VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
21.01.2018 09:53 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 59196 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché?
Badate bene: non è un problema dei tifosi del Napoli e chi, come qualche giornale, si muove tra preconcetti e aspetta al varco episodi del genere solo per alimentare un anacronistico odio nord/sud e per il gusto di fomentare l'astio è ancora peggio. Molto peggio.
Però questo resta un problema, un enorme problema trasversale di una sempre più larga frangia di persone che hanno trovato nei social lo sfogatoio personale.
Non è un problema solo dei tifosi. I leoni da tastiera, gli sputatori di veleno gratis sempre e comunque ci sono in tutti i campi. Ma su TMW ci occupiamo di calcio e lo sport più nazional-popolare, che divide più dell'elezione del Presidente del Consiglio, rappresenta uno spaccato privilegiato.
Perché Verdi s'è dovuto beccare una lunga serie di insulti? Perché ha deciso di rifiutare il Napoli e continuare la sua avventura al Bologna: dove si trova bene, dove ha trovato l'amore e dove vuole restare almeno fino al termine della stagione. Mettendo da parte prospettive da Scudetto e un contratto molto, molto più importante.
Messa così la vicenda, le critiche sono incomprensibili. Ci lamentiamo ogni giorno della piega che ha preso il calcio moderno, dell'assenza delle bandiere e poi, alla prima occasione, critichiamo aspramente chi non segue la carriera e i soldi. Messa così, la coraggiosa scelta di Verdi deve solo esser presa da esempio. La questione, casomai, è capire se le motivazioni alla base di questa scelta sono solo queste. E la verità, al netto delle smentite che arrivano e arriveranno, la scopriremo solo in estate. Perché il calciomercato non è nato ieri e le scorrettezze, anche quelle che non ti aspetteresti mai, sono sempre dietro l'angolo: se Verdi ha rifiutato Napoli per amore del Bologna è un conto, se invece l'ha rifiutato perché mosso da altri club in lotta per i primi posti che, promettendogli per la prossima stagione un guadagno ancora più elevato, l'hanno indirizzato solo per evitare che il Napoli si rinforzasse a stagione in corso è un altro. E allora la vicenda assumerebbe una piega molto più triste.
Ancora qualche mese comunque e scopriremo la verità. Cosa farà Verdi in estate ci svelerà la verità anche su cosa ha fatto Verdi a gennaio. Ma a prescindere, di insulti e offese sui social anche basta. Possiamo ogni tanto ricordarci che parliamo pur sempre di uno sport?

Dopo 20 giornate il Milan ha segnato solo quattro gol in più della SPAL. Se c'è un errore commesso in estate dalla dirigenza rossonera che più degli altri sta risaltando in questa stagione è la costante difficoltà degli attaccanti nell'andata a segno. Eppure in estate, anche in questo reparto, di soldi ne sono stati spesi. Tanti e male.
Purtroppo per il Milan, l'errore è stato farsi persuadere da Jorge Mendes. Tra promesse di grandi collaborazione e qualche illusorio spiraglio di un Cristiano Ronaldo in rossonero, il 12 giugno il più potente procuratore al mondo ha rifilato al club di via Aldo Rossi per 38 milioni di euro il portoghese André Silva. Un acquisto troppo frettoloso perché ha successivamente privato la società della possibilità di mettere le mani su un attaccante come Aubameyang - a quel punto economicamente fuori portata - e a virare su Kalinic. Spalmare su due giocatori il budget che era destinato al colpo da 90 in attacco s'è rivelato un autogol clamoroso, col risultato che ad oggi il miglior marcatore rossonero è un giocatore della vecchia guardia: Suso. Un errore che più di altri sta condizionando la stagione rossonera e che rappresenta un promemoria per Mirabelli: più sono potenti, più i procuratori pensano solo ed esclusivamente ai fatti propri. A prescindere dalle esigenze dei club.

Capitolo finale dedicato alla Roma. Nella giornata di ieri ha parlato il ds Monchi provando a rassicurare i tifosi: "Non stiamo smobilitando, rinforzeremo la rosa". Dichiarazioni confortanti, ma i fatti stanno raccontando altro: in estate sono andati via Rüdiger, Salah e Paredes, adesso andrà via Emerson Palmieri e forse anche Dzeko. Se questa non è smobilitazione poco ci manca.
Difficile capire quale è il progetto alle spalle di tutte queste cessioni, chiara solo la necessità di rientrare di poco meno di 50 milioni di euro entro il 30 giugno per motivi di Financial Fair Play. La Roma in questi mesi ha venduto giocatori di tutti i tipi: giovani e calciatori d'esperienza, ma anche un grandissimo attaccante - come Mohamed Salah - che è ad oggi il miglior acquisto definito dalla Premier League la scorsa estate.
Una strategia rischiosa per una squadra che ha chiuso l'ultimo campionato al secondo posto e adesso, continuando a cedere, rischia anche il posto tra le prime quattro. Perché va bene cedere, ma solo se lo fai per far spazio a giocatori più validi o più congeniali al progetto. Non sostituendo Salah, Rüdiger e Paredes con Schick, Moreno e Gonalons.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.