HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

L'avvocato del diavolo

C'è del marcio in Inghilterra! Il Telegraph scoperchia il mondo degli affaristi, Allardyce c'è cascato con tutte le scarpe. I giri degli amici degli amici. E un caffè per tutti...

Claudio Pasqualin (Udine, 30 maggio 1944) è un procuratore sportivo e avvocato italiano del Foro di Vicenza, esperto di diritto sportivo. È stato vicepresidente dell'AIC, presidente di AssoProcuratori ed è attualmente presidente di AvvocatiCalcio.
06.10.2016 16:00 di Claudio Pasqualin   articolo letto 51617 volte
Fonte: Testo da raccolto da Alessio Alaimo

C'è del marcio in Inghilterra! Parafrasando Shakespeare oggi si può fare una particolare fotografia della Premier League, cioè dell'élite dell'organizzazione del calcio, leader mondiale nei ricavi. L'inchiesta giornalistica dell'autorevole Telegraph ha scoperchiato un mondo di affaristi, spesso avidi, corruttibili e in perenne conflitto di interessi. L'ex CT della Nazionale Sam Allardyce, rimosso subito dall'incarico, ci è cascato con tutte le scarpe. Ma ha così dato conferma che oggi i tecnici vecchio stampo sono ormai dei businessman e pensano solo a fare soldi. Più che agli allenamenti (che delegano ai componenti dello staff) si dedicano a quel mercato che offre loro la possibilità di..."bersi un caffè". Si, perché sembra che la loro espressione tipica sia: "c'è un caffè anche per me?", una frase che rispecchia in maniera solare questa conclamata tendenza alla corruzione. Ora il Governo ha sollecitato un'indagine alla Federcalcio Inglese, ma al di là delle sanzioni che verranno inflitte, resta il quadro oscuro di un calcio che non è solo lo show della Premier, il rispetto e il fascino delle tradizioni immutabili nei secoli, gli stadi belli e funzionali. L'altra faccia del Regno di Sua Maestà è un mondo dove, grazie anche ai ricchi contratti della TV, c'è un giro di denaro impressionante che spesso scorre nei rivoli sbagliati, che sottraggono all'economia di sistema importi notevoli per tangenti quasi istituzionali.

In questo sistema gli allenatori inglesi, non a caso definiti "manager", hanno la facoltà di gestire disinvoltamente ingenti quantità di denaro. Vogliono comandare su tutto e soprattutto gestire il mercato, in barba a qualsiasi principio di conflitto di interessi. Spesso peraltro a comprare e vendere i giocatori sono gli stessi procuratori (o agenti che dir si voglia) del cosiddetto manager.

La figura del direttore sportivo è da loro considerata quasi di disturbo e la sovrastano senza preoccuparsi di nulla. Quello del calcio inglese è un mondo chiuso che può "aprirsi", come sta avvenendo, solo con l'immissione di nuovi allenatori provenienti da altre realtà. Ci sono giri consolidati e ci sono gli amici degli amici. E c'è un caffè per tutti...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 16 luglio JUVE, ECCO CRISTIANO RONALDO: CR7 SI PRESENTA. SU ALEX SANDRO C'È IL PSG E SU HIGUAIN-RUGANI IL CHELSEA. INTER, ARRIVATO SALCEDO E SCADUTA CLAUSOLA DI ICARDI VERSO L'ESTERO: ORA IL RINNOVO. UNITED SU PERISIC, WOLVES SU JOAO MARIO. ROMA, LIVERPOOL ALL'ASSALTO DI ALISSON. MILAN, GATTUSO...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy