoi che Sky non prenda la serie A? Qui la partita è delicata. Il calcio italiano ha bisogno di Sky (a questo punto non più dei soldi ma del contenuto) e Sky ha bisogno della serie A. Una cosa è certa: per una volta i Presidenti di serie A hanno ottenuto ciò che volevano. Dimostrazione che quando si tratta di soldi sanno fare squadra. La facciano anche con le riforme e con la Federazione. MediaPro potrà aprire ad un mondo nuovo, come fatto in Francia e in Spagna. Sky dovrà rilanciare perché ha le sue ragioni quando offre meno del triennio precedente. Se le partite della nostra serie A sono pessime e se gli ascolti calano per Chievo-Crotone e Spal-Benevento è giusto che cali anche il prezzo. Se non ci fosse stata la genialata di Mister X, portando in Italia MediaPro, Sky avrebbe avuto il campionato alla cifra stabilita. Dovranno trovare un accordo. Serve a tutti. Anche perché cambiare il mondo in sei mesi diventa complicato anche per gli utenti.
Nel frattempo Mirabelli più che la sopressata si starà mangiando le mani. Se avesse iniziato con Gattuso, forse, oggi sarebbe più su. Con i se e con i ma siamo tutti professori certo, ma questa è la dimostrazione che Mirabelli non sbagliò campagna acquisti ma cannò la scelta dell'allenatore. Il primo da cambiare. Mettere Gattuso in corsa è stata una scelta folle. Perché, ormai, la stagione era e, forse è, compromessa per l'obiettivo principale. Rino stava facendo bene con la Primavera ed era un rischio mandare in frantumi il lavoro fatto con i ragazzi. Ma Gattuso sta seminando per il presente e per il futuro ed è giusto che Mirabelli prepari, oggi, il rinnovo per domani. Gattuso ha grandi qualità che molti ignoravano perché in campo lo vedevano solo come "il guerriero". Intelligenza atipica per un calciatore, si circonda di persone preparate (basta vedere il suo staff) ed è un grande motivatore oltre che ottimo tecnico. Sicuramente per restare al top nel Milan dovrà fare ancora i suoi errori e mangiare tanta minestra ma indubbiamente il sale c'è e, al contrario di Montella, prima di sedersi sulla panchina del Milan è passato a fare la spesa. Ora arriva il difficile. Confermarsi è sempre più difficile che affermarsi. Come salvare la stagione del Milan? Centrare l'Europa, andare avanti il più possibile in Europa League e fare la finale di Coppa Italia. Se poi dovesse arrivare un trofeo o la qualificazione, difficile quasi impossibile, alla Champions allora il primo anno della nuova gestione sarà stato un trionfo. C'è solo un problema: questo Milan che vince non aiuta Berlusconi in vista del 4 marzo. Rino, per favore pensaci tu. 2-3 sconfitte per rispetto di Silvio.
Torna a vincere l'Inter che, sicuramente, non entusiasma ma almeno porta a casa i 3 punti dopo 2 mesi. Con il Bologna la beffa era vicina ma questa volta i nerazzurri hanno raccolto quanto seminato. C'è ancora tanto da lavorare ma il terzo posto fa vivere la settimana in maniera diversa. Adesso che ripartono le coppe, Spalletti ha un vantaggio mica da ridere su Lazio, Roma... e Milan.
Sta crollando, invece, il Chievo Verona che si salverà solo per manifesta inferiorità di 3-4 squadre del campionato. La favola, però, rischia di finire. Le voci sulle plusvalenze in bilancio, una squadra troppo vecchia e la poca chiarezza sull'addio di Nember. Cosa successe un anno fa con il Direttore, addirittura, da premeditare un addio improvviso? Il Presidente non ha mai dato risposte. Capiamo il perché. Maran ha sbagliato tutto: sarebbe dovuto fuggire due anni fa da Verona. Adesso è troppo tardi. Le società modello non esistono. Facciamocene una ragione. Il Chievo è una favola... speriamo, almeno, nel lieto fine.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->