HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
La scheda di Carlo Nesti

Carlo Nesti: "Parigi: cosa insegna quel terrore da stadio"

16.11.2015 06:54 di Carlo Nesti   articolo letto 11219 volte

Tante volte, forse anche troppe volte, abbiamo commentato gli incidenti, all'interno o all'esterno di uno stadio, dicendo: "Sono fatti, che non c'entrano con lo sport".

In quelle circostanze, però, emergeva quasi sempre come i responsabili, più o meno direttamente, trovassero ospitalità nel bacino del tifo estremo.

A Parigi, invece, un nemico, proveniente da tutt'altro scenario, per colpire la convivenza democratica, voleva stabilire il suo primato dell'orrore proprio in uno stadio.

Lo stadio, quale massimo luogo di aggregazione popolare e di amplificazione mediatica, "cattedrale" di quella immensa "fede laica", che è la passione per lo sport.

Venerdì scorso, Stade de France, alle 21,17, 21,20 e 21,53: le esplosioni, causate da chi cercava la strage e la mattanza, come altrove in città, ma in diretta televisiva.

Se la follia non si fosse fermata nei pressi di Rue Jules Rimet, l'uomo che inventò i Mondiali di calcio, avrebbe trovato sfogo in un teatro da 80 mila posti.

Quella sera, il passato era nel ricordo dell'Heysel, durante Belgio-Italia, e il futuro nelle gambe di chi, in Francia-Germania, pensava a Euro 2016, proprio in Francia.

Il tragico presente, invece, era affine ai morti delle Olimpiadi di Monaco 1972, o a quelli della Maratona di Boston 2013: il terrorismo, che si serve dello sport.

La stragrande maggioranza di noi, sportivi, vuole che gli stadi restino un luogo di festa, e si sente lontana anni luce da tanto orrore.

Una cosa è il tifo estremo, e altra cosa è il terrorismo, ma, attenzione: abbiamo già sperimentato, atrocemente, come anche il tifo estremo, tradotto in teppismo, possa uccidere.

Quindi alle prese con lo sport, non dimentichiamo mai il senso di responsabilità, perché lo stadio sia un contenitore di sincera passione, e non di schiacciante paura.

("EDITORIALE" PER RADIO SPORTIVA)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Serie A

Primo piano

Mercato no stop - Indiscrezioni, trattative e ufficialità del 23 ottobre GIORNI CALDI PER GATTUSO AL MILAN: SPUNTA IL NOME DI GATTUSO. MAROTTA, L'INTER ALLA FINESTRA. ICARDI, TRATTATIVA A OLTRANZA PER IL RINNOVO. POGBA, LA JUVENTUS TRATTA SUL PREZZO. NAPOLI-DIAWARA, FUTURO INCERTO. LA FIORENTINA DICE NO ALLO UNITED PER MILENKOVIC Nella giornata di giovedì...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy