HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
I Collovoti

TMW RADIO - Collovati: "Inter, troppi errori. Spalletti ottimo tecnico, ma 3^ scelta"

16.05.2017 23:05 di Ivan Cardia  Twitter:    articolo letto 11685 volte
© foto di Federico De Luca

Ospite di TMW Radio, Fulvio Collovati ha parlato del momento dell'Inter, quasi al termine di una stagione molto complicata: "Otto partite in due punti: le ultime gare parlano di una media ben peggio che da retrocessione. Servirebbero fiumi di parole, possiamo sintetizzare dicendo che vi sono stati troppi cambiamenti radicali in società. Vuol dire che prima mancava un punto di riferimento, di cui i calciatori hanno bisogno".

Sulla squadra.
"È stata costruita male, è sopravvalutata: le ultime due campagne acquisti sono state fallimentari. Il denaro è stato speso, ma male, comprando a caso senza un progetto di costruzione di squadra. Si è vissuto alla giornata".

Ausilio dovrebbe dimettersi?
"In qualsiasi altra azienda, non calcistica, sarebbe così. La persona alla quale viene affidato un ruolo di potere, in questo caso sul mercato, deve comprare dei giocatori in base alla cifra stanziata dalla società. Se questi giocatori sono sbagliati paga chi li ha scelti. Fuori dal mondo del calcio è così, nel calcio così. Però se è stato scelto un altro dirigente come Sabatini vuol dire che la società non è soddisfatta. È tutta una serie di concause, anche gli allenatori sono stati sbagliati, anche se penso che questo sia l'ultimo problema".

A tal proposito, da chi ripartire?
"Mi sembra che sia stata scelta una persona: pieni poteri a Sabatini. Gli allenatori bravi sono già presi, l'Inter potrà prendere Spalletti, Pochettino o Jardim. Però non sono prime scelte: la prima è Conte, la seconda è Simeone. Loro non sono liberi, gli altri sono terze o quarte scelte".

Spalletti è un gradino avanti a Pioli.
"Sì. Chi va a leggere la storia dell'Inter vede che la figura dell'allenatore forte ha sempre avuto successo, forse l'unico è stato Lippi, arrivato con pochi poteri e poi andato via quasi subito. Per il resto, penso a Herrera, Trapattoni, Mourinho: tutti uomini forti. Spalletti è un uomo forte, che ha carattere. E Roma è una piazza difficile quanto Milano. Non sarà la prima scelta, ma sarebbe un ottimo allenatore".



TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

19 aprile 1989, leggenda Milan: 5-0 al Real Madrid e finale di Coppa Campioni Il 19 aprile 1989 è una data che resta nella storia del Milan di Silvio Berlusconi. A San Siro i rossoneri giocano la semifinale di ritorno di Coppa dei Campioni contro il Real Madrid della quinta del Buitre, dominatore in Spagna (si appresta a vincere il quarto campionato di fila)...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510