HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Una due giorni doubleface, Napoli si complica la vita, la Roma stupisce. Per ora chi cambia meno stupisce: è un caso?

02.11.2017 07:00 di Luca Marchetti   articolo letto 23621 volte
© foto di Federico De Luca

Poteva essere una due giorni europea dal sapore completamente diverso. La sorpresa della Roma poteva davvero essere l'ago di una bilancia che volgeva al positivo. E invece prima la Juventus che ha faticato troppo contro lo Sporting, e il Napoli contro il City ha giocato, sicuramente meglio dell'andata soprattutto la prima mezz'ora, ma ha perso e quello che pesa di più è che il cammino in Europa ora si fa molto più difficile perché non dipende tutto dal Napoli. Potrebbe non basterebbe neanche vincerle tutte e due se il Barcellona non dovesse battere lo Shakhtar all'ultima giornata. E questo Napoli non lo meriterebbe, vista la qualità di gioco che esprime. Ma l'unico passo falso è quello fatto in Ucraina, l'unico della stagione. Perché le due partite con il City hanno sicuramente dimostrato che gli inglesi sono più forti del Napoli (e non solo...) ma paradossalmente hanno anche dimostrato che il Napoli lassù ci può stare. Ci sono dei dettagli che devono essere messi a posto: dettagli che possono fare la differenza. Sarri giustamente sottolinea le 24 in meno di riposo, qualcuno gli contesta l'accortezza sui calci piazzati, Sarri stesso parla di un Napoli sbilanciato alla ricerca della rimonta con 4 punte in avanti. Di sicuro la partita è cambiata con l'infortunio di Ghoulam. E questo porta a due considerazioni: la prima è che l'infortunio è una sfiga, non si può prevedere, avrà ripercussioni anche in futuro perché si parla di crociato. La seconda è che probabilmente, ancora, i ricambi del Napoli non sono tutti all'altezza dei titolari. Senza nulla togliere, naturalmente, alle riserve degli azzurri, ma è evidente che arrivati a certi livelli anche le scelte di mercato fanno il resto. Le scelte o le necessità...
Quindi questa due giorni ci consegna un Napoli che dovrà sudare (anche troppo) per la qualificazione, una Roma che capovolge tutti i pronostici del suo girone e una Juve che aveva un match ball e non l'ha sfruttato appieno.
La Roma obiettivamente è quella che ha meravigliato di più. In assoluto. E forse insieme all'Inter quella che ha dato la sensazione di crescita. Saranno solo sensazioni, appunto. Ma le tre squadre che sembrano più in forma (Napoli; Roma e Inter) sono quelle che hanno cambiato di meno. Il Napoli quasi nulla, neanche l'allenatore. Giallorossi e nerazzurri hanno iniziato la stagione in mezzo allo scetticismo. Il tifoso interista si aspettava un altro mercato si è ritrovata quasi con gli stessi giocatori ai quali però Spalletti ha dato un peso specifico diverso. Il tifoso giallorosso è stato costretto a salutare (oltre a Totti) un paio di pezzi da novanta e si ritrovava in panchina un allenatore giovane e rampante, di cui si è sempre parlato bene ma "vediamo che farà a Roma". Eccolo servito. La Roma ha un'anima. Diversa da quella spallettiana, ma non per questo meno efficace. Di Francesco ha dimostrato di meritarsela eccome una grande. Con un mercato difficile, diverso. Con un marchio, quello di Monchi, improntato sempre alle plusvalenze e che finora (anche per scelta l'altra sera dichiarata dello stesso allenatore) si è appoggiata molto a quelli dello scorso anno (Kolarov escluso).
Questa considerazione ci porta a uno studio del CIES, che sottolinea come ormai soprattutto nei maggiori campionati europei si tenda a cambiare tanto. Ed è un dato in crescita rispetto alle ultime stagioni.
La percentuale europea di giocatori cresciuti nel club è ormai al 18,5%. Gli stranieri salgono (sempre in Europa) al 39,7% (pensate che il dato in Italia è 54,3% di stranieri). Ma il dato che forse dovrebbe farci riflettere di più in fase di programmazione è questo. 44,8% di giocatori "nuovi" nelle squadre Europee. Quasi la metà, un dato che dal 2009 è cresciuto di quasi 10 punti percentuali. L'Italia cambia ogni anno il 46% dei giocatori in rosa (mediamente). E come dimostra il Milan cambiarne troppi non è mai semplice e soprattutto non è scontato vincere. A proposito vedremo stasera che tipo di risposte darà Montella...

Tmw radio


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy