VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Verratti alla Juve, la chiave è Orsolini. Tolisso, dieci giorni per il colpo. Idea Rakitic. Inter, Moratti prende le quote di Thohir? Kalinic bloccato: la Viola non trova il sostituto

20.01.2017 07:52 di Enzo Bucchioni   articolo letto 58971 volte
© foto di Federico De Luca

Inutile girarci attorno: i problemi della Juve nascono tutti dal centrocampo. Le colpe e i ritardi di Allegri ci sono (ne parlerò dopo), ma non si possono non chiamare in causa anche Marotta e Paratici che in due mercati estivi non sono stati in grado di comprare un centrocampista di grande qualità e personalità (da Juve) e si sono visti sfuggire definitivamente pure Witsel una settimana fa.

Passare da Pirlo-Vidal-Pogba ai centrocampisti di oggi è un triplo salto mortale, una volta quella era la forza della squadra, oggi non la è più.

Per questo la ricerca di centrocampisti sta diventando incessante e ossessiva. Il primo obiettivo è un regista, un uomo che prenda l’eredità di Pirlo e come vi abbiamo già detto è già stato individuato in Verratti. Sappiamo che anche l’Inter ci sta provando, il Bayern deve sostituire Xavi Alonso. In mezzo alla concorrenza la Juve si è mossa benissimo e oggi è in netto vantaggio: se il ragazzo andrà via da Parigi verrà alla Juve.

Il perché è presto spiegato. La Juve ha deciso di andare direttamente sul giocatore e sul suo procuratore e l’operazione è riuscita. Ci sono indizi, ma anche tracce concrete. Vi siete mai chiesti come mai improvvisamente la Juve si è buttata a capofitto su un ragazzo di 20 anni dell’Ascoli chiamato Riccardo Orsolini pagandolo 6,5 milioni più 5,5 milioni di bonus più una serie di ragazzi juventini come Tamba, Slivika, Favilli, Beltrame e altri finiti nelle Marche? Tanto più che sul giocatore c’era già da tempo tranquillamente il Milan, senza concorrenza. Una risposta un po’ maliziosa, ma semplice c’è: Orsolini è della stessa scuderia di Di Campli, il procuratore di Verratti. Niente di male, ma sicuramente non è una coincidenza, il mercato funziona anche così, chiedere a Raiola. Poi la conferma diretta è arrivata proprio da Di Campli che, tanto per mettere le mani avanti, ha ammesso <è vero, la Juve mi ha chiesto di Verratti>.

In questi casi si fa così. Il giocatore è già convinto da tempo di voler venire alla Juve, vuol giocare in un campionato più intenso e anche in chiave Nazionale è meglio giocare in Italia. La Juve è la squadra che ha sempre sognato. Il procuratore darà una mano su tutta la vicenda, dovrà essere lui a mettere in campo una strategia per far capire prima e convincere poi, il Psg che il ragazzo a Parigi non vuol più stare. Calma. Tempo al tempo.

Naturalmente la Juventus sa che un’operazione del genere costerà non meno di 80 milioni, ma è tutto pronto. Dopo sei anni, per continuare un ciclo, serve un ringiovanimento e un rinnovamento: si ripartirà da Verratti.

Naturalmente stiamo parlando di giugno. Il problema centrocampista è anche di oggi. Rincon non può bastare, buon giocatore, ma è davvero da Juve? Vedremo. Servirebbe qualcosa di più, giocatori con maggior classe, dinamismo e di livello internazionale. Su N’Zonzi ci sono troppi ostacoli, le forze ora sono tornate a concentrarsi su Tolisso del Lione. Non può giocare in Champions, ma potrebbe dare il cambio a Marchisio in campionato e sarebbe già tanto. Anche l’idea Rakitic (non gioca nel Barca) è stata sondata, ma guadagna troppo e si è già promesso a Guardiola per il City. I suoi amici juventini (Manduzkic, Pjaza e compagnia) lo corteggiano e insistono, ma un’operazione del genere a gennaio è quasi impossibile. Mancano dieci giorni alla chiusura del mercato, il colpo vero è difficile, complicato, ma la Juve ci proverà.

