VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Una settimana da Kalinic. La Juventus chiude il mercato, la Roma lo apre, il Milan con Deulofeu aspetta Gomez dall'anno prossimo. Serie A più divertente: sarebbe meglio ridistribuire i proventi televisivi

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
22.01.2017 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 38586 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Non mi capita molto spesso di parlare bene della mia categoria professionale. Anche perché è in continuo movimento, c'è chi si ancora a vecchi capisaldi - perché nato con la carta stampata e, più in generale, non digitale - e chi mette zizzania perché pensa di cambiare completamente la deontologia professionale. La grande visibilità che ti dà scrivere, parlare in tv, in radio, è anche una grossa responsabilità. Però voglio spezzare una lancia nei confronti dei colleghi che si fanno il mazzo sul campo, che parlano e che provano ad avere sempre almeno un paio di pezze d'appoggio prima di sparare una notizia. Mi sono anche sentito dire, in questi giorni, che noi giornalisti "teniamo per noi le notizie". Il problema è che alle volte arriviamo semplicemente in ritardo con una conferma e la news è già vecchia: Kalinic che vuole rimanere succede in un secondo ed è già passato, perché poi arriva il procuratore a Milano e via danzando. Ci sono alcuni dati oggettivi, inoppugnabili. E altri che necessitano di conferma e non sempre puoi trovare il contatto giusto nel giro di mezzo minuto. Questo panegirico è per dire che è pure giusto sparare su chi ha scritto "Kalinic si è assolutamente deciso, andrà in Cina" perché rovina la categoria, soprattutto se lo fa da casa. Sbagliato, invece, fare di tutta l'erba un fascio, su chi - almeno sulle sensazioni - prova a dare percentuali sulla riuscita di un'operazione. Ci sono 3000 procuratori in Italia dopo la deregulation, chi fa le operazioni non ha sempre voglia di parlarne o di cantare, la notizia arriva di traverso o perché ti rimbalza addosso. E poi siamo in un grande gioco, anche noi che parliamo di trasferimenti.

La realtà è che di incontri ce ne sono stati parecchi. Corvino che tenta di capire le offerte - che non è mai arrivata, l'intenzione era quella di trovare l'accordo con Kalinic e poi, eventualmente, trattare con la Fiorentina - Ramadani che entra sulla terrazza del ME per cercare Davide Lippi, il quale arriva poco dopo e parla con Giuseppe Riso, una sensazione (e una distensione) che potesse finire con una fumata bianca. La corsa - che anche il web impone, ma anche le all news - alla notizia poi fa prendere la mano a chi, nei luoghi del calciomercato, non c'è. L'affidabilità e l'integrità è necessaria: poi si può sbagliare, l'importante è essere in buona fede e non mentire sapendo di farlo. Detto questo Kalinic andrà in Premier League in estate, con buona pace di tutti.

Così ringraziamo la Fiorentina e Fabio Cannavaro per avere movimentato una settimana quasi morta, dopo l'approdo di Gagliardini all'Inter, quello di Pavoletti al Napoli, di Orsolini alla Juventus. Ecco, i bianconeri hanno chiuso il proprio mercato in entrata dopo l'arrivo del calciatore dell'Ascoli, che in realtà non è un acquisto reale perché arriverà a giugno. Patrice Evra sta puntando i piedi per andarsene, la Juventus crede che Asamoah e Mattiello siano alternative sufficienti ad Alex Sandro. Tolisso è un obiettivo, ma anche lui sembra che possa arrivare solamente in estate. Colpi di coda esclusi, ma sembra davvero molto complicato. Chi deve operare è la Roma, che vorrebbe a tutti i costi Defrel (un principio di accordo con il giocatore c'è, con il club no) ma è una strada in salita. E il Milan? Tre giorni a casa Milan ad aspettare Galliani all'uscita per capire, finalmente, che venerdì era il giorno giusto. Fa niente se il tweet fa arrabbiare l'Everton perché mancavano ancora le visite mediche, ma sono solamente dettagli da social media manager. Forse. In compenso per giugno la prenotazione per Alejandro Gomez appare netta, magari inserendo contropartite tecniche gradite a Gasperini... a meno di colpi di scena incredibile per Kessie.

Chiudiamo con le difficoltà delle ultime tre: al netto degli errori del Palermo, Crotone e Pescara fatturano troppo poco per avere grandi possibilità di salvezza. Un colpo sbagliato e si va a picco, così quasi sempre scendono almeno due neopromosse. Rimane il fatto che, almeno rispetto alla Premier League, il nostro campionato abbia un grosso problema nei diritti televisivi. Il brand delle piccole è troppo debole, un Juventus-Empoli non vale uno Stoke City-Middlesbrough. E non lo varrà mai se dovessero continuare a esserci certe differenze economiche.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.