VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Una due giorni doubleface, Napoli si complica la vita, la Roma stupisce. Per ora chi cambia meno stupisce: è un caso?

02.11.2017 07:00 di Luca Marchetti   articolo letto 22993 volte
© foto di Federico De Luca

Poteva essere una due giorni europea dal sapore completamente diverso. La sorpresa della Roma poteva davvero essere l'ago di una bilancia che volgeva al positivo. E invece prima la Juventus che ha faticato troppo contro lo Sporting, e il Napoli contro il City ha giocato, sicuramente meglio dell'andata soprattutto la prima mezz'ora, ma ha perso e quello che pesa di più è che il cammino in Europa ora si fa molto più difficile perché non dipende tutto dal Napoli. Potrebbe non basterebbe neanche vincerle tutte e due se il Barcellona non dovesse battere lo Shakhtar all'ultima giornata. E questo Napoli non lo meriterebbe, vista la qualità di gioco che esprime. Ma l'unico passo falso è quello fatto in Ucraina, l'unico della stagione. Perché le due partite con il City hanno sicuramente dimostrato che gli inglesi sono più forti del Napoli (e non solo...) ma paradossalmente hanno anche dimostrato che il Napoli lassù ci può stare. Ci sono dei dettagli che devono essere messi a posto: dettagli che possono fare la differenza. Sarri giustamente sottolinea le 24 in meno di riposo, qualcuno gli contesta l'accortezza sui calci piazzati, Sarri stesso parla di un Napoli sbilanciato alla ricerca della rimonta con 4 punte in avanti. Di sicuro la partita è cambiata con l'infortunio di Ghoulam. E questo porta a due considerazioni: la prima è che l'infortunio è una sfiga, non si può prevedere, avrà ripercussioni anche in futuro perché si parla di crociato. La seconda è che probabilmente, ancora, i ricambi del Napoli non sono tutti all'altezza dei titolari. Senza nulla togliere, naturalmente, alle riserve degli azzurri, ma è evidente che arrivati a certi livelli anche le scelte di mercato fanno il resto. Le scelte o le necessità...
Quindi questa due giorni ci consegna un Napoli che dovrà sudare (anche troppo) per la qualificazione, una Roma che capovolge tutti i pronostici del suo girone e una Juve che aveva un match ball e non l'ha sfruttato appieno.
La Roma obiettivamente è quella che ha meravigliato di più. In assoluto. E forse insieme all'Inter quella che ha dato la sensazione di crescita. Saranno solo sensazioni, appunto. Ma le tre squadre che sembrano più in forma (Napoli; Roma e Inter) sono quelle che hanno cambiato di meno. Il Napoli quasi nulla, neanche l'allenatore. Giallorossi e nerazzurri hanno iniziato la stagione in mezzo allo scetticismo. Il tifoso interista si aspettava un altro mercato si è ritrovata quasi con gli stessi giocatori ai quali però Spalletti ha dato un peso specifico diverso. Il tifoso giallorosso è stato costretto a salutare (oltre a Totti) un paio di pezzi da novanta e si ritrovava in panchina un allenatore giovane e rampante, di cui si è sempre parlato bene ma "vediamo che farà a Roma". Eccolo servito. La Roma ha un'anima. Diversa da quella spallettiana, ma non per questo meno efficace. Di Francesco ha dimostrato di meritarsela eccome una grande. Con un mercato difficile, diverso. Con un marchio, quello di Monchi, improntato sempre alle plusvalenze e che finora (anche per scelta l'altra sera dichiarata dello stesso allenatore) si è appoggiata molto a quelli dello scorso anno (Kolarov escluso).
Questa considerazione ci porta a uno studio del CIES, che sottolinea come ormai soprattutto nei maggiori campionati europei si tenda a cambiare tanto. Ed è un dato in crescita rispetto alle ultime stagioni.
La percentuale europea di giocatori cresciuti nel club è ormai al 18,5%. Gli stranieri salgono (sempre in Europa) al 39,7% (pensate che il dato in Italia è 54,3% di stranieri). Ma il dato che forse dovrebbe farci riflettere di più in fase di programmazione è questo. 44,8% di giocatori "nuovi" nelle squadre Europee. Quasi la metà, un dato che dal 2009 è cresciuto di quasi 10 punti percentuali. L'Italia cambia ogni anno il 46% dei giocatori in rosa (mediamente). E come dimostra il Milan cambiarne troppi non è mai semplice e soprattutto non è scontato vincere. A proposito vedremo stasera che tipo di risposte darà Montella...

Tmw radio
 

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.