VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.01.2017 00.00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 38418 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente la deontologia professionale. La grande visibilità che ti dà scrivere, parlare in tv, in radio, è anche una grossa responsabilità. Però voglio spezzare una lancia nei confronti dei colleghi che si fanno il mazzo sul campo, che parlano e che provano ad avere sempre almeno un paio di pezze d'appoggio prima di sparare una notizia. Mi sono anche sentito dire, in questi giorni, che noi giornalisti "teniamo per noi le notizie". Il problema è che alle volte arriviamo semplicemente in ritardo con una conferma e la news è già vecchia: Kalinic che vuole rimanere succede in un secondo ed è già passato, perché poi arriva il procuratore a Milano e via danzando. Ci sono alcuni dati oggettivi, inoppugnabili. E altri che necessitano di conferma e non sempre puoi trovare il contatto giusto nel giro di mezzo minuto. Questo panegirico è per dire che è pure giusto sparare su chi ha scritto "Kalinic si è assolutamente deciso, andrà in Cina" perché rovina la categoria, soprattutto se lo fa da casa. Sbagliato, invece, fare di tutta l'erba un fascio, su chi - almeno sulle sensazioni - prova a dare percentuali sulla riuscita di un'operazione. Ci sono 3000 procuratori in Italia dopo la deregulation, chi fa le operazioni non ha sempre voglia di parlarne o di cantare, la notizia arriva di traverso o perché ti rimbalza addosso. E poi siamo in un grande gioco, anche noi che parliamo di trasferimenti.

La realtà è che di incontri ce ne sono stati parecchi. Corvino che tenta di capire le offerte - che non è mai arrivata, l'intenzione era quella di trovare l'accordo con Kalinic e poi, eventualmente, trattare con la Fiorentina - Ramadani che entra sulla terrazza del ME per cercare Davide Lippi, il quale arriva poco dopo e parla con Giuseppe Riso, una sensazione (e una distensione) che potesse finire con una fumata bianca. La corsa - che anche il web impone, ma anche le all news - alla notizia poi fa prendere la mano a chi, nei luoghi del calciomercato, non c'è. L'affidabilità e l'integrità è necessaria: poi si può sbagliare, l'importante è essere in buona fede e non mentire sapendo di farlo. Detto questo Kalinic andrà in Premier League in estate, con buona pace di tutti.

Così ringraziamo la Fiorentina e Fabio Cannavaro per avere movimentato una settimana quasi morta, dopo l'approdo di Gagliardini all'Inter, quello di Pavoletti al Napoli, di Orsolini alla Juventus. Ecco, i bianconeri hanno chiuso il proprio mercato in entrata dopo l'arrivo del calciatore dell'Ascoli, che in realtà non è un acquisto reale perché arriverà a giugno. Patrice Evra sta puntando i piedi per andarsene, la Juventus crede che Asamoah e Mattiello siano alternative sufficienti ad Alex Sandro. Tolisso è un obiettivo, ma anche lui sembra che possa arrivare solamente in estate. Colpi di coda esclusi, ma sembra davvero molto complicato. Chi deve operare è la Roma, che vorrebbe a tutti i costi Defrel (un principio di accordo con il giocatore c'è, con il club no) ma è una strada in salita. E il Milan? Tre giorni a casa Milan ad aspettare Galliani all'uscita per capire, finalmente, che venerdì era il giorno giusto. Fa niente se il tweet fa arrabbiare l'Everton perché mancavano ancora le visite mediche, ma sono solamente dettagli da social media manager. Forse. In compenso per giugno la prenotazione per Alejandro Gomez appare netta, magari inserendo contropartite tecniche gradite a Gasperini... a meno di colpi di scena incredibile per Kessie.

Chiudiamo con le difficoltà delle ultime tre: al netto degli errori del Palermo, Crotone e Pescara fatturano troppo poco per avere grandi possibilità di salvezza. Un colpo sbagliato e si va a picco, così quasi sempre scendono almeno due neopromosse. Rimane il fatto che, almeno rispetto alla Premier League, il nostro campionato abbia un grosso problema nei diritti televisivi. Il brand delle piccole è troppo debole, un Juventus-Empoli non vale uno Stoke City-Middlesbrough. E non lo varrà mai se dovessero continuare a esserci certe differenze economiche.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.