HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2018/19?
  Barcellona
  Ajax
  Liverpool
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
12.02.2018 07:39 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43317 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo il Napoli e la pizza c'à pummarola n'gopp. La squadra di Sarri, nel secondo tempo di sabato sera, ha fatto passare in secondo piano anche il Festival di Sanremo, la bellezza di Michelle, la bravura di Favino e la cera di Baglioni. Volete mettere quello che abbiamo visto, al San Paolo, dal 45' al 90'? Roba da videogiochi. Questi puffi, vestiti di azzurro e bassi di statura, hanno fatto giocate spettacolari, 3 gol in pochi minuti e giro palla da playstation, facendo passare la Lazio (ex terza forza del campionato) per un Benevento qualunque. Il secondo tempo del Napoli dovrà essere esaminato a Coverciano. Sarri dovrà passare dalla panchina alla cattedra e dovrà spiegarci, ce lo deve, come riesce a far concretizzare così la sua idea di calcio. Non sappiamo se il Napoli vincerà o meno lo scudetto, ma possiamo dire che lo meriterebbe davvero? La Juventus è la corazzata. La Juventus è la più forte e la più cinica ma il Napoli è bello. Spettacolare. Una volta speravamo di vedere lo scudetto a Napoli solo per la baldoria e per i fuochi di artificio che si vedrebbero in cielo per anni. Vorremmo vedere sempre azzurro il cielo di Napoli. Anche alle 2 di notte. Per la Juventus vincere è come fare il compitino ma, lo sappiamo, lo scudetto del Napoli equivale ad una Champions per la Juventus. Quei casi rari che quando succedono la città si ferma. La scorsa settimana è arrivato il colpo a sorpresa: MediaPro prende la serie A dal 2018 al 2021. Rilancio a un miliardo cinquanta milioni e mille euro. Il miliardo lo vale il Napoli. Il resto della serie A vale cinquanta milioni, le ultime tre valgono i mille euro. Ovviamente scherziamo... ma non troppo. Grazie al Napoli, il campionato di serie A non è già finito. Grazie a Sarri la gente si diverte ancora allo stadio. Grazie alla Juventus ci divertiremo, speriamo, fino alla fine. Sono giorni cruciali per il futuro del calcio. La partita dei diritti tv sembra scontata ma, invece, è molto delicata. Un po' come Italia-Svezia. Sì, ma dai vuoi che alla fine non facciamo i mondiali? Sì, ma dai vuoi che Sky non prenda la serie A? Qui la partita è delicata. Il calcio italiano ha bisogno di Sky (a questo punto non più dei soldi ma del contenuto) e Sky ha bisogno della serie A. Una cosa è certa: per una volta i Presidenti di serie A hanno ottenuto ciò che volevano. Dimostrazione che quando si tratta di soldi sanno fare squadra. La facciano anche con le riforme e con la Federazione. MediaPro potrà aprire ad un mondo nuovo, come fatto in Francia e in Spagna. Sky dovrà rilanciare perché ha le sue ragioni quando offre meno del triennio precedente. Se le partite della nostra serie A sono pessime e se gli ascolti calano per Chievo-Crotone e Spal-Benevento è giusto che cali anche il prezzo. Se non ci fosse stata la genialata di Mister X, portando in Italia MediaPro, Sky avrebbe avuto il campionato alla cifra stabilita. Dovranno trovare un accordo. Serve a tutti. Anche perché cambiare il mondo in sei mesi diventa complicato anche per gli utenti.
Nel frattempo Mirabelli più che la sopressata si starà mangiando le mani. Se avesse iniziato con Gattuso, forse, oggi sarebbe più su. Con i se e con i ma siamo tutti professori certo, ma questa è la dimostrazione che Mirabelli non sbagliò campagna acquisti ma cannò la scelta dell'allenatore. Il primo da cambiare. Mettere Gattuso in corsa è stata una scelta folle. Perché, ormai, la stagione era e, forse è, compromessa per l'obiettivo principale. Rino stava facendo bene con la Primavera ed era un rischio mandare in frantumi il lavoro fatto con i ragazzi. Ma Gattuso sta seminando per il presente e per il futuro ed è giusto che Mirabelli prepari, oggi, il rinnovo per domani. Gattuso ha grandi qualità che molti ignoravano perché in campo lo vedevano solo come "il guerriero". Intelligenza atipica per un calciatore, si circonda di persone preparate (basta vedere il suo staff) ed è un grande motivatore oltre che ottimo tecnico. Sicuramente per restare al top nel Milan dovrà fare ancora i suoi errori e mangiare tanta minestra ma indubbiamente il sale c'è e, al contrario di Montella, prima di sedersi sulla panchina del Milan è passato a fare la spesa. Ora arriva il difficile. Confermarsi è sempre più difficile che affermarsi. Come salvare la stagione del Milan? Centrare l'Europa, andare avanti il più possibile in Europa League e fare la finale di Coppa Italia. Se poi dovesse arrivare un trofeo o la qualificazione, difficile quasi impossibile, alla Champions allora il primo anno della nuova gestione sarà stato un trionfo. C'è solo un problema: questo Milan che vince non aiuta Berlusconi in vista del 4 marzo. Rino, per favore pensaci tu. 2-3 sconfitte per rispetto di Silvio.
Torna a vincere l'Inter che, sicuramente, non entusiasma ma almeno porta a casa i 3 punti dopo 2 mesi. Con il Bologna la beffa era vicina ma questa volta i nerazzurri hanno raccolto quanto seminato. C'è ancora tanto da lavorare ma il terzo posto fa vivere la settimana in maniera diversa. Adesso che ripartono le coppe, Spalletti ha un vantaggio mica da ridere su Lazio, Roma... e Milan.
Sta crollando, invece, il Chievo Verona che si salverà solo per manifesta inferiorità di 3-4 squadre del campionato. La favola, però, rischia di finire. Le voci sulle plusvalenze in bilancio, una squadra troppo vecchia e la poca chiarezza sull'addio di Nember. Cosa successe un anno fa con il Direttore, addirittura, da premeditare un addio improvviso? Il Presidente non ha mai dato risposte. Capiamo il perché. Maran ha sbagliato tutto: sarebbe dovuto fuggire due anni fa da Verona. Adesso è troppo tardi. Le società modello non esistono. Facciamocene una ragione. Il Chievo è una favola... speriamo, almeno, nel lieto fine.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il mercato degli scontenti”: Icardi, Insigne e Dybala. La Champions e le panchine delle milanesi 25.04 - La finale di coppa Italia potrebbe anche cambiare i giudizi di fine stagione. Sicuramente vincerla (chiunque dovesse farlo, in attesa dell’altra finalista stasera) porta vantaggi. È chiaro che un trofeo in più o in meno fa la differenza, soprattutto in termini di coesione di gruppo,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Icardi ha rifiutato Atletico e PSG! Braccio di ferro con il club per avere la Juventus? E attenzione: Conte ha chiesto tempo all’Inter: c’è dietro l’interesse del Milan che ha scaricato Gattuso e si propone per il post-Benitez? 24.04 - Si vis pacem, para bellum - dicevano i latini, e non solo Lotito. Se vuoi la pace, prepara la guerra. Se qualcuno davvero si possa essere fatto traviare dalla pace post-pausa internazionale tra Icardi e l’Inter, allora si è sbagliato di grosso. La notizia è che l’ex capitano...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: lo scudetto, le riflessioni sul futuro, un difensore in più e... la posizione di Allegri. Milan: l'Atalanta fa paura, ora Gattuso pretende risposte. Inter: i numeri di Spalletti e la "sfida" con Conte. Evviva Fognini, anche quando perde 23.04 - Ciao. La festa è finita e si torna a lavorare. Anzi no, molti fanno il megaponte fino all’1 maggio, alcuni fino al 2 giugno, altri non tornano proprio. Il megaponte è per molti, ma non per tutti. Non per noi “grandi eroi” di tuttomercatoweb che anche oggi ve ne diciamo di tutti i...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510