HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
L'avvocato del diavolo

Lippi e la mancata firma con l'Italia, varcati i confini di anti costituzionalità

25.06.2016 10:31 di Claudio Pasqualin   articolo letto 48567 volte
© foto di Federico De Luca

In queste ore è tornata alla ribalta delle cronache sportive la questione Lippi e la compatibilità' della nomina da parte della Figc di Marcello quale DT delle Nazionali con l'attivita' di procuratore sportivo svolta dal figlio Davide. La Federazione si trova ora a dover sbrogliare una matassa che proprio i piani alti di Via Allegri avevano imbrigliata per cercare di cancellare o comunque limitare la professione di agente ora procuratore. Il leit motiv prevede che sia stata la FIFA ad imporlo ma in realta' ogni Federazione Nazionale ci ha messo del suo, in tal caso la norma introdotta nel regolamento nazionale prevale su quella internazionale, la Federazione Italiana avrebbe potuto emanare una disciplina con maggior buon senso e soprattutto con maggior fondamento di legittimita'. Avvocaticalcio, senza indugi, si schiera contro la norma introdotta dall' art. 3 del Regolamento afferente i procuratori sportivi, proprio quella norma che impedirebbe a Davide Lippi di esercitare la professione di procuratore, avendo un padre DT della Figc, un po' come un figlio avvocato che non possa esercitare in Italia avendo un padre Magistrato. I confini di anti costituzionalita' sono stati senza dubbio varcati; impedire lo svolgimento di una legittima attivita' lavorativa , a parere di Avvocaticalcio, e' assolutamente una norma senza alcun fondamento giuridico. Sarebbe sufficiente non consentire, come succede di solito nell'attivita' forense, che il figlio abbia come interlocutore o dirigente nelle proprie attivita' il padre. Nella fattispecie , inoltre, ci troviamo di fronte ad un DT delle nazionali che poco potrebbe influenzare la professione' del figlio. Dalle ultime notizie parrebbe che Marcello Lippi, stanco di restare nell'attesa dell' interpretazione della norma Regolamentare da parte della Corte Federale, abbia ritirato la propria nomina. Non sappiamo quanto sia stato indotto a farlo o meno, comunque sarebbe una ulteriore sconfitta per il movimento calcio involuto su posizioni ataviche e senza alcun senso logico giuridico.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Napoli, De Laurentiis: "Allan? Nessuna offerta. Ma col PSG siamo amici" Il presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis ha parlato ai microfoni dell'emittente francese RMC Sport delle voci sul possibile passaggio di Allan al PSG: "Non ho ricevuto alcuna offerte. Ma i due club parlano spesso per valutare eventuali occasioni, siamo amici. Vedremo se ci sarà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510