Intanto, però, Allegri deve fare di più anche con questa rosa. La Juve vista a Firenze è apparsa d’improvviso invecchiata nelle gambe e nella testa. Ma anche Allegri non è stato lucidissimo nel tornare a quel vecchio 3-5-2 che non piò funzionare senza una grande difesa e grandi esterni. Troppo lontani dalla porta, squadra troppo lunga, Dybala basso, Higuain isolato. Domenica si è visto un disastro vero. Al di là dei risultati ottenuti (prima in classifica, qualificazione Champions, avanti in coppa Italia), la Juve non lascia l’impressione della grande squadra. Allegri non ha ancora inserito bene i nuovi come Higuain che segna, ma per prodezze individuali o Pjanic provato in troppe posizioni. Quale è oggi il miglior reparto della Juve? L’attacco, senza dubbio. Per me allora Allegri dovrebbe ricominciare da lì cambiando assetto e modo di stare in campo per sfruttare la forza offensiva della squadra. Se vuol giocare con i tre dietro deve ricordarsi che Rugani in questi momento è il più in forma e Benatia (quando tornerà) è una risorsa. Barzagli e Chiellini mostrano crepe, Bonucci deve recuperare. Il 3-4-2-1 potrebbe essere una buona base con Lichtsteiner (in attesa di Dani Alves), Rincon, Marchisio e Alex Sandro in mediana, Dybala e Pjanic dietro a Higuain. In questo modo, tenendo la difesa più alta, senza un regista basso, si potrebbe portare la regia più avanti nei piedi di Pjanic e la Juve stare più vicino alla porta avversaria. Qualcosa Allegri deve fare, i giocatori di personalità ci sono e in Europa si deve giocare per vincere. Sempre. Detto questo capisco il malumore dei tifosi, da un bravo allenatore come Allegri è logico aspettarsi un’invenzione e più coraggio invece di tornare al modulo di Conte. Non ritorno sul discorso dell’addio già fatto mesi fa, per me ci sarà, ma c’è tempo per riparlarne.

Riparlando di mercato, il colpo vero (viste le due prime partite) sembra averlo fatto davvero l’Inter. Ho scritto che 25 milioni per un giocatore con 14 partite in A alle spalle erano troppi, ma visto Gagliardini al debutto e in coppa Italia, ha fatto due gare da giocatore importante con la personalità del veterano. Se continua così può essere davvero il nuovo Tardelli o roba del genere. Intanto l’incontro Zhang-Thohir-Moratti, bollato come cortesia pura, in realtà è servito a capire cosa fare del 30 per cento dell’Inter ancora in mano all’indonesiano. Zhang avrebbe piacere di riportare in società l’ex patron, Moratti è tentato, ma l’idea di mettere assieme una cordata di imprenditori interisti-amici sta trovando difficoltà. Economicamente Moratti non vuole tornare a impegnarsi così tanto, ma non ci sono grandi problemi: se alla scadenza Moratti declinerà l’offerta, interverrà ancora Zhang per diventare unico azionista. Una cosa è certa: i cinesi vogliono una grande quadra prima possibile. Le risorse ci sono.

Le risorse, invece, scarseggiano a Firenze. I Della Valle però, come sappiamo, stanno per fare il grosso colpo Kalinic. Il giocatore è d’accordo con Cannavaro, vuole andare in Cina per 12 milioni netti per quattro anni. Ieri doveva essere il giorno buono per l’accordo finale fra le società sulla base di circa 40 milioni, ma è stato messo tutto in stand-by. Perché non si chiude? Prima di dare l’annuncio dell’addio di Kalinic, Andrea Della Valle vuole trovare un sostituto degno e soprattutto vuol far giocare a Kalinic la sfida con il Napoli di martedi’ prossimo in coppa Italia. Basta aspettare….


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.