HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
21.01.2018 09:53 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 59718 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché?
Badate bene: non è un problema dei tifosi del Napoli e chi, come qualche giornale, si muove tra preconcetti e aspetta al varco episodi del genere solo per alimentare un anacronistico odio nord/sud e per il gusto di fomentare l'astio è ancora peggio. Molto peggio.
Però questo resta un problema, un enorme problema trasversale di una sempre più larga frangia di persone che hanno trovato nei social lo sfogatoio personale.
Non è un problema solo dei tifosi. I leoni da tastiera, gli sputatori di veleno gratis sempre e comunque ci sono in tutti i campi. Ma su TMW ci occupiamo di calcio e lo sport più nazional-popolare, che divide più dell'elezione del Presidente del Consiglio, rappresenta uno spaccato privilegiato.
Perché Verdi s'è dovuto beccare una lunga serie di insulti? Perché ha deciso di rifiutare il Napoli e continuare la sua avventura al Bologna: dove si trova bene, dove ha trovato l'amore e dove vuole restare almeno fino al termine della stagione. Mettendo da parte prospettive da Scudetto e un contratto molto, molto più importante.
Messa così la vicenda, le critiche sono incomprensibili. Ci lamentiamo ogni giorno della piega che ha preso il calcio moderno, dell'assenza delle bandiere e poi, alla prima occasione, critichiamo aspramente chi non segue la carriera e i soldi. Messa così, la coraggiosa scelta di Verdi deve solo esser presa da esempio. La questione, casomai, è capire se le motivazioni alla base di questa scelta sono solo queste. E la verità, al netto delle smentite che arrivano e arriveranno, la scopriremo solo in estate. Perché il calciomercato non è nato ieri e le scorrettezze, anche quelle che non ti aspetteresti mai, sono sempre dietro l'angolo: se Verdi ha rifiutato Napoli per amore del Bologna è un conto, se invece l'ha rifiutato perché mosso da altri club in lotta per i primi posti che, promettendogli per la prossima stagione un guadagno ancora più elevato, l'hanno indirizzato solo per evitare che il Napoli si rinforzasse a stagione in corso è un altro. E allora la vicenda assumerebbe una piega molto più triste.
Ancora qualche mese comunque e scopriremo la verità. Cosa farà Verdi in estate ci svelerà la verità anche su cosa ha fatto Verdi a gennaio. Ma a prescindere, di insulti e offese sui social anche basta. Possiamo ogni tanto ricordarci che parliamo pur sempre di uno sport?

Dopo 20 giornate il Milan ha segnato solo quattro gol in più della SPAL. Se c'è un errore commesso in estate dalla dirigenza rossonera che più degli altri sta risaltando in questa stagione è la costante difficoltà degli attaccanti nell'andata a segno. Eppure in estate, anche in questo reparto, di soldi ne sono stati spesi. Tanti e male.
Purtroppo per il Milan, l'errore è stato farsi persuadere da Jorge Mendes. Tra promesse di grandi collaborazione e qualche illusorio spiraglio di un Cristiano Ronaldo in rossonero, il 12 giugno il più potente procuratore al mondo ha rifilato al club di via Aldo Rossi per 38 milioni di euro il portoghese André Silva. Un acquisto troppo frettoloso perché ha successivamente privato la società della possibilità di mettere le mani su un attaccante come Aubameyang - a quel punto economicamente fuori portata - e a virare su Kalinic. Spalmare su due giocatori il budget che era destinato al colpo da 90 in attacco s'è rivelato un autogol clamoroso, col risultato che ad oggi il miglior marcatore rossonero è un giocatore della vecchia guardia: Suso. Un errore che più di altri sta condizionando la stagione rossonera e che rappresenta un promemoria per Mirabelli: più sono potenti, più i procuratori pensano solo ed esclusivamente ai fatti propri. A prescindere dalle esigenze dei club.

Capitolo finale dedicato alla Roma. Nella giornata di ieri ha parlato il ds Monchi provando a rassicurare i tifosi: "Non stiamo smobilitando, rinforzeremo la rosa". Dichiarazioni confortanti, ma i fatti stanno raccontando altro: in estate sono andati via Rüdiger, Salah e Paredes, adesso andrà via Emerson Palmieri e forse anche Dzeko. Se questa non è smobilitazione poco ci manca.
Difficile capire quale è il progetto alle spalle di tutte queste cessioni, chiara solo la necessità di rientrare di poco meno di 50 milioni di euro entro il 30 giugno per motivi di Financial Fair Play. La Roma in questi mesi ha venduto giocatori di tutti i tipi: giovani e calciatori d'esperienza, ma anche un grandissimo attaccante - come Mohamed Salah - che è ad oggi il miglior acquisto definito dalla Premier League la scorsa estate.
Una strategia rischiosa per una squadra che ha chiuso l'ultimo campionato al secondo posto e adesso, continuando a cedere, rischia anche il posto tra le prime quattro. Perché va bene cedere, ma solo se lo fai per far spazio a giocatori più validi o più congeniali al progetto. Non sostituendo Salah, Rüdiger e Paredes con Schick, Moreno e Gonalons.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy