HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
La scheda di Carlo Nesti

Carlo Nesti: "Parigi: cosa insegna quel terrore da stadio"

16.11.2015 06:54 di Carlo Nesti   articolo letto 11231 volte

Tante volte, forse anche troppe volte, abbiamo commentato gli incidenti, all'interno o all'esterno di uno stadio, dicendo: "Sono fatti, che non c'entrano con lo sport".

In quelle circostanze, però, emergeva quasi sempre come i responsabili, più o meno direttamente, trovassero ospitalità nel bacino del tifo estremo.

A Parigi, invece, un nemico, proveniente da tutt'altro scenario, per colpire la convivenza democratica, voleva stabilire il suo primato dell'orrore proprio in uno stadio.

Lo stadio, quale massimo luogo di aggregazione popolare e di amplificazione mediatica, "cattedrale" di quella immensa "fede laica", che è la passione per lo sport.

Venerdì scorso, Stade de France, alle 21,17, 21,20 e 21,53: le esplosioni, causate da chi cercava la strage e la mattanza, come altrove in città, ma in diretta televisiva.

Se la follia non si fosse fermata nei pressi di Rue Jules Rimet, l'uomo che inventò i Mondiali di calcio, avrebbe trovato sfogo in un teatro da 80 mila posti.

Quella sera, il passato era nel ricordo dell'Heysel, durante Belgio-Italia, e il futuro nelle gambe di chi, in Francia-Germania, pensava a Euro 2016, proprio in Francia.

Il tragico presente, invece, era affine ai morti delle Olimpiadi di Monaco 1972, o a quelli della Maratona di Boston 2013: il terrorismo, che si serve dello sport.

La stragrande maggioranza di noi, sportivi, vuole che gli stadi restino un luogo di festa, e si sente lontana anni luce da tanto orrore.

Una cosa è il tifo estremo, e altra cosa è il terrorismo, ma, attenzione: abbiamo già sperimentato, atrocemente, come anche il tifo estremo, tradotto in teppismo, possa uccidere.

Quindi alle prese con lo sport, non dimentichiamo mai il senso di responsabilità, perché lo stadio sia un contenitore di sincera passione, e non di schiacciante paura.

("EDITORIALE" PER RADIO SPORTIVA)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie La scheda di Carlo Nesti

Primo piano

Da Gervinho a Correa: i 7 rinnovi ufficializzati dai club di A nella sosta Ripartirà domani con Lazio-Atalanta la Serie A. La sfida dell'Olimpico darà il via all'ottava giornata di campionato e metterà fine alla sosta per dar spazio alle nazionali. Una pausa che spesso porta con sé qualche esonero (Di Francesco e Giampaolo, in questo caso), ma utile alle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510