VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Una due giorni doubleface, Napoli si complica la vita, la Roma stupisce. Per ora chi cambia meno stupisce: è un caso?

02.11.2017 07:00 di Luca Marchetti   articolo letto 23434 volte
© foto di Federico De Luca

Poteva essere una due giorni europea dal sapore completamente diverso. La sorpresa della Roma poteva davvero essere l'ago di una bilancia che volgeva al positivo. E invece prima la Juventus che ha faticato troppo contro lo Sporting, e il Napoli contro il City ha giocato, sicuramente meglio dell'andata soprattutto la prima mezz'ora, ma ha perso e quello che pesa di più è che il cammino in Europa ora si fa molto più difficile perché non dipende tutto dal Napoli. Potrebbe non basterebbe neanche vincerle tutte e due se il Barcellona non dovesse battere lo Shakhtar all'ultima giornata. E questo Napoli non lo meriterebbe, vista la qualità di gioco che esprime. Ma l'unico passo falso è quello fatto in Ucraina, l'unico della stagione. Perché le due partite con il City hanno sicuramente dimostrato che gli inglesi sono più forti del Napoli (e non solo...) ma paradossalmente hanno anche dimostrato che il Napoli lassù ci può stare. Ci sono dei dettagli che devono essere messi a posto: dettagli che possono fare la differenza. Sarri giustamente sottolinea le 24 in meno di riposo, qualcuno gli contesta l'accortezza sui calci piazzati, Sarri stesso parla di un Napoli sbilanciato alla ricerca della rimonta con 4 punte in avanti. Di sicuro la partita è cambiata con l'infortunio di Ghoulam. E questo porta a due considerazioni: la prima è che l'infortunio è una sfiga, non si può prevedere, avrà ripercussioni anche in futuro perché si parla di crociato. La seconda è che probabilmente, ancora, i ricambi del Napoli non sono tutti all'altezza dei titolari. Senza nulla togliere, naturalmente, alle riserve degli azzurri, ma è evidente che arrivati a certi livelli anche le scelte di mercato fanno il resto. Le scelte o le necessità...
Quindi questa due giorni ci consegna un Napoli che dovrà sudare (anche troppo) per la qualificazione, una Roma che capovolge tutti i pronostici del suo girone e una Juve che aveva un match ball e non l'ha sfruttato appieno.
La Roma obiettivamente è quella che ha meravigliato di più. In assoluto. E forse insieme all'Inter quella che ha dato la sensazione di crescita. Saranno solo sensazioni, appunto. Ma le tre squadre che sembrano più in forma (Napoli; Roma e Inter) sono quelle che hanno cambiato di meno. Il Napoli quasi nulla, neanche l'allenatore. Giallorossi e nerazzurri hanno iniziato la stagione in mezzo allo scetticismo. Il tifoso interista si aspettava un altro mercato si è ritrovata quasi con gli stessi giocatori ai quali però Spalletti ha dato un peso specifico diverso. Il tifoso giallorosso è stato costretto a salutare (oltre a Totti) un paio di pezzi da novanta e si ritrovava in panchina un allenatore giovane e rampante, di cui si è sempre parlato bene ma "vediamo che farà a Roma". Eccolo servito. La Roma ha un'anima. Diversa da quella spallettiana, ma non per questo meno efficace. Di Francesco ha dimostrato di meritarsela eccome una grande. Con un mercato difficile, diverso. Con un marchio, quello di Monchi, improntato sempre alle plusvalenze e che finora (anche per scelta l'altra sera dichiarata dello stesso allenatore) si è appoggiata molto a quelli dello scorso anno (Kolarov escluso).
Questa considerazione ci porta a uno studio del CIES, che sottolinea come ormai soprattutto nei maggiori campionati europei si tenda a cambiare tanto. Ed è un dato in crescita rispetto alle ultime stagioni.
La percentuale europea di giocatori cresciuti nel club è ormai al 18,5%. Gli stranieri salgono (sempre in Europa) al 39,7% (pensate che il dato in Italia è 54,3% di stranieri). Ma il dato che forse dovrebbe farci riflettere di più in fase di programmazione è questo. 44,8% di giocatori "nuovi" nelle squadre Europee. Quasi la metà, un dato che dal 2009 è cresciuto di quasi 10 punti percentuali. L'Italia cambia ogni anno il 46% dei giocatori in rosa (mediamente). E come dimostra il Milan cambiarne troppi non è mai semplice e soprattutto non è scontato vincere. A proposito vedremo stasera che tipo di risposte darà Montella...

Tmw radio
 

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.